Home » Comunicati Stampa »Progetti » GPP: Legambiente chiede ai presidenti di Camera e Senato il 50% di acquisti verdi:

GPP: Legambiente chiede ai presidenti di Camera e Senato il 50% di acquisti verdi

marzo 26, 2013 Comunicati Stampa, Progetti

Da cinque anni le Amministrazioni pubbliche italiane sono invitate ad introdurre criteri ambientali e sociali negli appalti pubblici relativi a beni, servizi e opere. Lo prevede il “Piano d’Azione per la Sostenibilità Ambientale dei Consumi nel Settore della Pubblica Amministrazione” (Piano d’Azione Nazionale per il Green Public Procurement) che il nostro Paese, nel quadro di una specifica politica europea volta a rafforzare l’uso degli appalti pubblici per raggiungere obiettivi strategici di carattere ambientale e sociale, ha approvato con il Decreto Interministeriale n. 135 dell’11 aprile 2008.

Ma se ad oggi oltre un centinaio di enti territoriali hanno adottato azioni sistematiche di Green Public Procurement, l’amministrazione centrale è ancora in forte ritardo. Legambiente ha quindi scritto ai neopresidenti delle Camere, Laura Boldrini e Pietro Grasso, affinché si facciano promotori di un cambiamento concreto e significativo all’insegna dell’ecologia e della sobrietà nei consumi.

“Nell’esprimervi le nostre felicitazioni per la vostra elezione e l’apprezzamento per le novità che avete già voluto introdurre – si legge nella lettera firmata dal direttore generale dell’associazione Rossella Muroni – vi sottopongo una possibile iniziativa di cui potreste farvi promotori nell’ambito dei bilanci delle istituzioni che rappresentate: attuare il piano d’azione per la sostenibilità ambientale, il cui obiettivo è arrivare al 50% di acquisti verdi”. Perché “acquistare verde” significa ridurre gli impatti sull’ambiente e sulla salute nonché tutelare i diritti umani e il lavoro dignitoso delle attività economiche connesse agli appalti. E significa anche ridurre i costi, come evidenzia uno studio dell’Unione Europea, connessi alle fasi di acquisto, gestione, manutenzione, smaltimento finale dei beni, servizi ed opere oggetto dell’appalto.

“Per le istituzioni che Voi così degnamente rappresentate – continua la missiva – si tratterebbe di acquistare carta da riciclo o da foreste certificate, prodotti elettronici a basso consumo energetico, servizi di pulizia con prodotti certificati Ecolabel, servizi energetici congegnati per ridurre i consumi, auto a basse emissioni di anidride carbonica oppure affittare uffici con criteri di sostenibilità sul lato energetico ed ambientale. Si tratterebbe, inoltre, di ridurre gli impatti ambientali degli eventi pubblici oppure ancora di acquistare servizi di ristorazione che prevedano l’uso di cibo fresco, stagionale e biologico o, se esotico, proveniente dal commercio equo e solidale, nonché l’uso di prodotti agroalimentari provenienti dall’agricoltura sociale o dalle terre confiscate alla mafia. Crediamo che il valore di testimonianza della vostra iniziativa possa veramente costituire un eccezionale stimolo per una amministrazione pubblica più coerente, verde e responsabile e restiamo ovviamente a disposizione per qualsiasi richiesta di chiarimento e approfondimento, anche, se lo riterrete opportuno, prevedendo incontri con gli esperti che collaborano con la nostra associazione”.

“L’amministrazione pubblica – ha dichiarato Silvano Falocco della Rete GPPnet (Green Public Procurement Information network), che sostiene l’iniziativa di Legambiente –  deve ritornare ad essere un riferimento ed una guida per i cittadini, le associazioni e le imprese, sia a livello di comportamento che di orientamento nelle politiche pubbliche. Ogni giorno le pubbliche amministrazioni spendono oltre 380 milioni in acquisti di beni e servizi, decidendo, attraverso le loro scelte, se impattare poco, o molto, sull’ambiente e se tutelare il lavoro dignitoso e i diritti umani. La rete GPPnet da anni sensibilizza gli enti territoriali a introdurre i criteri ecologici e sociali nei loro capitolati di appalto. L’amministrazione centrale è, invece, distratta e in forte ritardo. L’iniziativa dei Presidenti della Camera e del Senato rappresenterebbe non solo una precisa indicazione su come risparmiare in modo intelligente ed ecologico, ma anche una forte spinta allo sviluppo del GPP in Italia ed un ulteriore traino all’azione degli enti locali”.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende