Home » Comunicati Stampa »Eventi » Fruit&Veg System, in fiera a Verona un comparto da 20 miliardi di euro che punta sulla sostenibilità:

Fruit&Veg System, in fiera a Verona un comparto da 20 miliardi di euro che punta sulla sostenibilità

maggio 5, 2016 Comunicati Stampa, Eventi

Con due milioni di ettari coltivati, 500.000 aziende agricole, 300.000 addetti, un fatturato complessivo di oltre 20 miliardi di euro (pari a circa un terzo dell’intera produzione lorda vendibile agricola) e un giro d’affari all’export di 7,4 miliardi di euro, l’ortofrutta italiana ha ancora spazi per crescere, grazie alla qualità dei prodotti, a una rete logistica che vede in Verona la porta per l’export e alla sostenibilità, elemento chiave sempre più ricercato dai consumatori.

L’esigenza dei produttori, però, è quella di avere il più possibile certificazione comuni, per poter uniformare le procedure e i requisiti necessari per vendere nei paesi esteri.

Sono questi i messaggi emersi dal primo giorno di Fruit&Veg System, la nuova fiera dallo slogan “Mediterranean Nature, World Attitude“, promossa da Veronafiere e Agrifood Consulting, in programma fino a venerdì 6 maggio a Verona. Un evento innovativo, che per la prima volta ha messo in contatto la filiera produttiva dell’ortofrutta con il mondo della logistica: importatori, esportatori, grossisti, buyer nazionali ed esteri.

Protagonista della giornata inaugurale è stato il pomodoro, prodotto simbolo del Made in Italy e della dieta mediterranea, oggetto di un’indagine condotta dal Dipartimento di Economia Aziendale dell’Università di Verona. A Fruit&Veg System è stato inoltre presentato «Foodchoice Forecast», un osservatorio in grado di prevedere, attraverso le abitudini di acquisto e di consumo, le esigenze del consumatore e del mercato in materia di ortofrutta e di internazionalizzazione.

La sostenibilità è sicuramente uno dei driver che spinge all’acquisto del prodotto italiano, anche alla luce di una accresciuta competizione a livello internazionale con nuovi paesi produttori. «I consumatori sono disposti a pagare di più se vengono rispettate qualità e sostenibilità – spiega il prof. Riccardo Scarpa dell’Università di Verona – anche se un riscontro reale in termini di maggiore remunerazione si verifica solamente in Germania, mercato analizzato insieme a Russia, Norvegia e Regno Unito».

Cifre alla mano, infatti, su 101.008 tonnellate di pomodoro italiano fresco esportate nel 2015 (fonte: Trade Map) i principali paesi di destinazione sono la Germania (28.188 tons, pari al 31% del totale esportato), Austria (16.685 tons), Regno Unito (8.250 tons), Francia (8.179 tons), Romania (6.116 tonnellate). Le opportunità di aumentare le esportazioni dall’Italia sono elevate – evidenzia la ricerca – tenendo presente che ogni paese privilegia aspetti differenti, con una marcata attenzione su elementi quali il sapore, la carnosità della polpa, la consistenza esterna al tatto, l’assenza di macchie sulla buccia o danni da schiacciamento.

Dal mondo delle imprese è emersa l’esigenza di uniformare il sistema certificativo richiesto per esportare. «Le certificazioni del processo o del prodotto sono per noi un potente elemento distintivo – specifica Stefano Pezzo, presidente di Fruitimprese Veneto, una realtà costituita da 42 ditte associate, per un fatturato di 500 milioni di euro, 1.000 occupati diretti e 4.000 nell’indotto – ma per il sistema ortofrutticolo italiano manca una posizione univoca, che eviti alla nostra filiera di doversi dotare di requisiti BRC se si rivolge al Regno Unito, IFS se vende in Germania, Global Gap per rivolgersi alla distribuzione di alcuni paesi europei. Tutto questo ha un costo e, molto spesso, i requisiti oggetto di verifica si sovrappongono». Un problema per un gruppo come Fruitimprese che, a livello nazionale, aggrega 300 imprese, 25.000 addetti, un fatturato di 4,5 miliardi (di cui 1,5 miliardi grazie alle esportazioni) e tratta 5 milioni di tonnellate di ortofrutta.

Sul tema della certificazione unica sta lavorando il prof. Luigino Disegna di CSQA Certificazioni, fra i più importanti player del settore certificativo. «I marchi BRC, Global Gap, IFS o altri sono imposti dalla grande distribuzione o dal mercato internazionale – ricorda – Il CSQA sta pensando a uno schema di certificazione che faccia sintesi e non escluda i determinati requisiti, con una sorta di schema olistico che rappresenti un po’ tutte le esigenze e che risponda al requisito della sostenibilità ambientale, economica e sociale, perché si tratta del secondo elemento della reputazione di impresa, dietro solamente alla qualità dei prodotti e prima del prestigio dell’azienda e della capacità innovativa».

Fra le tendenze in crescita sul mercato dell’ortofrutta ci sono il comparto biologico e la nutraceutica, che si traduce – spiega la prof. Mariateresa Russo, docente di Chimica degli alimenti dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria – «nella ricerca di prodotti con caratteristiche nutrizionali che esprimono specificità come la presenza di antiossidanti, vitamine, probiotici; aspetti per i quali i consumatori sono disponibili a riconoscere un prezzo superiore»

In forte ascesa anche il biologico, al punto che «nel reparto dell’ortofrutta abbiamo cominciato a lavorare sul biologico sfuso, rispettando normative più stringenti e prevedendo bilance e spazi dedicati», come specifica Roberto Simonetto, direttore vendite di Carrefour Market, presente in Italia con oltre 450 punti vendita». «In tutte le principali città italiane abbiamo inaugurato uno specifico cluster definito “Gourmet” – in cui il fresco, e l’ortofrutta nello specifico, sono centrali. Ci rivolgiamo a un cliente esigente, con una referenza di gamma medio-alta, in grado di coniugare qualità, distanza, chilometro zero, provenienze differenti, assortimenti, coltivazione, classificazione del prodotto. Questa tipologia rappresenta quasi un quarto di tutto il fatturato dell’ortofrutta, segno che aver spostato l’attenzione dal “quanto costa” al “quanto vale” è stata una scelta vincente».

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende