Home » Comunicati Stampa » Energia dal mare: lo sviluppo nel prossimo quinquennio:

Energia dal mare: lo sviluppo nel prossimo quinquennio

febbraio 10, 2011 Comunicati Stampa

Courtesy of italiansbloggers.itBenché vi siano in corso di valutazione decine di progetti e proposte numerose ipotesi tecnologiche, lo sfruttamento dell’energia dal mare (onde e correnti di marea) stenta ancora a decollare. In pratica non si è ancora superata la fase di dimostrazione, prevalentemente in Gran Bretagna e in una manciata di altri Paesi.

I prossimi anni potrebbero però vedere l’avvio anche di questo mercato rinnovabile, limitatamente alle zone con maggiori risorse, cioè tipicamente quelle oceaniche.
Secondo il The Wave World & Tidal Market Report 2011-2015, prodotto dalla società di analisi finanziaria Douglas-Westwood, il volume degli investimenti nel settore dovrebbe decuplicare nei prossimi 5 anni, passando dai 52 milioni di dollari del 2010 a 500 milioni nel 2015. Complessivamente, il fatturato nel quinquennio 2011-2015 dovrebbe superare gli 1,2 miliardi di dollari (circa 880 milioni di euro).

Il rapporto rileva che gli impianti che entreranno in funzione nell’anno in corso sono il doppio di quelli del 2010 e che tra il 2011 e il 2015 saranno installati non meno di 150 MW per ricavare energia dal moto ondoso e dalle correnti di marea

Il Regno Unito rappresenta oggi il principale mercato, seguito a distanza da Canada e Stati Uniti.
Va comunque considerato il fatto che allo stato attuale i progetti di energia marina presentano costi elevati lungo tutta la catena di approvvigionamento e della produzione. Pertanto – precisa il rapporto – le reali prospettive di sviluppo sono fortemente legate all’andamento dei mercati finanziari nei prossimi due anni e al conseguente grado di fiducia che gli investitori vorranno accordare a tecnologie la cui maturazione va considerata nel lungo termine. Da questo punto di vista è dunque fondamentale che il settore possa beneficiare di un forte sostegno pubblico, probabilmente legato anche alla visibilità che la tecnologia saprà conquistarsi nell’ambito delle rinnovabili.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende