Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche » Filiere del recupero: on line il nuovo Dossier Hera:

Filiere del recupero: on line il nuovo Dossier Hera

dicembre 6, 2013 Aziende, Comunicati Stampa, Pratiche

Il 2013 dei Dossier di Hera si chiude con un numero dedicato all’ambiente, in particolare alle filiere del recupero dei rifiuti, settore-chiave della green economy. Fare la raccolta differenziata in modo virtuoso, infatti, non basta e anche le ultime Direttive Ue lo mostrano chiaramente: i veri obiettivi da seguire sono legati al riciclo dei rifiuti a e alla loro trasformazione in risorse economiche e ambientali. Per valorizzare gli sforzi di cittadini e amministrazioni pubbliche è importante, quindi, dotarsi di un indotto strutturato e di una solida rete impiantistica e di aziende manifatturiere in grado di assorbire l’offerta di materie prime seconde.

Sulle filiere del recupero l’UE si sta muovendo: l’industria del riciclo vanta 18 mila imprese, più di 174 mila dipendenti e sette miliardi di valore aggiunto nel 2009 (dati Commissione UE). E negli ultimi 10 anni ha già contribuito a tagliare oltre 38 milioni di tonnellate di CO2 negli ultimi 10 anni.

Le filiere del recupero europee riportano nel ciclo produttivo in media il 42% dei rifiuti urbani raccolti in modo differenziato. Ma ci sono ancora molte disparità fra nazione e nazione e le quantità riciclate, soprattutto in relazione alle alte percentuali di differenziata di alcune nazioni, sono ancora modeste. Inoltre, l’export dei materiali da avviare a recupero pesa ancora parecchio: gli alti livelli di raccolta di carta, plastica e rottami in Inghilterra, Svezia o Stati Uniti trovano sbocco presso paesi compratori come Cina o India, centri di produzione globale assetati di materie prime a basso costo. Ma nel lungo periodo questo flusso verso l’esterno non sarà più sostenibile, perché anche quei paesi cominceranno a gestire e recuperare i propri rifiuti. Ecco perché è fondamentale investire ulteriormente sullo sviluppo di una filiera del riciclo interna, in grado di assorbire l’offerta dei materiali recuperati.

Nonostante percentuali di raccolta differenziata e recupero ancora basse, l’Italia presenta alcune specificità che ne fanno un caso unico in Europa. Il Paese è primo per quanto riguarda il recupero industriale di metalli, carta, plastica, vetro, legno, tessili, gomma. Questo primato si fonda su due fattori: una carenza strutturale di materie prime, che ha incentivato il riutilizzo di materiali, e un sistema di Consorzi tra i più grandi in Europa, con sistemi di incentivi ai comuni virtuosi.

Nel 2012 il 93,5% dei rifiuti urbani raccolti separatamente sul territorio Hera è stato avviato a recupero. Il dato emerge dal report  “Sulle tracce dei Rifiuti”, che informa i cittadini anche sulla loro destinazione finale. Oltre al Report, Hera è impegnata sulla filiera a 360 gradi. Attraverso Herambiente, la società del Gruppo dedicata al trattamento e smaltimento dei rifiuti, sono stati investiti 50 milioni di euro in impianti a lettori ottici per la separazione dei rifiuti secchi (carta e plastica) e in biodigestori anaerobici, che ricavano compost dai rifiuti organici e, attraverso il biogas prodotto, energia elettrica. Grande attenzione è inoltre dedicata ai rifiuti industriali, che in Italia rappresentano l’80% dei rifiuti totali prodotti. E’ il caso del Disidrat, un impianto situato a Ravenna per il trattamento dei fanghi industriali, da cui si ricava materiale utile a ricoprire le discariche o a riempire le cavità delle miniere lasciate dagli scavi. C’è infine la termovalorizzazione, per produrre energia (in parte rinnovabile) dai rifiuti: nel 2012 i sei termovalorizzatori di Hera hanno prodotto 705,2 GWh di energia elettrica e 207,6 GWh di energia termica. E’ stato recuperato anche il 55% delle scorie, riutilizzate nella produzione di calcestruzzo e laterizi.

Il Dossier.Hera contiene anche una videointervista a Filippo Brandolini, Presidente Herambiente e Vice Presidente Federambiente, che fa il punto della situazione italiana del recupero di rifiuti urbani e speciali. Sul sito, sono inoltre disponibili tutti i Dossier.Hera pubblicati da inizio 2012 ad oggi, con approfondimenti ogni volta diversi su idrico, energia e ambiente.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende