Home » Comunicati Stampa » “Green fashion”, pareri diversi sulle due sponde dell’Atlantico:

“Green fashion”, pareri diversi sulle due sponde dell’Atlantico

dicembre 29, 2010 Comunicati Stampa

modagreen, courtesy of weheartit.comUna recente ricerca condotta dall’Università Internazionale di Monaco (IUM), dimostra che il “green fashion” piace di più agli americani che agli europei.

La principale differenza é dovuta al fatto che per gli americani il consumatore di moda “verde” è più giovane, di tendenza, disinvolto  e sofisticato che nella percezione degli europei.

Nella ricerca “Green in Fashion”, i ricercatori della IUM misurano l’interesse dei consumatori per la moda ecologica. Più di un centinaio di americani e di europei ha risposto al sondaggio sulle motivazioni di acquisto di abiti e accessori ecologici e sulla percezione del compratore ideale.

I ricercatori hanno scoperto che l’interesse per l’acquisto di prodotti verdi è ancora moderato in Europa e che la maggior parte dei consumatori che scelgono la moda verde lo fa per delle ragioni legate alla protezione dell’ambiente e all’impatto sulla salute e l’etica.

Benché i consumatori europei siano pronti a pagare un surplus per acquistare cibi biologici, non vedono ragione per fare altrettanto con abiti e accessori ecologici” spiega Sandrine Ricard, Vice-Presidente della IUM e co-autore della ricerca. “Occorre informare meglio il consumatore sulla vera natura della moda ecologica, rendere più attraente la comunicazione e conferire più fascino ai prodotti stessi”.

La ricerca mostra, inoltre, che gli americani percepiscono la moda verde in modo più favorevole, in parte perché, spesso,  le marche di abiti ecologici sono lanciate da celebrities, come il marchio Edun, rappresentato da Bono e da sua moglie. Gli americani associano, infatti, la moda verde all’immagine di una donna di circa 20 anni, semplice ma sexy, che sceglie abiti e accessori ecologici.

Dall’altro lato, gli europei intervistati percepiscono i consumatori di moda verde come privi di stile, poco, o non abbastanza glamour. Il consumatore tipico della moda green per gli europei é donna sulla quarantina, in forma, con uno stile di vita salutare, ma non sofisticata. Inoltre, poiché i prodotti ecologici sono più cari in Europa, vengono associati ad uno status sociale e una propensione all’ostentazione.

Il team di ricercatori ha infine concluso che il concetto della moda verde non è ancora chiaro per la maggioranza delle persone che hanno partecipato al sondaggio. I consumatori sembrano confusi rispetto al significato esatto di “green fashion” e dalla mancanza d’informazioni chiare sulle norme sui processi produttivi.

Concludendo, se la moda verde vuole diventare un’alternativa valida per i consumatori europei, deve farsi più attrattiva e fare breccia sulle giovani generazioni.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende