Home » Comunicati Stampa »Idee » Nell’indagine ECBA Project i paradossi del credito bancario: tassi più alti per i virtuosi del Made in Italy:

Nell’indagine ECBA Project i paradossi del credito bancario: tassi più alti per i virtuosi del Made in Italy

settembre 11, 2014 Comunicati Stampa, Idee

In che modo le banche allocano i risparmi dei cittadini? Nell’erogazione del credito tengono conto delle prestazioni ambientali dei clienti? Il sistema del credito è orientato a sostenere attività ad alto impatto ambientale e sanitario, oppure tende a finanziare attività eco-sostenibili? Per rispondere a queste domande la società romana ECBA Project ha realizzato un’innovativa indagine sulla sostenibilità ambientale del settore bancario nel contesto dell’economia nazionale, analizzandone le prestazioni ambientali, sia dirette che indirette, e proponendo indicatori utili anche per la valutazione ambientale del merito di credito.

Dalla ricerca emerge che, anche se il settore bancario non ha effetti ambientali diretti particolarmente impattanti, nell’erogazione del credito, invece, appare molto sbilanciato nel finanziamento di attività in settori con elevate esternalità ambientali: i costi esterni del portafoglio prestiti del sistema creditizio, calcolati come media ponderata per gli impieghi bancari dell’intensità dei danni sanitari e ambientali dei diversi settori di attività economica, sono pari a 45 euro ogni 1.000 di valore aggiunto generato dalle imprese. A dirci che questo valore è eccessivo e insostenibile nel lungo termine è il semplice confronto con l’intensità dei costi esterni per il complesso delle imprese italiane che, in base all’indagine di ECBA Project risulta pari a circa 24 euro ogni 1.000 euro di valore aggiunto: il settore bancario impiega dunque le risorse dei risparmiatori in maniera selettivamente più insostenibile sotto il profilo ambientale rispetto alla media della realtà produttiva nazionale, contribuendo indirettamente (attraverso lo strumento del credito) alla generazione di danni per unità di valore aggiunto pari quasi al doppio di quelli mediamente attribuibili al complesso delle imprese dell’economia.

L’indice di intensità di costo esterno ambientale proposto da ECBA Project per le attività economiche delle singole imprese e dei settori di appartenenza, denominato Environmental Cost-Benefit Index (ECBI), può migliorare il processo decisionale di valutazione del merito di credito, fornendo alla banca un’informazione sintetica sulle prestazioni ambientali dell’impresa cliente, facilmente integrabile nel processo di valutazione del merito di credito.

L’indagine di ECBA Project sul settore bancario ha anche analizzato le possibili relazioni fra sostenibilità ambientale (valore dell’ECBI) e tassi sui prestiti nei diversi settori dell’economia (nel primo trimestre 2013 oscillanti fra il 2,3% e 5,0%, con un  valore medio pari a 3,3%). Il livello dei tassi dovrebbe rappresentare il livello complessivo di rischio del finanziamento e, quindi, integrare anche l’esposizione ai costi esterni imputabili alle attività d’impresa. Ciononostante, dall’analisi non emergono evidenze di una correlazione premiante fra efficienza ambientale di settore e livello medio del tasso d’interesse settoriale. Al contrario, sembra addirittura verificarsi il suo opposto: molti dei settori ritenuti dalle banche più solidi dal punto di vista finanziario sono in realtà molto esposti alle esternalità ambientali. Come se si desse per scontata una certa “impunità” di queste attività.

Tanto per fare qualche esempio, il settore “Coke e prodotti petroliferi” con 821 euro di esternalità generate per 1.000 di valore aggiunto creato, beneficia di un tasso fra i più bassi (TAEG 3,0%), il settore “Energia elettrica e gas” con 172 euro di esternalità generate per 1.000 di valore aggiunto, ha un tasso del 2,9%, la “Metallurgia” con 155 euro, ha un tasso del 3,3%. Viceversa, i settori via via più virtuosi sotto il profilo ambientale (quelli con valori dell’ECBI perlomeno inferiori alla media nazionale di 24 euro per 1.000 di valore aggiunto) sono tendenzialmente gravati da tassi elevati. Ne sono un esempio alcuni settori tipici del Made in Italy, quali il “Tessile”, che, con 10 euro di esternalità generate per 1.000 euro di valore aggiunto, presenta un costo medio del credito pari a circa 4%, o il settore dei “Mobili”, che con 4 euro di esternalità generate, ha un costo medio dei finanziamenti del 4,45%. Stesso discorso vale anche per il settore “Alimentare”, che con 14 euro di esternalità generate presenta un costo medio dei finanziamenti di circa il 3,7%.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende