Home » Comunicati Stampa »Progetti » GPP: Legambiente chiede ai presidenti di Camera e Senato il 50% di acquisti verdi:

GPP: Legambiente chiede ai presidenti di Camera e Senato il 50% di acquisti verdi

marzo 26, 2013 Comunicati Stampa, Progetti

Da cinque anni le Amministrazioni pubbliche italiane sono invitate ad introdurre criteri ambientali e sociali negli appalti pubblici relativi a beni, servizi e opere. Lo prevede il “Piano d’Azione per la Sostenibilità Ambientale dei Consumi nel Settore della Pubblica Amministrazione” (Piano d’Azione Nazionale per il Green Public Procurement) che il nostro Paese, nel quadro di una specifica politica europea volta a rafforzare l’uso degli appalti pubblici per raggiungere obiettivi strategici di carattere ambientale e sociale, ha approvato con il Decreto Interministeriale n. 135 dell’11 aprile 2008.

Ma se ad oggi oltre un centinaio di enti territoriali hanno adottato azioni sistematiche di Green Public Procurement, l’amministrazione centrale è ancora in forte ritardo. Legambiente ha quindi scritto ai neopresidenti delle Camere, Laura Boldrini e Pietro Grasso, affinché si facciano promotori di un cambiamento concreto e significativo all’insegna dell’ecologia e della sobrietà nei consumi.

“Nell’esprimervi le nostre felicitazioni per la vostra elezione e l’apprezzamento per le novità che avete già voluto introdurre – si legge nella lettera firmata dal direttore generale dell’associazione Rossella Muroni – vi sottopongo una possibile iniziativa di cui potreste farvi promotori nell’ambito dei bilanci delle istituzioni che rappresentate: attuare il piano d’azione per la sostenibilità ambientale, il cui obiettivo è arrivare al 50% di acquisti verdi”. Perché “acquistare verde” significa ridurre gli impatti sull’ambiente e sulla salute nonché tutelare i diritti umani e il lavoro dignitoso delle attività economiche connesse agli appalti. E significa anche ridurre i costi, come evidenzia uno studio dell’Unione Europea, connessi alle fasi di acquisto, gestione, manutenzione, smaltimento finale dei beni, servizi ed opere oggetto dell’appalto.

“Per le istituzioni che Voi così degnamente rappresentate – continua la missiva – si tratterebbe di acquistare carta da riciclo o da foreste certificate, prodotti elettronici a basso consumo energetico, servizi di pulizia con prodotti certificati Ecolabel, servizi energetici congegnati per ridurre i consumi, auto a basse emissioni di anidride carbonica oppure affittare uffici con criteri di sostenibilità sul lato energetico ed ambientale. Si tratterebbe, inoltre, di ridurre gli impatti ambientali degli eventi pubblici oppure ancora di acquistare servizi di ristorazione che prevedano l’uso di cibo fresco, stagionale e biologico o, se esotico, proveniente dal commercio equo e solidale, nonché l’uso di prodotti agroalimentari provenienti dall’agricoltura sociale o dalle terre confiscate alla mafia. Crediamo che il valore di testimonianza della vostra iniziativa possa veramente costituire un eccezionale stimolo per una amministrazione pubblica più coerente, verde e responsabile e restiamo ovviamente a disposizione per qualsiasi richiesta di chiarimento e approfondimento, anche, se lo riterrete opportuno, prevedendo incontri con gli esperti che collaborano con la nostra associazione”.

“L’amministrazione pubblica – ha dichiarato Silvano Falocco della Rete GPPnet (Green Public Procurement Information network), che sostiene l’iniziativa di Legambiente –  deve ritornare ad essere un riferimento ed una guida per i cittadini, le associazioni e le imprese, sia a livello di comportamento che di orientamento nelle politiche pubbliche. Ogni giorno le pubbliche amministrazioni spendono oltre 380 milioni in acquisti di beni e servizi, decidendo, attraverso le loro scelte, se impattare poco, o molto, sull’ambiente e se tutelare il lavoro dignitoso e i diritti umani. La rete GPPnet da anni sensibilizza gli enti territoriali a introdurre i criteri ecologici e sociali nei loro capitolati di appalto. L’amministrazione centrale è, invece, distratta e in forte ritardo. L’iniziativa dei Presidenti della Camera e del Senato rappresenterebbe non solo una precisa indicazione su come risparmiare in modo intelligente ed ecologico, ma anche una forte spinta allo sviluppo del GPP in Italia ed un ulteriore traino all’azione degli enti locali”.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende