Home » Comunicati Stampa »Idee » Nell’indagine ECBA Project i paradossi del credito bancario: tassi più alti per i virtuosi del Made in Italy:

Nell’indagine ECBA Project i paradossi del credito bancario: tassi più alti per i virtuosi del Made in Italy

settembre 11, 2014 Comunicati Stampa, Idee

In che modo le banche allocano i risparmi dei cittadini? Nell’erogazione del credito tengono conto delle prestazioni ambientali dei clienti? Il sistema del credito è orientato a sostenere attività ad alto impatto ambientale e sanitario, oppure tende a finanziare attività eco-sostenibili? Per rispondere a queste domande la società romana ECBA Project ha realizzato un’innovativa indagine sulla sostenibilità ambientale del settore bancario nel contesto dell’economia nazionale, analizzandone le prestazioni ambientali, sia dirette che indirette, e proponendo indicatori utili anche per la valutazione ambientale del merito di credito.

Dalla ricerca emerge che, anche se il settore bancario non ha effetti ambientali diretti particolarmente impattanti, nell’erogazione del credito, invece, appare molto sbilanciato nel finanziamento di attività in settori con elevate esternalità ambientali: i costi esterni del portafoglio prestiti del sistema creditizio, calcolati come media ponderata per gli impieghi bancari dell’intensità dei danni sanitari e ambientali dei diversi settori di attività economica, sono pari a 45 euro ogni 1.000 di valore aggiunto generato dalle imprese. A dirci che questo valore è eccessivo e insostenibile nel lungo termine è il semplice confronto con l’intensità dei costi esterni per il complesso delle imprese italiane che, in base all’indagine di ECBA Project risulta pari a circa 24 euro ogni 1.000 euro di valore aggiunto: il settore bancario impiega dunque le risorse dei risparmiatori in maniera selettivamente più insostenibile sotto il profilo ambientale rispetto alla media della realtà produttiva nazionale, contribuendo indirettamente (attraverso lo strumento del credito) alla generazione di danni per unità di valore aggiunto pari quasi al doppio di quelli mediamente attribuibili al complesso delle imprese dell’economia.

L’indice di intensità di costo esterno ambientale proposto da ECBA Project per le attività economiche delle singole imprese e dei settori di appartenenza, denominato Environmental Cost-Benefit Index (ECBI), può migliorare il processo decisionale di valutazione del merito di credito, fornendo alla banca un’informazione sintetica sulle prestazioni ambientali dell’impresa cliente, facilmente integrabile nel processo di valutazione del merito di credito.

L’indagine di ECBA Project sul settore bancario ha anche analizzato le possibili relazioni fra sostenibilità ambientale (valore dell’ECBI) e tassi sui prestiti nei diversi settori dell’economia (nel primo trimestre 2013 oscillanti fra il 2,3% e 5,0%, con un  valore medio pari a 3,3%). Il livello dei tassi dovrebbe rappresentare il livello complessivo di rischio del finanziamento e, quindi, integrare anche l’esposizione ai costi esterni imputabili alle attività d’impresa. Ciononostante, dall’analisi non emergono evidenze di una correlazione premiante fra efficienza ambientale di settore e livello medio del tasso d’interesse settoriale. Al contrario, sembra addirittura verificarsi il suo opposto: molti dei settori ritenuti dalle banche più solidi dal punto di vista finanziario sono in realtà molto esposti alle esternalità ambientali. Come se si desse per scontata una certa “impunità” di queste attività.

Tanto per fare qualche esempio, il settore “Coke e prodotti petroliferi” con 821 euro di esternalità generate per 1.000 di valore aggiunto creato, beneficia di un tasso fra i più bassi (TAEG 3,0%), il settore “Energia elettrica e gas” con 172 euro di esternalità generate per 1.000 di valore aggiunto, ha un tasso del 2,9%, la “Metallurgia” con 155 euro, ha un tasso del 3,3%. Viceversa, i settori via via più virtuosi sotto il profilo ambientale (quelli con valori dell’ECBI perlomeno inferiori alla media nazionale di 24 euro per 1.000 di valore aggiunto) sono tendenzialmente gravati da tassi elevati. Ne sono un esempio alcuni settori tipici del Made in Italy, quali il “Tessile”, che, con 10 euro di esternalità generate per 1.000 euro di valore aggiunto, presenta un costo medio del credito pari a circa 4%, o il settore dei “Mobili”, che con 4 euro di esternalità generate, ha un costo medio dei finanziamenti del 4,45%. Stesso discorso vale anche per il settore “Alimentare”, che con 14 euro di esternalità generate presenta un costo medio dei finanziamenti di circa il 3,7%.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende