Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche » Good Energy Award: risparmi del 15% per le imprese che investono in efficienza energetica:

Good Energy Award: risparmi del 15% per le imprese che investono in efficienza energetica

Investire nella sostenibilità energetica conviene. Lo dimostra un’analisi condotta da Bernoni Grant Thornton – società con oltre 50 anni di esperienza nella consulenza tributaria e societaria, nazionale e internazionale e member firm di Grant Thornton International Ltd. – organizzatore e promotore del premio Good Energy Award, dedicato alle imprese che operano nel settore della sostenibilità energetica, presso le oltre 200 imprese che hanno partecipato, nel corso degli ultimi quattro anni, alle edizioni del premio. Ben il 70% di tali imprese, infatti, ha dichiarato una riduzione dei costi energetici del 15%.

Energia ecosostenibile, risparmio energetico, energia a basso costo. Con questi driver si gioca il futuro dell’economia mondiale. Il ruolo strategico dell’energia è tanto più evidente anche perché si registra, verso questo settore, un crescente interesse non solo da parte di aziende pubbliche e private e di enti e organizzazioni vari, ma anche da parte di giovani che nel settore dell’energia impiegano le loro professionalità e ripongono le proprie speranze occupazionali e imprenditoriali. Non è un caso, infatti, che all’edizione 2014 del Premio si stanno proponendo come partecipanti nuove realtà imprenditoriali costituite da giovani attorno ai trent’anni, che in questo settore hanno scoperto e attivato nuove possibilità di lavoro. Per esempio nella commercializzazione dei TEE, i Titoli di Efficienza Energetica, che coinvolgono un numero crescente di imprese e utilizzatori di energia.

Il Premio “Good Energy Award”, che giunge quest’anno alla quinta edizione, si rivolge proprio alle imprese italiane virtuose che hanno deciso di investire nel risparmio energetico, nella sostenibilità e nell’innovazione come fattori critici di successo. L’analisi di Bernoni Grant Thornton ha anche permesso di «localizzare» geograficamente tali imprese, distribuite tra Lombardia (30%), Emilia Romagna (40%) e Centro/Sud Italia (30%).

Dal punto di vista del «profilo» aziendale, l’indagine registra una buona crescita delle organizzazioni non profit così come delle realtà appartenenti al settore pubblico allargato.Per tutte le imprese interpellate, il risparmio energetico rappresenta il principale «driver» competitivo, sia alla luce del necessario contenimento dei costi, sia alla luce della pressante richiesta di sostenibilità del sistema produttivo da parte delle principali organizzazioni economiche internazionali.

“Considero un segnale molto importante – spiega Stefano Salvadeo, partner Bernoni Grant Thornton – il fatto che, in un momento economico sicuramente non facile come questo, la maggior parte delle Aziende che hanno partecipato al Good Energy Award sia riuscita a ottenere una significativa riduzione dei costi energetici: segnale indicativo di una forte sensibilità che i nostri imprenditori hanno nei confronti dell’ambiente e del territorio. Good Energy Award punta proprio a mettere in luce la passione, l’impegno e il coraggio degli imprenditori che sono riusciti a dare vita a progetti virtuosi di sostenibilità energetica e ambientale.

Il Premio – realizzato con il contributo di Bosch, Florim, Zucchetti e Universal e con il supporto scientifico del Ministero dell’Ambiente, ANDAF, Università degli Studi di Trento, Parco Tecnologico Padano, AEIT, Università degli Studi di Milano, Trentino Sviluppo, TIS Innovation Park di Bolzano  e Fiper – nasce dalla volontà di conferire un riconoscimento alle imprese che hanno avuto il coraggio di investire in un mercato nuovo, non tradizionale, in modo responsabile verso l’ambiente, l’economia e il territorio. L’adesione all’iniziativa è libera e gratuita ed è rivolta a società e organizzazioni operanti nel settore energetico; a società e organizzazioni che nel corso degli ultimi anni abbiano attuato progetti, politiche e investimenti monitorabili, volti all’innovazione nel settore dell’energia (tra cui: risparmio energetico, fonti rinnovabili, sostenibilità ambientale e a tutto quanto coincida con una significativa riduzione della componente energetica necessaria al funzionamento dell’attività e al relativo incremento della marginalità e del risultato d’esercizio).

Le categorie previste nell’edizione 2014 del Good Energy Award sono: Industria; Terziario; Real Estate; Pubblica Amministrazione e No Profit; Agroalimentare; “Giovani speranze” e Start-up. La giuria del premio – presieduta da Maurizio Fauri, docente di Sistemi Elettrici per l’Energia all’Università di Trento e presidente di Polo Tecnologico per l’Energia – individuerà e selezionerà i finalisti secondo i seguenti criteri: l’impegno profuso, le risorse e le tecnologie impiegate, i ritorni economici, il valore per il territorio, la collettività e gli stakeholders aziendali, nonché la ricerca di una sempre maggiore efficienza energetica; tali elementi saranno valutati in base a parametri economici, finanziari, tecnici, ambientali e di relazione con il territorio ove il candidato opera.

Vincitrici dell’edizione 2013 sono state: Turboden (Brescia), Teleriscaldamento Termo-Elettrico Dobbiaco San Candido (Bolzano), Edilana (Medio Campidano) e COOPI – Cooperazione internazionale (Milano). La presentazione delle candidature al Premio (gratuita e spontanea) potrà avvenire fino al 14 aprile 2014, mentre la cerimonia di premiazione è prevista per giugno 2014. Il regolamento e i moduli di iscrizione al premio sono facilmente consultabili sul sito www.bernoni-grantthornton.it.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende