Home » Comunicati Stampa » Ecomondo 2009: la risposta anticrisi delle bioplastiche:

Ecomondo 2009: la risposta anticrisi delle bioplastiche

ottobre 28, 2009 Comunicati Stampa

NovamontNovamont partecipa ad Ecomondo come esempio di realtà industriale sostenibile in grado di contribuire al rilancio dell’economia italiana, di coniugare la crescente domanda di qualità ambientale con la competitività di impresa.

Rimini, 28 ottobre 2009 – Qual è l’impatto economico tra innovazione e ambiente? Quale il futuro dell’industria chimica? Risposta concreta a questi quesiti è Novamont, azienda italiana leader nel settore delle bioplastiche, che parteciperà alla 13^ edizione di Ecomondo, la fiera internazionale del Recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile.

Nata come centro di ricerca ed oggi impegnata nello sviluppo di prodotti generati da materie prime rinnovabili di origine agricola, Novamont rappresenta oggi una risposta concreta alla domanda di rilancio di settori industriali che scelgono la sostenibilità ambientale, economica e sociale. Novamont punta a contribuire in modo significativo alla realizzazione di una nuova politica industriale che crei un sistema integrato tra chimica, agricoltura, industria ed ambiente per uno “sviluppo veramente sostenibile” e a basso impatto ambientale. Risolvere quindi gli urgenti problemi di inquinamento ambientale attraverso l’uso di risorse rinnovabili di origine agricola, minimizzando la produzione di rifiuti post consumo e sviluppando processi a basso impatto ambientale.

In occasione di Ecomondo “riprodurrà” all’interno del proprio stand (padiglione D1, stand 76) l’intera filiera coinvolta nel progetto “Bioraffineria integrata nel territorio”.

Un modello di sviluppo industriale sostenibile in grado di contribuire al rilancio dell’economia italiana, di coniugare la crescente domanda di qualità ambientale con la competitività di impresa e di fornire risposte concrete alle problematiche delle risorse petrolifere. La bioraffineria Novamont, primo esempio nel suo genere, va ad integrare a monte la filiera delle bioplastiche Mater-Bi® ed Origo-Bi® ed apre a nuove applicazioni nel campo degli intermedi chimici. Un insediamento produttivo integrato nel territorio in grado di utilizzare le risorse naturali di origine agricola non-food, quali amido di mais e oli vegetali.

L’approccio sistemico sta poi portando ad analizzare le opportunità offerte dalla produzione di energia dagli scarti ed a coinvolgere gli agricoltori direttamente nella filiera industriale, facendoli diventare essi stessi parte integrante dell’innovazione. Al centro di questo progetto sta la bioraffineria di Terni, che ha mosso i primi passi nel 2002 e che alla fine del 2009 raggiungerà  una capacità produttiva di 60.000 t/a.

La bioraffineria Novamont si propone come un modello in evoluzione che crea un sistema integrato tra industria, agricoltura, ambiente ed economia locale, duplicabile in altri territori, in base alla disponibilità di colture appropriate e di attenzione alla qualità ambientale del territorio stesso. Un modello reso possibile grazie alla scelta coraggiosa che Novamont e i suoi partner hanno fatto tanti anni fa,  puntando sulla ricerca e l’innovazione continua e sulla competitività ambientale d’impresa con una logica di “life cycle thinking”, concentrandosi solo sullo sviluppo di prodotti e sistemi con concreti vantaggi economico-ambientali.

Presso lo stand Novamont ad Ecomondo sarà quindi possibile conoscere ed approfondire l’intero ciclo di vita del Mater-Bi, dalla sua nascita con l’utilizzo di materie prime di origine agricola, che poi tornano alla terra attraverso processi di biodegradazione o compostaggio senza il rilascio di sostanze inquinanti.

Partendo dal Mater-Bi è stato possibile lavorare a diverse soluzioni economicamente ed ambientalmente sostenibili in diversi settori. Dalla pacciamatura agricola agli shopper per la spesa ed ai sacchetti per la raccolta differenziata della frazione organica, dai film per gli imballaggi alimentari ai prodotti per il catering.

Stand Novamont
Riduci, Riusa, Ricicla sono le tre “erre” che caratterizzano la progettazione del nuovo stand “Novamont” realizzato interamente con materiali da fonti rinnovabili, ecologici ed a basso impatto ambientale in coerenza con la mission di Novamont.

Contrariamente a quanto normalmente succede (gli stand vengono realizzati per una sola edizione) lo stand è progettato per essere interamente smontato e rimontato permettendo a Novamont di riutilizzare in modo assolutamente flessibile futuri allestimenti.

Materiali utilizzati: Legno, Cartone, Impianto di illuminazione efficiente con uso di sole lampadine a risparmio energetico (questa soluzione ci permette di consumare 2,5 kwh, un quinto dei 12,5 kwh altrimenti necessari), Comunicazione (proiezione delle immagini attraverso una rete di proiettori e schermi a tecnologia evoluta risparmiando in stampe e conseguenti materiali di supporto e inchiostri. Il materiale informativo è stato realizzato su carta riciclata al 100% prodotta senza l’utilizzo di cloro e stampato con il processo di stampa ecologica RiCose con inchiostri a base di oli vegetali).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende