Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche » Filiere del recupero: on line il nuovo Dossier Hera:

Filiere del recupero: on line il nuovo Dossier Hera

dicembre 6, 2013 Aziende, Comunicati Stampa, Pratiche

Il 2013 dei Dossier di Hera si chiude con un numero dedicato all’ambiente, in particolare alle filiere del recupero dei rifiuti, settore-chiave della green economy. Fare la raccolta differenziata in modo virtuoso, infatti, non basta e anche le ultime Direttive Ue lo mostrano chiaramente: i veri obiettivi da seguire sono legati al riciclo dei rifiuti a e alla loro trasformazione in risorse economiche e ambientali. Per valorizzare gli sforzi di cittadini e amministrazioni pubbliche è importante, quindi, dotarsi di un indotto strutturato e di una solida rete impiantistica e di aziende manifatturiere in grado di assorbire l’offerta di materie prime seconde.

Sulle filiere del recupero l’UE si sta muovendo: l’industria del riciclo vanta 18 mila imprese, più di 174 mila dipendenti e sette miliardi di valore aggiunto nel 2009 (dati Commissione UE). E negli ultimi 10 anni ha già contribuito a tagliare oltre 38 milioni di tonnellate di CO2 negli ultimi 10 anni.

Le filiere del recupero europee riportano nel ciclo produttivo in media il 42% dei rifiuti urbani raccolti in modo differenziato. Ma ci sono ancora molte disparità fra nazione e nazione e le quantità riciclate, soprattutto in relazione alle alte percentuali di differenziata di alcune nazioni, sono ancora modeste. Inoltre, l’export dei materiali da avviare a recupero pesa ancora parecchio: gli alti livelli di raccolta di carta, plastica e rottami in Inghilterra, Svezia o Stati Uniti trovano sbocco presso paesi compratori come Cina o India, centri di produzione globale assetati di materie prime a basso costo. Ma nel lungo periodo questo flusso verso l’esterno non sarà più sostenibile, perché anche quei paesi cominceranno a gestire e recuperare i propri rifiuti. Ecco perché è fondamentale investire ulteriormente sullo sviluppo di una filiera del riciclo interna, in grado di assorbire l’offerta dei materiali recuperati.

Nonostante percentuali di raccolta differenziata e recupero ancora basse, l’Italia presenta alcune specificità che ne fanno un caso unico in Europa. Il Paese è primo per quanto riguarda il recupero industriale di metalli, carta, plastica, vetro, legno, tessili, gomma. Questo primato si fonda su due fattori: una carenza strutturale di materie prime, che ha incentivato il riutilizzo di materiali, e un sistema di Consorzi tra i più grandi in Europa, con sistemi di incentivi ai comuni virtuosi.

Nel 2012 il 93,5% dei rifiuti urbani raccolti separatamente sul territorio Hera è stato avviato a recupero. Il dato emerge dal report  “Sulle tracce dei Rifiuti”, che informa i cittadini anche sulla loro destinazione finale. Oltre al Report, Hera è impegnata sulla filiera a 360 gradi. Attraverso Herambiente, la società del Gruppo dedicata al trattamento e smaltimento dei rifiuti, sono stati investiti 50 milioni di euro in impianti a lettori ottici per la separazione dei rifiuti secchi (carta e plastica) e in biodigestori anaerobici, che ricavano compost dai rifiuti organici e, attraverso il biogas prodotto, energia elettrica. Grande attenzione è inoltre dedicata ai rifiuti industriali, che in Italia rappresentano l’80% dei rifiuti totali prodotti. E’ il caso del Disidrat, un impianto situato a Ravenna per il trattamento dei fanghi industriali, da cui si ricava materiale utile a ricoprire le discariche o a riempire le cavità delle miniere lasciate dagli scavi. C’è infine la termovalorizzazione, per produrre energia (in parte rinnovabile) dai rifiuti: nel 2012 i sei termovalorizzatori di Hera hanno prodotto 705,2 GWh di energia elettrica e 207,6 GWh di energia termica. E’ stato recuperato anche il 55% delle scorie, riutilizzate nella produzione di calcestruzzo e laterizi.

Il Dossier.Hera contiene anche una videointervista a Filippo Brandolini, Presidente Herambiente e Vice Presidente Federambiente, che fa il punto della situazione italiana del recupero di rifiuti urbani e speciali. Sul sito, sono inoltre disponibili tutti i Dossier.Hera pubblicati da inizio 2012 ad oggi, con approfondimenti ogni volta diversi su idrico, energia e ambiente.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende