Home » Comunicati Stampa »Internazionali »Politiche »Progetti » EeMAP: dalle banche “mutui verdi” per riqualificazione ed efficientamento energetico:

EeMAP: dalle banche “mutui verdi” per riqualificazione ed efficientamento energetico

Oggi nel mondo il settore dell’ambiente edificato è responsabile per oltre un terzo del consumo di energia e per circa il 33% delle emissioni di Co2 (fonte International Energy Agency – OCSE). Si stima che l’UE dovrà investire circa € 100 miliardi all’anno in ristrutturazioni ed efficientamento energetico per raggiungere gli obiettivi ambientali che si è posta, ovvero ridurre, entro il 2030, le emissioni di gas serra di almeno il 40% rispetto ai livelli del 1990. Secondo la Commissione Europea, oltre ai fondi pubblici disponibili sarà dunque indispensabile l’intervento anche da parte di istituzioni private, in primis dalle banche che erogano mutui ai cittadini.

Cosa può fare il sistema bancario privato per contribuire al raggiungimento di questo obiettivo? La European Mortgage Federation – European Covered Bond Council (EMF – ECBC) ha lanciato l’Energy efficient Mortgages Action Plan (EeMAP), l’iniziativa che coinvolge le principali banche europee per promuovere sul mercato i mutui per l’efficienza energetica. La finalità del progetto è creare un circolo virtuoso fra gli istituti di credito e i loro clienti che potranno accedere a prestiti agevolati per ristrutturare la loro abitazione o per acquistarne una a basso impatto ambientale.

Gli investimenti nell’efficientamento energetico delle abitazioni possono aiutare a liberare liquidità per chi ci vive, abbassando le bollette e, soprattutto, riducendo la svalutazione del valore dell’immobile a lungo termine. Di conseguenza si riduce il rischio di credito, con un effetto win-win per finanziatori, investitori, clienti finali e clima. Una casa che, una volta ristrutturata, sale di classe energetica da “E” a “B”, può infatti portare risparmi fino a 24.000 euro nei successivi 30 anni. Da un punto di vista del prezzo, un aumento del rendimento energetico può corrispondere all’aggiunta di 10-15 mq. alla superficie della proprietà.

In questo contesto, il 9 marzo si è tenuto a Milano presso la sede di UniCredit, il workshop ”Mutui verdi per edifici efficienti e sicuri” organizzato da UniCredit, GBC Italia, RICS Italia e E.ON Italia. Istituzioni, rappresentanti del mercato bancario, amministrazioni pubbliche, assicurazioni, operatori energetici, valutatori immobiliari e imprese edili si sono confrontati sull’applicazione dell’Energy efficient Mortgages Action Plan (EeMAP) al mercato italiano per il finanziamento dell’efficienza energetica e della sicurezza antisismica degli edifici, avviando la fase preliminare del progetto pilota italiano.

“Soltanto grazie ad un approccio di sistema, coinvolgendo tutti gli attori del mercato ipotecario, è possibile sviluppare un’innovazione di filiera, tale da permettere vantaggi sostanziali sia per i consumatori sia per gli investitoti finanziari” – dichiara Luca Bertalot, Segretario Generale di EMF-ECBC – “La correlazione tra la performance energetica e la performance finanziaria è alla base per l’identificazione di fattori di de-risking che deve essere tradotto in termini di costo capitale per gli emittenti di mutui verdi”.

“RICS è attivamente impegnata a supportare il raggiungimento degli obiettivi dell’accordo COP23 e vede nella partecipazione al Consorzio EeMAP una straordinaria opportunità per giungere a soluzioni concrete su larga scala per i ‘mutui verdi’ attraverso il contributo sinergico di banche, istituzioni e di tutti gli attori della filiera” – dichiara Daniele Levi Formiggini, MRICS e Presidente di RICS Italia – “RICS ha definito all’interno delle linee guida EeMAP il protocollo di valutazione dell’immobile attraverso la stesura di una checklist di verifica dell’efficienza energetica, aspetto fondamentale per consentire alle banche di profilare i propri asset ‘green’ e misurarne il profilo di rischio, e al mercato di riconoscere il valore aggiunto degli immobili ad alta efficienza energetica”.

La Rete Regionale Europea di World GBC è uno dei partner chiave dell’iniziativa EeMAP, che ambisce a colmare il deficit di 100 miliardi di euro di investimenti per l’efficienza energetica degli edifici necessari per raggiungere gli obiettivi climatici europei. Dai Green Building Council d’Europa sono stati pubblicati una serie di report (tra cui anche quello italiano) che definiscono il contesto delle prestazioni energetiche degli edifici ed il mercato di riferimento in tutta Europa, insieme alle proposte per aiutare le banche e altri attori che intendono lanciare attività di piloting su questo schema a livello nazionale. GBC Italia è coinvolto nel progetto come principale stakeholder nazionale e contribuisce insieme ai suoi soci ed esperti, affianco di Unicredit e RICS, al coinvolgimento degli stakeholder del settore delle costruzioni all’implementazione dell’iniziativa EeMAP in Italia.

La riqualificazione dei nostri edifici rappresenta una occasione unica per rilanciare il settore dell’edilizia. Le competenze e le tecnologie edilizie ed impiantistiche per l’efficienza energetica non mancano, ma non sono sufficienti” – sostiene Giuliano Dall’O’, Presidente di GBC Italia – “Il mercato delle riqualificazioni è spesso frenato perché i privati cittadini hanno difficoltà a sostenere gli oneri economici, compromettendo così il raggiungimento degli obiettivi europei di riduzione delle emissioni. In questo contesto i ‘mutui verdi’ per la riqualificazione diventano strumenti utili per promuovere un’azione decisiva a supporto dell’efficienza energetica dell’intero patrimonio edilizio privato. Attraverso i mutui verdi i cittadini sarebbero in grado di concretizzare azioni di riqualificazione, beneficiando fin da subito dei vantaggi in termini di riduzione delle bollette energetiche, con un impegno economico del tutto gestibile”.

La ricerca condotta da E.ON dimostra che i consumatori italiani trovano molto interessante l’idea dei mutui verdi” – afferma Cristian Acquistapace, Chief Sales Officier di E.ON Italia – “Riteniamo che lo schema pilota EeMAP sia una valida piattaforma per sensibilizzare i proprietari degli edifici sulle opportunità di un miglioramento dell’efficienza energetica delle loro case”.

La creazione dei “mutui verdi” ha lo scopo principale di coinvolgere il canale bancario nella diffusione di nuove costruzioni e di incentivare le ristrutturazioni immobiliari per il loro miglioramento energetico e antisismico inserendo la componente energetica degli edifici nei sistemi standard di valutazione del credito. Presupposto importante per le banche è che tale componente consenta di ridurre i parametri di rischio del mutuo in modo da allocare minor capitale. In tal modo, si introdurrebbero sul mercato mutui/finanziamenti “verdi” a particolari condizioni convenienti per il cliente come ad esempio un tasso più basso, LTV aumentato o anche un tasso variabile che scende progressivamente, man mano che avanzano i lavori di efficientamento.

La partenza della fase pilota in Italia è prevista per giugno quando le banche italiane potranno implementare i propri “Energy Efficient Mortgage” secondo le linee guida EeMAP, ora in fase ancora preliminare e a cui stanno lavorando tre comitati tecnici: Banche e Finanza; Efficienza Energetica; Valutazione.

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende