Home » Comunicati Stampa » EcorNaturasi: l’etichetta ti dice dove buttarlo:

EcorNaturasi: l’etichetta ti dice dove buttarlo

novembre 24, 2011 Comunicati Stampa

Dove lo butto?”: una domanda che chiunque di noi si pone di frequente davanti a una scatola, lattina, bottiglietta, contenitore da buttare. Un compito, quello dei consumatori “differenziatori”, non semplice anche per la tipologia, a volte complessa, di imballaggi e contenitori degli alimenti che quotidianamente si consumano.

Da qui parte l’impegno di EcorNaturaSì, gruppo di riferimento nel panorama del biologico italiano, per realizzare un progetto di ecosostenibilità che prende il via dai fornitori e arriva sino al consumatore finale.

Per i propri fornitori EcorNaturaSì ha predisposto una guida per aumentare l’efficienza dei sistemi di imballaggio degli alimenti e per renderli sempre più ecocompatibili. La guida è un codice pratico che i fornitori del Gruppo sono chiamati a impiegare nella fase di selezione e progettazione dei sistemi di confezionamento; l’obiettivo è quello di trasferire una nuova coscienza per produrre in maniera più ecoefficiente, minimizzando la generazione di rifiuti, le emissioni, i consumi di materia ed energia, riducendo gli sprechi e valutando il ciclo di vita del materiale. Questa attenzione non deve tuttavia compromettere la sicurezza del prodotto alimentare, la funzionalità dell’imballaggio o l’accettabilità finale del prodotto.

“La guida rappresenta il primo step di un percorso di ricerca che vogliamo condividere con i fornitori per arrivare a proporre soluzioni concrete di packaging ecocompatibili. Il codice è uno strumento molto utile anche per i nostri fornitori perché prende in considerazione l’intero ciclo vita della produzione dei materiali e della commercializzazione con il prodotto imballato e suggerisce alcune best practices per ridurre, riutilizzare e riciclare gli imballaggi” – spiega Biagio Calcavecchia,  responsabile assicurazione qualità di EcorNaturaSì – Un esempio: se ci riferiamo all’ottimizzazione nell’uso dei materiali, la guida evidenzia l’importanza di minimizzare l’impiego di imballi nel confezionamento dei prodotti: una regola di base molto semplice, infatti, è che se l’imballo è monomateriale diventa più facilmente riciclabile. Altri criteri che la guida propone per creare packaging il più ecocompatibili possibili sono: privilegiare materiali riciclabili ottenuti da fonti rinnovabili, evitare l’impiego di materiali “non ecocompatibili”, svolgere attività di sensibilizzazione e informazione dei propri fornitori e promuovere la formazione per creare una consapevolezza nell’uso degli imballaggi sia presso i propri clienti che verso i consumatori finali”.

Affinché questo percorso di eco sostenibilità ed eco compatibilità possa essere concretamente efficace EcorNaturaSì ha voluto creare azioni di sensibilizzazione e di formazione/informazione rivolte ai consumatori, protagonisti nell’importante compito di differenziare i rifiuti.

La fatidica domanda “Dove lo butto?” trova una pratica risposta sulle etichette dei prodotti a marchio Ecor e NaturaSì, dove è stata inserita una tabella semplificativa, che riporta il tipo di materiale utilizzato per l’imballo primario e secondario, il simbolo del materiale e le informazioni utili per la relativa gestione post consumo.

“Un’azione semplice che fornisce un grande aiuto al consumatore finale, spesso confuso e quindi indeciso sulla modalità di gestione di determinati imballaggi – continua Biagio Calcavecchia – In questo momento la legislazione italiana obbliga le aziende produttrici a inserire testo o simboli riguardanti l’identificazione del materiale di imballaggio solo per i contenitori di liquidi. Sino ad ora nel settore alimentare è stato utilizzato in via facoltativa il pittogramma “omino che butta nel cestino”; un chiaro invito a non disperdere l’imballaggio nell’ambiente. Ecco che invece nei prodotti a marchio del Gruppo da oggi  gioca un ruolo chiave l’indicazione in etichetta del tipo di materiale, con relativo simbolo, e della tipologia di raccolta da rispettare per ciascuna delle parti che compongono una confezione di un prodotto gioca un ruolo chiave. Questi consigli permettono  a tutti noi consumatori di dividere, separare e gettare nel modo giusto le confezioni dei prodotti per agevolare il riciclo dei vari materiali riducendo l’impatto sull’ambiente e lo sfruttamento delle risorse naturali”.

Più nel dettaglio le nuove etichette dei prodotti a marchio, presenti in tutti i supermercati NaturaSì e nei negozi Cuorebio, sono composte da queste voci: Confezione, dove viene indicata quale parte della confezione è presa in considerazione, i.e. sacchetto, astuccio, bustina, etc; Simbolo del materiale utilizzato: i simboli impiegati si possono trovare nel vademecum della raccolta differenziata del Comune; Raccolta: qui viene data indicazione di massima su dove gettare il materiale, tuttavia è sempre bene verificare le modalità di raccolta differenziata del Comune in cui ci si trova.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende