Home » Comunicati Stampa »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Green hospitals: l’Azienda Ospedaliera “S. Maria della Misericordia” di Perugia si affida a Cofely:

Green hospitals: l’Azienda Ospedaliera “S. Maria della Misericordia” di Perugia si affida a Cofely

L’azienda ospedaliera “Santa Maria della Misericordia” di Perugia, il più grande nosocomio dell’Italia centrale per posti letto (750) e area occupata (325.000 mq), punta sulla riduzione dell’impatto ambientale grazie al “servizio energia integrato” preso in carico da Cofely Italia, società del Gruppo GDF SUEZ, impegnata nei servizi per l’efficienza energetica e ambientale.

Il contratto, della durata di 7 anni e del valore di 45 milioni di euro, prevede un ampio programma di interventi a favore della sostenibilità, che vanno dalla gestione, manutenzione e riqualificazione del parco impiantistico, fino all’installazione delle tecnologie più innovative, in risposta alle esigenze energetiche delle 52 costruzioni in cui è organizzato il complesso ospedaliero.

“Se da un lato si stima che da oggi al 2030 la richiesta energetica aumenterà del 40%, di contro, le riserve di combustibili fossili diminuiscono sempre più e l’attenzione all’impatto ambientale è al centro di ogni decisione – commenta Enrico Colombo, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Cofely Italia. Consapevoli di questo scenario, oggi le istituzioni e le aziende sono maggiormente attente a produrre energia in maniera sostenibile e a farne un uso razionale ed efficiente. La scelta green dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia è un importante segnale di responsabilità nei confronti dell’ambiente, oltre che un esempio per tutte le grandi strutture pubbliche, fortemente energivore, che mirano ad una maggiore indipendenza energetica”.

La cura del paziente va di pari passo con la messa in sicurezza della struttura che lo accoglie. È necessario occuparsi delle due attività, che appaiono distinte solo in partenza – commenta Walter Orlandi, Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Santa Maria della Misericordia – Questo progetto, fortemente innovativo, di trigenerazione e fotovoltaico, va proprio in questa direzione, quella di mettere la struttura in condizione di essere al passo con i tempi”.

Di particolare rilievo è stata l’installazione, lo scorso mese di luglio, di un sistema fotovoltaico da 190 kWhp, in grado di coprire totalmente i 4.500 mq di superficie su cui l’impianto posa, senza alcun impatto in termini visivi, in quanto i pannelli si integrano totalmente con la copertura dell’edificio. Questo intervento – che, per la sua estensione non ha precedenti nella sanità umbra – si pone l’obiettivo di produrre annualmente 205 MWh di energia e di tagliare la produzione di CO2 di 136 ton/anno.

Cofely Italia ha inoltre realizzato, per l’azienda ospedaliera, una centrale di trigenerazione che consente la produzione congiunta di elettricità (per il totale autoconsumo dell’ospedale perugino), di energia termica per il periodo invernale e frigorifera per quello estivo, a partire dal recupero del calore dai gas di scarico e dai circuiti di raffreddamento. L’impianto ha una potenza elettrica di 1.487 KWe e termica di 3.568 KWt.

Grazie al fotovoltaico e alla trigenerazione, il fabbisogno di energia termica del Santa Maria della Misericordia è stato coperto per il 47% da energia pulita, quello di energia frigorifera per il 58% e quello relativo all’elettricità per il 49%. Tagliate più del 50% di emissioni di CO2 annue, pari a 4.825 ton/anno, con una riduzione di 1.189 TEP (tonnellate equivalenti di petrolio). Sensibilmente ridotto anche l’impatto acustico provocato dal funzionamento degli impianti.

Cofely Italia sul territorio regionale si occupa di altre strutture assistenziali, tra cui l’Azienda Ospedaliera “Santa Maria” di Terni e i distretti sanitari che fanno capo alla USL 1 dell’Umbria. Ha inoltre in gestione 140 impianti di competenza del Comune di Perugia, insieme a 130 impianti appartenenti alla Provincia di Perugia.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende