Home » Comunicati Stampa »Internazionali »Politiche » Fruitylife: frutta e verdura in Italia, Francia e Germania. A crescere è sempre il bio:

Fruitylife: frutta e verdura in Italia, Francia e Germania. A crescere è sempre il bio

Secondo un’analisi effettuata nell’ambito del progetto Fruitylife – “Frutta e verdura, sana e sicura”, l’andamento dei consumi di frutta e verdura segue trend differenti in  Italia, Francia e Germania, mentre  in tutti e tre i paesi i consumatori prestano sempre più attenzione all’ortofrutta bio.

Italia, Francia e Germania sono i paesi in cui è attivo dal 2012 il progetto Fruitylife, co-finanziato dall’Unione Europea e dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e coordinato da Alimos-Alimenta la Salute,  che ha come obiettivo la promozione del consumo di frutta e verdura attraverso la divulgazione dei metodi di coltivazione e dei sistemi di controllo al fine di garantire la massima qualità dalla terra alla tavola.

In Italia la crisi si fa sentire sui consumi più che su altre popolazioni europee. Lo confermano anche i dati del “Rapporto Coop su Consumi e Distribuzione 2013″ che riportano come ben l’81% degli italiani dichiara di aver mutato abitudini di acquisto, contro il 35% dei tedeschi e il 64% dei francesi (la media  europea si attesta al 63%).

Sempre per l’Italia le ultime cifre, quelle fornite dall’”Osservatorio dei Consumi Ortofrutticoli” di Macfrut e relative al periodo giugno 2012 – luglio 2013, registrano un calo dei consumi di ortofrutta fresca e surgelata, con la spesa scesa a 13,9 miliardi di euro. Analizzando le singole categorie di prodotto si nota che  gli acquisti sono diminuiti del 3,1% per la frutta fresca e del 2% per la verdura fresca mentre cresce leggermente il volume di acquisti dei surgelati +0,7%.

Nonostante ciò, i dati di Agrinsieme (che riunisce CIA, Confagricoltura e Alleanza Cooperative Italiane) riportano che gli italiani consumano ancora in media 219 gr. pro capite di frutta al giorno e 228 gr. pro capite di verdura quotidianamente, superando i 400 gr complessivi raccomandati dall’OMS per seguire una dieta sana all’insegna del benessere.

In Francia i dati del Kantar Worldpanel edizione 2013, con dati 2012, illustrano una ripresa negli acquisti di frutta e verdura+6,1% in valore l’acquisto di ortofrutta rispetto al 2011 e +3,2% il volume di acquisti. La spesa per frutta e verdura, escluse le patate, nel 2012 si è attestata sui 15,5 miliardi di euro. Nello specifico la spesa per acquisti di frutta è aumentata del 7% mentre il volume degli acquisti è cresciuto del 5,1%. Per la verdura nel 2012 si è registrato un aumento del 5,1% della spesa, dovuto soprattutto ad un aumento dei prezzi medi del 3,8%, mentre  il dato dei volumi di acquisti ha segnato un +1,3%.

Infine, secondo gli ultimi dati rielaborati dall’ufficio ICE di Berlino su fonte Fruchthandel, la Germania fa registrare  in agosto, mese in cui solitamente nella nazione teutonica le vendite di frutta diminuiscono, un + 2% di acquisti di frutta fresca nonostante un +7% dei prezzi.

Ma quale frutta e verdura si preferisce?

In Italia i dati CSO- GFK sottolineano come in dieci anni, dal 2002 al 2012, gli acquisti e i gusti siano cambiati:  calano gli acquisti di mele, pere e arance -15%, di uva da tavola -18%, di mandarini -30%, mentre crescono quelli di nettarine +11%,  clementine + 15% e  kiwi +36%. Per le verdure calano gli acquisti di carote -10%, patate -14% e pomodori -19% , mentre aumentano quelli per insalate e cicorie +12%,  asparagi +13% e  cetrioli +31% .

In Francia invece, secondo i dati FranceAgrimer la mela è il frutto più consumato (sia fresca che trasformata) seguita da pera e arancia. Per le verdure, il pomodoro è quello preferito, anche se i consumi sono la metà di quelli italiani (32 kg per abitante all’anno contro i 70 kg annui per abitante in Italia).

In Germania, dove ogni cittadino nel 2012 ha consumato in media 105 kg di frutta fresca e trasformata per un totale di 8.668.000 tonnellate, la preferita è ancora la mela con 25,9 kg pro capite annui. Per gli ortaggi i preferiti dai tedeschi (dati Agenzia Federale per l’Agricoltura e l’Alimentazione) sono i pomodori i cui consumi pro capite annui si attestano, tra freschi e trasformati, a 20,6 kg.

Se i dati ortofrutticoli mostrano andamenti differenti nelle diverse nazioni, in tutte si registra un aumento deciso dell’ortofrutta biologica.

Per l’Italia l’ultima rilevazione del panel famiglie ISMEA/GFK EURISKO, riferito agli acquisti di prodotti biologici confezionati, presso i punti vendita della grande distribuzione organizzata, segnala un aumento del volume di vendite dei prodotti biologici dell’8,8% con il settore proprio dell’ortofrutta fresca e trasformata che segna un + 8%.

In Francia i dati pubblicati da Ctifl a luglio 2013  riferiti al 2012 (rielaborazione dati di Agence Bio e Kantar Wordpanel) segnalano un +6% nel valore di spesa per frutta e verdura bio e un +5% delle quantità acquistate. I prodotti ortofrutticoli bio che hanno registrato le migliori performances sono le carote, i pomodori, le zucchine, le mele e i kiwi.

Per Organic Monitor (dati 2011) i tedeschi hanno speso ben 6,6 miliardi di euro in prodotti alimentari biologici di cui ben il 27% di questo fatturato deriva dall’ortofrutta.

La generale crescita delle vendite di ortofrutta bio indica come ci sia sempre maggiore ricerca di alimenti sani e sicuri per la salute e per l’ambiente e a tal riguardo la legislazione dell’UE, molto scrupolosa e attenta, vanta una rigorosa regolamentazione” dichiara Massimo Brusaporci, responsabile del progetto e direttore di Alimos.

Per rispondere alle esigenze conoscitive dei consumatori il sito FrutyLife fornisce informative sulla filiera di frutta e verdura europea, sulla garanzia in termini di sicurezza e qualità, nonché approfondimenti sulla stagionalità, sulla corretta alimentazione e sul modo di consumare tali alimenti in gustose e veloci ricettazioni.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende