Home » Comunicati Stampa »Eventi »Progetti » “Flormart Garden Show”: se il verde riqualifica le città:

“Flormart Garden Show”: se il verde riqualifica le città

febbraio 16, 2015 Comunicati Stampa, Eventi, Progetti

Il verde urbano come elemento centrale nella progettazione del paesaggio: a partire da questa scommessa nasce il concorso internazionale “Flormart Garden Show”, lanciato in occasione della Green Week delle Venezie (17-22 febbraio 2015) da Flormart, il salone del florovivaismo e giardinaggio in programma in fiera a Padova dal 9 all’11 settembre 2015. Una sfida che è legata a doppio filo alla riflessione sul futuro delle nostre città e sulla necessità di invertire la rotta per abbracciare modelli urbanistici più sostenibili.

Poche – in media appena 32 metri quadri per abitante nei comuni capoluogo italiani – e talvolta poco curate, le aree dedicate al verde sono considerate come spazi “accessori” nel disegno urbano. Da qui la sfida – anche culturale – lanciata dal salone internazionale leader a livello europeo nel settore del florovivaismo: il concorso vuole proporre gli spazi del verde urbano come elementi architettonici di pregio, che possono contribuire a qualificare le città. L’invito è aperto agli architetti paesaggisti, ai designers, agli studi di progettazione, agli studenti, alle aziende produttrici di fiori e piante ornamentali, e in generale a tutti gli operatori del verde e del paesaggio.  ”

“Negli ultimi anni – spiega l’ad di PadovaFiere Daniele Villa – il panorama fieristico è profondamente mutato: oggi le fiere sono chiamate ad essere al contempo “vetrine espositive” e “luoghi di incontro” in grado stimolare una riflessione che produca un cambiamento e indichi strade nuove. La proposta del concorso internazionale nasce proprio da questo spirito: siamo convinti che dall’incontro fra il know how delle aziende del comparto florovivaistico e gli architetti e designer in arrivo da ogni parte d’Europa – e non solo…-  possano prendere forma sinergie e collaborazioni capaci di offrire soluzioni inedite“.

Una sfida che parte proprio da Padova, città che si caratterizza – secondo l’ultimo rapporto Istat sulla Qualità dell’ambiente – per una presenza di verde urbano decisamente superiore alla media nazionale: l’8,8% del territorio comunale nel 2013 (il dato nazionale è del 2,7%), pari a 39,1 metriquadri per abitante.

A giudicare le proposte in concorso sarà una commissione qualificata di esperti presieduta da Giorgio Strappazzon, architetto dello studio Vs associati che ha “disegnato” il nuovo Orto botanico di Padova dopo aver vinto – con il progetto “Il Giardino della biodiversità” – il concorso internazionale bandito dall’Università di Padova. “Nel mondo dell’architettura, ma anche fra gli amministratori locali sta crescendo la sensibilità sul tema dell’integrazione fra architettura e paesaggio, a partire anche dalla consapevolezza che l’attuale modello di sviluppo non è più sostenibile. Nel territorio abbiamo un’antica tradizione in questo senso: basti pensare alle ville venete, modello di connubio armonioso fra architettura e paesaggio. A partire da questa tradizione, ma con lo sguardo rivolto al futuro, nasce l’idea del concorso, che si propone proprio di dare voce a chi sta sperimentando strade nuove”.

Per l’iniziativa – che si avvale del patrocinio dell’Università di Padova e dell’Ordine nazionale degli architetti, pianificatori paesaggisti e conservatori –  PadovaFiere ha messo “in palio” un montepremi complessivo di 10.000 euro. In giuria, accanto a Strappazzon, anche Daniele Villa, Manuel Palerm Salazar, noto architetto spagnolo, presidente di Uniscape, rete che riunisce le università europee impegnate nel campo della ricerca sul paesaggio, Lucia Bortolini, docente del Dipartimento Territorio e sistemi agro-forestali dell’Università di Padova, Giuseppe Cappochin, presidente dell’Ordine degli architetti di Padova, Novella Cappelletti, direttore della rivista Paysage, Giampaolo Barbariol, caposettore Verde, Parchi, Giardini e Arredo Urbano del Comune di Padova.

Due le sezioni previste: la prima è riservata alle opere o ai progetti culturali già realizzati, la seconda riguarda la selezione di otto progetti da realizzare in Fiera a Padova nel corso di Flormart 2015. Il Salone internazionale sarà così quest’anno anche un momento di confronto con le soluzioni ecologiche e tecnologiche e con le innovazioni nel campo delle applicazioni del verde nelle città: un’occasione per esplorare in modo nuovo – a partire da esempi concreti – il connubio fra uomo e natura e il rapporto tra architettura e paesaggio. La proposta del concorso internazionale potrà avvalersi delle sinergie con il forum internazionale EcoTechGreen, iniziativa promossa dalla rivista Paysage per proporre le soluzioni più innovative che riguardano il campo delle tecnologie applicate al verde. Dopo il fortunato debutto dello scorso anno torna anche Agrienergy, sezione di Flormart dedicata alle energie rinnovabili applicate al florovivaismo: un ambito di grande interesse, se si considera che i costi energetici incidono in media per ben il 30% sui costi di produzione dei vivaisti.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende