Home » Comunicati Stampa » Ecomondo 2009: la risposta anticrisi delle bioplastiche:

Ecomondo 2009: la risposta anticrisi delle bioplastiche

ottobre 28, 2009 Comunicati Stampa

NovamontNovamont partecipa ad Ecomondo come esempio di realtà industriale sostenibile in grado di contribuire al rilancio dell’economia italiana, di coniugare la crescente domanda di qualità ambientale con la competitività di impresa.

Rimini, 28 ottobre 2009 – Qual è l’impatto economico tra innovazione e ambiente? Quale il futuro dell’industria chimica? Risposta concreta a questi quesiti è Novamont, azienda italiana leader nel settore delle bioplastiche, che parteciperà alla 13^ edizione di Ecomondo, la fiera internazionale del Recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile.

Nata come centro di ricerca ed oggi impegnata nello sviluppo di prodotti generati da materie prime rinnovabili di origine agricola, Novamont rappresenta oggi una risposta concreta alla domanda di rilancio di settori industriali che scelgono la sostenibilità ambientale, economica e sociale. Novamont punta a contribuire in modo significativo alla realizzazione di una nuova politica industriale che crei un sistema integrato tra chimica, agricoltura, industria ed ambiente per uno “sviluppo veramente sostenibile” e a basso impatto ambientale. Risolvere quindi gli urgenti problemi di inquinamento ambientale attraverso l’uso di risorse rinnovabili di origine agricola, minimizzando la produzione di rifiuti post consumo e sviluppando processi a basso impatto ambientale.

In occasione di Ecomondo “riprodurrà” all’interno del proprio stand (padiglione D1, stand 76) l’intera filiera coinvolta nel progetto “Bioraffineria integrata nel territorio”.

Un modello di sviluppo industriale sostenibile in grado di contribuire al rilancio dell’economia italiana, di coniugare la crescente domanda di qualità ambientale con la competitività di impresa e di fornire risposte concrete alle problematiche delle risorse petrolifere. La bioraffineria Novamont, primo esempio nel suo genere, va ad integrare a monte la filiera delle bioplastiche Mater-Bi® ed Origo-Bi® ed apre a nuove applicazioni nel campo degli intermedi chimici. Un insediamento produttivo integrato nel territorio in grado di utilizzare le risorse naturali di origine agricola non-food, quali amido di mais e oli vegetali.

L’approccio sistemico sta poi portando ad analizzare le opportunità offerte dalla produzione di energia dagli scarti ed a coinvolgere gli agricoltori direttamente nella filiera industriale, facendoli diventare essi stessi parte integrante dell’innovazione. Al centro di questo progetto sta la bioraffineria di Terni, che ha mosso i primi passi nel 2002 e che alla fine del 2009 raggiungerà  una capacità produttiva di 60.000 t/a.

La bioraffineria Novamont si propone come un modello in evoluzione che crea un sistema integrato tra industria, agricoltura, ambiente ed economia locale, duplicabile in altri territori, in base alla disponibilità di colture appropriate e di attenzione alla qualità ambientale del territorio stesso. Un modello reso possibile grazie alla scelta coraggiosa che Novamont e i suoi partner hanno fatto tanti anni fa,  puntando sulla ricerca e l’innovazione continua e sulla competitività ambientale d’impresa con una logica di “life cycle thinking”, concentrandosi solo sullo sviluppo di prodotti e sistemi con concreti vantaggi economico-ambientali.

Presso lo stand Novamont ad Ecomondo sarà quindi possibile conoscere ed approfondire l’intero ciclo di vita del Mater-Bi, dalla sua nascita con l’utilizzo di materie prime di origine agricola, che poi tornano alla terra attraverso processi di biodegradazione o compostaggio senza il rilascio di sostanze inquinanti.

Partendo dal Mater-Bi è stato possibile lavorare a diverse soluzioni economicamente ed ambientalmente sostenibili in diversi settori. Dalla pacciamatura agricola agli shopper per la spesa ed ai sacchetti per la raccolta differenziata della frazione organica, dai film per gli imballaggi alimentari ai prodotti per il catering.

Stand Novamont
Riduci, Riusa, Ricicla sono le tre “erre” che caratterizzano la progettazione del nuovo stand “Novamont” realizzato interamente con materiali da fonti rinnovabili, ecologici ed a basso impatto ambientale in coerenza con la mission di Novamont.

Contrariamente a quanto normalmente succede (gli stand vengono realizzati per una sola edizione) lo stand è progettato per essere interamente smontato e rimontato permettendo a Novamont di riutilizzare in modo assolutamente flessibile futuri allestimenti.

Materiali utilizzati: Legno, Cartone, Impianto di illuminazione efficiente con uso di sole lampadine a risparmio energetico (questa soluzione ci permette di consumare 2,5 kwh, un quinto dei 12,5 kwh altrimenti necessari), Comunicazione (proiezione delle immagini attraverso una rete di proiettori e schermi a tecnologia evoluta risparmiando in stampe e conseguenti materiali di supporto e inchiostri. Il materiale informativo è stato realizzato su carta riciclata al 100% prodotta senza l’utilizzo di cloro e stampato con il processo di stampa ecologica RiCose con inchiostri a base di oli vegetali).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende