Home » Comunicati Stampa »Progetti » GPP: Legambiente chiede ai presidenti di Camera e Senato il 50% di acquisti verdi:

GPP: Legambiente chiede ai presidenti di Camera e Senato il 50% di acquisti verdi

marzo 26, 2013 Comunicati Stampa, Progetti

Da cinque anni le Amministrazioni pubbliche italiane sono invitate ad introdurre criteri ambientali e sociali negli appalti pubblici relativi a beni, servizi e opere. Lo prevede il “Piano d’Azione per la Sostenibilità Ambientale dei Consumi nel Settore della Pubblica Amministrazione” (Piano d’Azione Nazionale per il Green Public Procurement) che il nostro Paese, nel quadro di una specifica politica europea volta a rafforzare l’uso degli appalti pubblici per raggiungere obiettivi strategici di carattere ambientale e sociale, ha approvato con il Decreto Interministeriale n. 135 dell’11 aprile 2008.

Ma se ad oggi oltre un centinaio di enti territoriali hanno adottato azioni sistematiche di Green Public Procurement, l’amministrazione centrale è ancora in forte ritardo. Legambiente ha quindi scritto ai neopresidenti delle Camere, Laura Boldrini e Pietro Grasso, affinché si facciano promotori di un cambiamento concreto e significativo all’insegna dell’ecologia e della sobrietà nei consumi.

“Nell’esprimervi le nostre felicitazioni per la vostra elezione e l’apprezzamento per le novità che avete già voluto introdurre – si legge nella lettera firmata dal direttore generale dell’associazione Rossella Muroni – vi sottopongo una possibile iniziativa di cui potreste farvi promotori nell’ambito dei bilanci delle istituzioni che rappresentate: attuare il piano d’azione per la sostenibilità ambientale, il cui obiettivo è arrivare al 50% di acquisti verdi”. Perché “acquistare verde” significa ridurre gli impatti sull’ambiente e sulla salute nonché tutelare i diritti umani e il lavoro dignitoso delle attività economiche connesse agli appalti. E significa anche ridurre i costi, come evidenzia uno studio dell’Unione Europea, connessi alle fasi di acquisto, gestione, manutenzione, smaltimento finale dei beni, servizi ed opere oggetto dell’appalto.

“Per le istituzioni che Voi così degnamente rappresentate – continua la missiva – si tratterebbe di acquistare carta da riciclo o da foreste certificate, prodotti elettronici a basso consumo energetico, servizi di pulizia con prodotti certificati Ecolabel, servizi energetici congegnati per ridurre i consumi, auto a basse emissioni di anidride carbonica oppure affittare uffici con criteri di sostenibilità sul lato energetico ed ambientale. Si tratterebbe, inoltre, di ridurre gli impatti ambientali degli eventi pubblici oppure ancora di acquistare servizi di ristorazione che prevedano l’uso di cibo fresco, stagionale e biologico o, se esotico, proveniente dal commercio equo e solidale, nonché l’uso di prodotti agroalimentari provenienti dall’agricoltura sociale o dalle terre confiscate alla mafia. Crediamo che il valore di testimonianza della vostra iniziativa possa veramente costituire un eccezionale stimolo per una amministrazione pubblica più coerente, verde e responsabile e restiamo ovviamente a disposizione per qualsiasi richiesta di chiarimento e approfondimento, anche, se lo riterrete opportuno, prevedendo incontri con gli esperti che collaborano con la nostra associazione”.

“L’amministrazione pubblica – ha dichiarato Silvano Falocco della Rete GPPnet (Green Public Procurement Information network), che sostiene l’iniziativa di Legambiente –  deve ritornare ad essere un riferimento ed una guida per i cittadini, le associazioni e le imprese, sia a livello di comportamento che di orientamento nelle politiche pubbliche. Ogni giorno le pubbliche amministrazioni spendono oltre 380 milioni in acquisti di beni e servizi, decidendo, attraverso le loro scelte, se impattare poco, o molto, sull’ambiente e se tutelare il lavoro dignitoso e i diritti umani. La rete GPPnet da anni sensibilizza gli enti territoriali a introdurre i criteri ecologici e sociali nei loro capitolati di appalto. L’amministrazione centrale è, invece, distratta e in forte ritardo. L’iniziativa dei Presidenti della Camera e del Senato rappresenterebbe non solo una precisa indicazione su come risparmiare in modo intelligente ed ecologico, ma anche una forte spinta allo sviluppo del GPP in Italia ed un ulteriore traino all’azione degli enti locali”.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

dicembre 8, 2016

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

Banca Etica, la prima e tutt’ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, ha espresso apprezzamento per l’articolo dedicato alla finanza etica all’interno della Legge di Bilancio, appena approvata ​dal Senato in via definitiva​. “È importante che vi sia il riconoscimento legislativo del valore sociale e ambientale, oltre che economico e finanziario, della finanza [...]

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende