Home » Comunicati Stampa »Progetti » Gli 8 elettrodomestici che non riusciamo a buttare. Un’indagine Ipsos per Ecodom:

Gli 8 elettrodomestici che non riusciamo a buttare. Un’indagine Ipsos per Ecodom

novembre 14, 2013 Comunicati Stampa, Progetti

In casa, in cantina o in garage di ogni famiglia italiana ci sono in media 8 elettrodomestici – fra grandi e piccoli – non funzionanti o comunque non utilizzati, per un totale di circa 200 milioni di pezzi, quasi un quinto delle apparecchiature elettriche ed elettroniche possedute.
Al primo posto, tra i grandi elettrodomestici, troviamo i condizionatori portatili (il 32% non sono più in uso), seguiti da asciugatrici (21%) e da boiler elettrici (16%). Tra i piccoli, invece, sul podio le pianole (48%), seguite dai video registratori (43%) e dai monitor per il tubo catodico (38%). In cucina restano inutilizzate anche le friggitrici (32%), i macinacaffè (31%) e i tostapane (20%). Questi i principali risultati del “Rapporto di ricerca sulle abitudini di utilizzo e smaltimento delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) da parte dei consumatori italiani” commissionato nel 2012 da Ecodom – il primo Consorzio italiano nella gestione dei RAEE – a Ipsos.

A partire da questi dati, Ecodom ha deciso di indagare le motivazioni e gli atteggiamenti alla base di questo fenomeno attraverso l’iniziativa “Garage Story”, presentata ieri a Milano presso Dream Factory. Nel corso dell’appuntamento sono stati resi noti i risultati della ricerca, realizzata in collaborazione con la Doxa, che ci rivela perché le famiglie italiane non si liberano dei propri elettrodomestici in disuso. Inoltre, per raccontare attraverso parole e immagini cosa si celi dietro questi dati, sono state presentate dieci “Garage story”, ritratte dal fotografo Mario Guerra.

Dall’indagine Doxa, emergono dieci profili che tratteggiano gli atteggiamenti più comuni tra le famiglie italiane: al primo posto il filone dei “disinteressati” (circa il 31% del campione), di cui fanno parte anche i pigri e i disinformati, ovvero quelli del “come faccio a liberarmene”, “non saprei a chi rivolgermi”, “la prossima volta me ne libero”. Per loro portare la vecchia tv all’isola ecologica è una vera “mission impossible”: non trovano mai il tempo per farlo, oppure non hanno idea di dove andare o a chi rivolgersi e, tutto sommato, neanche sono interessati a saperlo. A questo identikit rispondono prevalentemente le famiglie over 50, con un livello di istruzione basso e che vivono soprattutto nel Sud e nelle isole.

Al secondo posto troviamo “i razionali”, ovvero gli accumulatori, gli oculati e gli appassionati del fai-da-te (circa il 29%): per loro conservare il vecchio elettrodomestico è una scelta “ragionata”. Sono quelli del “non si sa mai, potrebbero sempre servire”, del “meglio uno di scorta, anche se non funziona”, del “magari un giorno potrei ripararlo”. Questi profili sono diffusi in tutte le fasce di età e ben distribuiti sul territorio nazionale, con una lieve predominanza nelle regioni del centro.

Il terzo filone è costituito dagli “emotivi” (circa il 20% del campione) i quali non si liberano del vecchio elettrodomestico per una ragione tutta affettiva. Nostalgici o idealisti, sono quelli del “magari un giorno diventa un pezzo di design”, del “ci sono affezionato”, del “gli apparecchi di una volta non esistono più”. Fra loro, quasi tutti sono over 50.

A completare il quadro troviamo i polemici (circa l’11%), ovvero quelli del “per me è faticoso portarli all’isola ecologica, potrebbero venire a prenderseli”, e i diffidenti (circa il 9%), cioè quelli del “non sono convinto, chissà dove vanno a finire”. Tra i polemici prevalgono soprattutto gli under 35, mentre tra i diffidenti gli over 50.

Prendendo in considerazione la tipologia di apparecchiatura elettrica o elettronica, scopriamo che i piccoli elettrodomestici vengono conservati soprattutto per disinteresse: la motivazione che adduce il 12% degli intervistati è che “lì dove sono non danno alcun fastidio”; seguiti da chi pensa che “potrebbero sempre servire”, (ovvero gli oculati, 12%) e da chi ritiene che “è meglio averne uno di scorta” (gli accumulatori, 11%). Per i grandi elettrodomestici, invece, la motivazione principale è che lo smaltimento è un’operazione faticosa: nel 13% degli intervistati, infatti, emerge un atteggiamento polemico, seguito da chi se ne disinteressa (11%) e da “chi non trova mai il tempo di portarli all’isola ecologica” (10%).

Dopo aver indagato le principali motivazioni che portano le famiglie italiane a non liberarsi dei propri RAEE, Ecodom ha interperatato creativamente i dieci profili emersi dall’indagine Doxa raccontando altrettante brevi storie, ritratte dagli scatti del fotografo Mario GuerraOgni “Garage story” interpreta un profilo, approfondisce un atteggiamento, ne porta in evidenza contraddizioni ed errori, con l’obiettivo finale di ricordare quali siano invece i comportamenti giusti da adottare per un corretto recupero e riciclo dei RAEE.
A dare il proprio contributo all’iniziativa anche tre testimonial d’eccezione: il Presidente della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati Ermete Realacci, la decoratrice e conduttrice tv Barbara Gulienetti e lo chef Renato Bernardi. Tre appassionate video-interviste, in cui ogni testimonial ha lanciato il proprio messaggio per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema – sempre più importante – del riciclo delle apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Ma qualento “vale” il vecchio elettrodomestico di cui non riusciamo a disfarci? Ogni apparecchiatura elettrica ed elettronica è una “miniera” di materiali: da un frigorifero, ad esempio, si ottengono fino a 28 kg di ferro, 6 kg di plastica e oltre 3 kg tra rame e alluminio. E se da un solo frigorifero è possibile ricavare circa 40 kg di materie prime seconde, Ecodom,  nel corso del 2012, ne ha recuperate e reinserite nei processi produttivi ben 62.000 tonnellate: al primo posto il ferro (oltre 44.000 tonnellate), seguito da plastica (7.000 tonnellate), rame (2.000 tonnellate) e alluminio (1.700 tonnellate). L’utilizzo delle materie prime ottenute ha consentito, inoltre, un risparmio energetico di circa 272.215 Giga Joule, pari al consumo annuo della popolazione della città di Viterbo (66 mila persone).

“I RAEE possono diventare risorse preziose se correttamente trattati – commenta Giorgio Arienti, Direttore Generale di Ecodom – e ciascuno di noi può svolgere un ruolo decisivo per valorizzare il ‘tesoro’ nascosto (e dimenticato) nelle nostre case. D’altra parte, se non ce ne liberiamo in modo non corretto, quegli stessi RAEE rappresentano un rischio per l’ambiente, in quanto contengono sostanze altamente inquinanti; motivo per cui la legge ne prevede la raccolta differenziata e il trattamento da parte di impianti specializzati. È dunque fondamentale – conclude il Direttore Generale di Ecodom – che aumenti la responsabilità individuale sul tema della raccolta e trattamento degli elettrodomestici a fine vita. Con soli 4 kg pro capite annui di RAEE correttamente trattati, l’Italia si colloca oggi appena al 16° posto della graduatoria europea ed è lontanissima dagli obiettivi di raccolta stabiliti dalla nuova direttiva comunitaria sui RAEE, pari a circa 12 kg/abitante annui (il triplo degli attuali) a partire dal 2019”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende