Home » Comunicati Stampa »Eventi » Fruit&Veg System, in fiera a Verona un comparto da 20 miliardi di euro che punta sulla sostenibilità:

Fruit&Veg System, in fiera a Verona un comparto da 20 miliardi di euro che punta sulla sostenibilità

maggio 5, 2016 Comunicati Stampa, Eventi

Con due milioni di ettari coltivati, 500.000 aziende agricole, 300.000 addetti, un fatturato complessivo di oltre 20 miliardi di euro (pari a circa un terzo dell’intera produzione lorda vendibile agricola) e un giro d’affari all’export di 7,4 miliardi di euro, l’ortofrutta italiana ha ancora spazi per crescere, grazie alla qualità dei prodotti, a una rete logistica che vede in Verona la porta per l’export e alla sostenibilità, elemento chiave sempre più ricercato dai consumatori.

L’esigenza dei produttori, però, è quella di avere il più possibile certificazione comuni, per poter uniformare le procedure e i requisiti necessari per vendere nei paesi esteri.

Sono questi i messaggi emersi dal primo giorno di Fruit&Veg System, la nuova fiera dallo slogan “Mediterranean Nature, World Attitude“, promossa da Veronafiere e Agrifood Consulting, in programma fino a venerdì 6 maggio a Verona. Un evento innovativo, che per la prima volta ha messo in contatto la filiera produttiva dell’ortofrutta con il mondo della logistica: importatori, esportatori, grossisti, buyer nazionali ed esteri.

Protagonista della giornata inaugurale è stato il pomodoro, prodotto simbolo del Made in Italy e della dieta mediterranea, oggetto di un’indagine condotta dal Dipartimento di Economia Aziendale dell’Università di Verona. A Fruit&Veg System è stato inoltre presentato «Foodchoice Forecast», un osservatorio in grado di prevedere, attraverso le abitudini di acquisto e di consumo, le esigenze del consumatore e del mercato in materia di ortofrutta e di internazionalizzazione.

La sostenibilità è sicuramente uno dei driver che spinge all’acquisto del prodotto italiano, anche alla luce di una accresciuta competizione a livello internazionale con nuovi paesi produttori. «I consumatori sono disposti a pagare di più se vengono rispettate qualità e sostenibilità – spiega il prof. Riccardo Scarpa dell’Università di Verona – anche se un riscontro reale in termini di maggiore remunerazione si verifica solamente in Germania, mercato analizzato insieme a Russia, Norvegia e Regno Unito».

Cifre alla mano, infatti, su 101.008 tonnellate di pomodoro italiano fresco esportate nel 2015 (fonte: Trade Map) i principali paesi di destinazione sono la Germania (28.188 tons, pari al 31% del totale esportato), Austria (16.685 tons), Regno Unito (8.250 tons), Francia (8.179 tons), Romania (6.116 tonnellate). Le opportunità di aumentare le esportazioni dall’Italia sono elevate – evidenzia la ricerca – tenendo presente che ogni paese privilegia aspetti differenti, con una marcata attenzione su elementi quali il sapore, la carnosità della polpa, la consistenza esterna al tatto, l’assenza di macchie sulla buccia o danni da schiacciamento.

Dal mondo delle imprese è emersa l’esigenza di uniformare il sistema certificativo richiesto per esportare. «Le certificazioni del processo o del prodotto sono per noi un potente elemento distintivo – specifica Stefano Pezzo, presidente di Fruitimprese Veneto, una realtà costituita da 42 ditte associate, per un fatturato di 500 milioni di euro, 1.000 occupati diretti e 4.000 nell’indotto – ma per il sistema ortofrutticolo italiano manca una posizione univoca, che eviti alla nostra filiera di doversi dotare di requisiti BRC se si rivolge al Regno Unito, IFS se vende in Germania, Global Gap per rivolgersi alla distribuzione di alcuni paesi europei. Tutto questo ha un costo e, molto spesso, i requisiti oggetto di verifica si sovrappongono». Un problema per un gruppo come Fruitimprese che, a livello nazionale, aggrega 300 imprese, 25.000 addetti, un fatturato di 4,5 miliardi (di cui 1,5 miliardi grazie alle esportazioni) e tratta 5 milioni di tonnellate di ortofrutta.

Sul tema della certificazione unica sta lavorando il prof. Luigino Disegna di CSQA Certificazioni, fra i più importanti player del settore certificativo. «I marchi BRC, Global Gap, IFS o altri sono imposti dalla grande distribuzione o dal mercato internazionale – ricorda – Il CSQA sta pensando a uno schema di certificazione che faccia sintesi e non escluda i determinati requisiti, con una sorta di schema olistico che rappresenti un po’ tutte le esigenze e che risponda al requisito della sostenibilità ambientale, economica e sociale, perché si tratta del secondo elemento della reputazione di impresa, dietro solamente alla qualità dei prodotti e prima del prestigio dell’azienda e della capacità innovativa».

Fra le tendenze in crescita sul mercato dell’ortofrutta ci sono il comparto biologico e la nutraceutica, che si traduce – spiega la prof. Mariateresa Russo, docente di Chimica degli alimenti dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria – «nella ricerca di prodotti con caratteristiche nutrizionali che esprimono specificità come la presenza di antiossidanti, vitamine, probiotici; aspetti per i quali i consumatori sono disponibili a riconoscere un prezzo superiore»

In forte ascesa anche il biologico, al punto che «nel reparto dell’ortofrutta abbiamo cominciato a lavorare sul biologico sfuso, rispettando normative più stringenti e prevedendo bilance e spazi dedicati», come specifica Roberto Simonetto, direttore vendite di Carrefour Market, presente in Italia con oltre 450 punti vendita». «In tutte le principali città italiane abbiamo inaugurato uno specifico cluster definito “Gourmet” – in cui il fresco, e l’ortofrutta nello specifico, sono centrali. Ci rivolgiamo a un cliente esigente, con una referenza di gamma medio-alta, in grado di coniugare qualità, distanza, chilometro zero, provenienze differenti, assortimenti, coltivazione, classificazione del prodotto. Questa tipologia rappresenta quasi un quarto di tutto il fatturato dell’ortofrutta, segno che aver spostato l’attenzione dal “quanto costa” al “quanto vale” è stata una scelta vincente».

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende