Home » Comunicati Stampa »Internazionali »Politiche » Fruitylife: frutta e verdura in Italia, Francia e Germania. A crescere è sempre il bio:

Fruitylife: frutta e verdura in Italia, Francia e Germania. A crescere è sempre il bio

Secondo un’analisi effettuata nell’ambito del progetto Fruitylife – “Frutta e verdura, sana e sicura”, l’andamento dei consumi di frutta e verdura segue trend differenti in  Italia, Francia e Germania, mentre  in tutti e tre i paesi i consumatori prestano sempre più attenzione all’ortofrutta bio.

Italia, Francia e Germania sono i paesi in cui è attivo dal 2012 il progetto Fruitylife, co-finanziato dall’Unione Europea e dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e coordinato da Alimos-Alimenta la Salute,  che ha come obiettivo la promozione del consumo di frutta e verdura attraverso la divulgazione dei metodi di coltivazione e dei sistemi di controllo al fine di garantire la massima qualità dalla terra alla tavola.

In Italia la crisi si fa sentire sui consumi più che su altre popolazioni europee. Lo confermano anche i dati del “Rapporto Coop su Consumi e Distribuzione 2013″ che riportano come ben l’81% degli italiani dichiara di aver mutato abitudini di acquisto, contro il 35% dei tedeschi e il 64% dei francesi (la media  europea si attesta al 63%).

Sempre per l’Italia le ultime cifre, quelle fornite dall’”Osservatorio dei Consumi Ortofrutticoli” di Macfrut e relative al periodo giugno 2012 – luglio 2013, registrano un calo dei consumi di ortofrutta fresca e surgelata, con la spesa scesa a 13,9 miliardi di euro. Analizzando le singole categorie di prodotto si nota che  gli acquisti sono diminuiti del 3,1% per la frutta fresca e del 2% per la verdura fresca mentre cresce leggermente il volume di acquisti dei surgelati +0,7%.

Nonostante ciò, i dati di Agrinsieme (che riunisce CIA, Confagricoltura e Alleanza Cooperative Italiane) riportano che gli italiani consumano ancora in media 219 gr. pro capite di frutta al giorno e 228 gr. pro capite di verdura quotidianamente, superando i 400 gr complessivi raccomandati dall’OMS per seguire una dieta sana all’insegna del benessere.

In Francia i dati del Kantar Worldpanel edizione 2013, con dati 2012, illustrano una ripresa negli acquisti di frutta e verdura+6,1% in valore l’acquisto di ortofrutta rispetto al 2011 e +3,2% il volume di acquisti. La spesa per frutta e verdura, escluse le patate, nel 2012 si è attestata sui 15,5 miliardi di euro. Nello specifico la spesa per acquisti di frutta è aumentata del 7% mentre il volume degli acquisti è cresciuto del 5,1%. Per la verdura nel 2012 si è registrato un aumento del 5,1% della spesa, dovuto soprattutto ad un aumento dei prezzi medi del 3,8%, mentre  il dato dei volumi di acquisti ha segnato un +1,3%.

Infine, secondo gli ultimi dati rielaborati dall’ufficio ICE di Berlino su fonte Fruchthandel, la Germania fa registrare  in agosto, mese in cui solitamente nella nazione teutonica le vendite di frutta diminuiscono, un + 2% di acquisti di frutta fresca nonostante un +7% dei prezzi.

Ma quale frutta e verdura si preferisce?

In Italia i dati CSO- GFK sottolineano come in dieci anni, dal 2002 al 2012, gli acquisti e i gusti siano cambiati:  calano gli acquisti di mele, pere e arance -15%, di uva da tavola -18%, di mandarini -30%, mentre crescono quelli di nettarine +11%,  clementine + 15% e  kiwi +36%. Per le verdure calano gli acquisti di carote -10%, patate -14% e pomodori -19% , mentre aumentano quelli per insalate e cicorie +12%,  asparagi +13% e  cetrioli +31% .

In Francia invece, secondo i dati FranceAgrimer la mela è il frutto più consumato (sia fresca che trasformata) seguita da pera e arancia. Per le verdure, il pomodoro è quello preferito, anche se i consumi sono la metà di quelli italiani (32 kg per abitante all’anno contro i 70 kg annui per abitante in Italia).

In Germania, dove ogni cittadino nel 2012 ha consumato in media 105 kg di frutta fresca e trasformata per un totale di 8.668.000 tonnellate, la preferita è ancora la mela con 25,9 kg pro capite annui. Per gli ortaggi i preferiti dai tedeschi (dati Agenzia Federale per l’Agricoltura e l’Alimentazione) sono i pomodori i cui consumi pro capite annui si attestano, tra freschi e trasformati, a 20,6 kg.

Se i dati ortofrutticoli mostrano andamenti differenti nelle diverse nazioni, in tutte si registra un aumento deciso dell’ortofrutta biologica.

Per l’Italia l’ultima rilevazione del panel famiglie ISMEA/GFK EURISKO, riferito agli acquisti di prodotti biologici confezionati, presso i punti vendita della grande distribuzione organizzata, segnala un aumento del volume di vendite dei prodotti biologici dell’8,8% con il settore proprio dell’ortofrutta fresca e trasformata che segna un + 8%.

In Francia i dati pubblicati da Ctifl a luglio 2013  riferiti al 2012 (rielaborazione dati di Agence Bio e Kantar Wordpanel) segnalano un +6% nel valore di spesa per frutta e verdura bio e un +5% delle quantità acquistate. I prodotti ortofrutticoli bio che hanno registrato le migliori performances sono le carote, i pomodori, le zucchine, le mele e i kiwi.

Per Organic Monitor (dati 2011) i tedeschi hanno speso ben 6,6 miliardi di euro in prodotti alimentari biologici di cui ben il 27% di questo fatturato deriva dall’ortofrutta.

La generale crescita delle vendite di ortofrutta bio indica come ci sia sempre maggiore ricerca di alimenti sani e sicuri per la salute e per l’ambiente e a tal riguardo la legislazione dell’UE, molto scrupolosa e attenta, vanta una rigorosa regolamentazione” dichiara Massimo Brusaporci, responsabile del progetto e direttore di Alimos.

Per rispondere alle esigenze conoscitive dei consumatori il sito FrutyLife fornisce informative sulla filiera di frutta e verdura europea, sulla garanzia in termini di sicurezza e qualità, nonché approfondimenti sulla stagionalità, sulla corretta alimentazione e sul modo di consumare tali alimenti in gustose e veloci ricettazioni.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende