Home » Comunicati Stampa » Epson, Epson Meteo e WWF insieme per lo studio dei cambiamenti climatici.:

Epson, Epson Meteo e WWF insieme per lo studio dei cambiamenti climatici.

marzo 2, 2010 Comunicati Stampa

Courtesy of WwfDa ieri Almanacco della Natura sarà la finestra online di Osservatorio Oasi, il progetto WWF che, nell’ambito della campagna GenerAzione Clima, ha l’obiettivo di monitorare in modo sistematico gli impatti dei cambiamenti climatici sugli ecosistemi naturali delle Oasi per realizzare progetti pilota di adattamento.
In questo ambito Epson ed Epson Meteo stanno lavorando con il WWF con un contributo sia operativo che scientifico, in linea con l’Environmental Vision 2050 di Epson che mira alla riduzione delle emissioni di CO2 e alla conservazione della biodiversità.
Grazie ad Epson, tre nuove centraline meteorologiche sono state installate nelle Oasi di Alviano, Valmanera e Valpredina integrando le 7 già esistenti in altrettante oasi per una rilevazione sempre più ampia dei dati. Epson Meteo, invece, sta già lavorando a fianco di WWF, mettendo a disposizione la propria esperienza in materia di variabili meteorologiche che influiscono sui sistemi naturali e offrendo le proprie conoscenze climatologiche e i dati
storici per comprendere l’evoluzione del clima e il suo impatto sull’ambiente.

Almanacco della natura sarà quindi una vera e propria finestra informativa presente sui siti Epson Meteo e WWF e dedicata alle aree protette del WWF, che conterrà osservazioni e previsioni sempre aggiornate sulla natura, gli avvistamenti delle specie, l’osservazione delle fioriture e i fenomeni collegati ai mutamenti climatici. Ma c’è di più. L’Almanacco della Natura è anche un invito a partecipare agli avvistamenti rivolto a tutti i navigatori, che potranno inviare ad almanacco@wwf.it foto e video con una breve descrizione delle loro segnalazioni, nonché testimonianze dal territorio su fenomeni naturali o avvistamenti particolari che possano essere ricollegabili ai cambiamenti climatici.

Scopo dell’iniziativa è, infatti, anche quello di esortare le persone a riscoprire il valore dell’ambiente e della conservazione, coinvolgendole ad individuare ed esplorare un proprio spazio di natura attraverso il meccanismo “osservo un fenomeno/scatto la foto/la spedisco”, magari in particolari momenti dell’anno, come l’arrivo delle rondini, l’avvistamento delle farfalle o la fioritura degli alberi. Altro obiettivo è far conoscere il sistema delle Oasi WWF attraverso una comunicazione periodica dei dati e delle osservazioni, per cercare di integrare e ampliare le conoscenze sul tema degli indicatori nelle oasi.

Epson Meteo e WWF: una collaborazione di successo con 10 punti di misurazione dei cambiamenti climatici.
Per garantire un monitoraggio costante e preciso delle Oasi, WWF necessitava di poter contare su dati di carattere meteorologico e climatologico affidabili e precisi. Per questo motivo ha scelto di collaborare con Epson ed il Centro Epson Meteo, il quale ha messo a disposizione la propria esperienza in materia di variabili meteorologiche che influiscono sui sistemi naturali e ha applicato le proprie conoscenze climatologiche per comprendere l’evoluzione del clima e il suo impatto sull’ambiente.

È nata così la collaborazione fra WWF, Epson ed Epson Meteo nell’ambito di Osservatorio Oasi, con l’obiettivo preciso di offrire un fondamentale contributo alla ricerca e allo studio dei cambiamenti climatici: le dieci centraline meteo installate in altrettante Oasi WWF, copriranno una porzione significativa di territorio che verrà monitorato costantemente. I dati fisici raccolti saranno messi in rete alla fine dell’anno corredati dalle informazioni scientifiche del Centro Epson Meteo, in modo da garantirne un’osservazione continua.

Queste le Oasi presso cui sono installate le centraline: Bosco di Vanzago (Milano), Valmanera (Asti), Valpredina (Bergamo), Valle Averto (Venezia), Lago di Burano (Grosseto), Orti-Bottagone (Livorno), Lago di Alviano (Terni), Cratere degli Astroni (Napoli), Le Cesine (Lecce), Monte Arcosu (Cagliari).

Le Oasi WWF, vere e proprie roccaforti di biodiversità. Il sistema delle Oasi WWF è il più importante progetto di tutela della natura mai realizzato da un’associazione nel nostro Paese: con oltre 100 spazi di natura protetti
e incontaminati per un’area totale di circa 30.000 ettari, le Oasi costituiscono vere e proprie roccaforti di biodiversità strappate al degrado. Al loro interno sono infatti rappresentati quasi tutti gli ambienti naturali del nostro Paese, dalle praterie alpine alle aree costiere, dai laghi, ai corsi d’acqua, alle zone umide, dalla macchia mediterranea ai boschi planiziali, dalle cime innevate alle steppe.

I valori naturalistico e di capillarità geografica rendono queste aree dei termometri perfetti per misurare e osservare le profonde trasformazioni che i nostri ecosistemi stanno subendo a causa delle mutazioni del clima. Per questo il WWF, nell’ambito della campagna GenerAzione Clima, ha avviato un rilevante percorso di studio e monitoraggio della biodiversità all’interno delle Oasi, Osservatorio Oasi, con la collaborazione di importanti partner scientifici quali la Facoltà di Agraria dell’Università della Tuscia di Viterbo, il Dipartimento di Scienze dell’Ambiente forestale, la facoltà di Scienze Ambientali Uniroma Tre, il Museo di Zoologia di Roma e il Corpo Forestale dello Stato. Le Oasi Wwf infatti, sono ritenute dalla comunità scientifica un importante osservatorio sui cambiamenti climatici, dei laboratori naturali dove è possibile ‘leggere’ i mutamenti climatici in atto e sperimentare azioni sia di mitigazione che di gestione adattativa, fornendo un importante ‘tassello’ di ricerca e divulgazione sul ruolo delle aree protette per la lotta ai cambiamento climatici.

L’Italia sta cambiando faccia e il Wwf monitora i segnali attraverso, per esempio, lo studio dei lepidotteri notturni (ci sono popolazioni di specie tipiche di areali meridionali che migrano verso nord favoriti dal riscaldamento climatico), o la conferma della rarefazione e perfino il rischio di estinzione che corre la gran parte degli anfibi (come l’ululone dal ventre giallo appenninico che è in una situazione ormai critica ovunque o la salamandra pezzata che è in estrema rarefazione nel centro Italia e si è quasi estinta nel Lazio).

Sono solo alcuni dei fenomeni monitorati nell’ambito di Osservatorio Oasi che confermano l’innalzamento della temperatura nel nostro paese. Infatti, dal confronto tra i valori attuali delle variabili bioclimatiche nelle Oasi WWF e quelli previsti per il futuro (secondo uno scenario il raddoppio dell’anidride carbonica) emerge chiaramente che il 95% delle Oasi WWF avrà un aumento di temperatura media annua compreso tra 1 e 3°C ed il 90% subirà una riduzione delle precipitazioni annue compresa tra 27 e 113mm.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende