Home » Comunicati Stampa » GreenValue: “I cittadini e la green economy”:

GreenValue: “I cittadini e la green economy”

ottobre 6, 2009 Comunicati Stampa

Courtesy of Darwin Bell (Flikr)Il mercato è pronto per la green economy. Gli italiani si dichiarano virtuosi nei comportamenti ecologici, soprattutto in casa, ma non si tocchi l’automobile, destinata a essere sempre più “verde”. Tre proposte per la politica. Presentata oggi nel corso del Forum Mobilitytech a Milano, la ricerca “i cittadini e la green economy” promossa da GreenValue, condotta da Ispo e illustrata dal Prof. Renato Mannheimer.

Cittadini modello dentro le mura di casa. In ambito domestico oltre l’80% dichiara di usare tecnologie verdi e mettere in pratica comportamenti ecologici; la gente oggi è culturalmente pronta a contribuire individualmente alla sfida ambientale. Purtroppo questo ottimismo non vale in tutti casi. Fuori dalle mura domestiche, quando si tratta di trasporti, l’auto resta fondamentale, anche se in città, negli spostamenti brevi, fino al 50% degli intervistati afferma di utilizzare altri mezzi. Diciamo che lo dichiara, nella realtà i dati statistici Istat sulle scelte modali dei trasporti evidenziano mediamente un uso di mezzi pubblici e biciclette che non va oltre il 30-35% (a seconda della città). In generale quindi, oggi il mercato attende con entusiasmo prodotti e servizi “green”, a costi possibilmente non superiori a quelli attuali. Questo vale sia sui prodotti quali elettrodomestici e beni di largo consumo, sia ancor più nel settore dei trasporti, dove oltre il 90% degli italiani afferma di tenere in considerazione il valore ecologico di un veicolo nella scelta d’acquisto.

“La ricerca sulla “green economy – afferma Carlo Iacovini, Presidente di GreenValue, ha confermato quella sensazione ormai diffusa che vede l’ecologia come un valore proprio del vissuto comune. Non siamo più di fronte a baluardi politici o demagogici, ma piuttosto alla consapevolezza che l’attenzione all’ambiente si concretizza in comportamenti individuali, sviluppo economico e scelte politiche. Tre le azioni da intraprendere:

  • Sostenere le abitudini virtuose degli individui attraverso campagne di “sustainable behaviour management” (già attuate da governi locali in paesi anglosassoni e in ambito trasporti),
  • Diffondere le competenze di ecomanagement nel mondo delle imprese e della politica (con programmi formativi di alta specializzazione promossi dalle Università)
  • Promuovere un “think tank” tematico sul concetto di “green city” per definire, con il contributo delle massime competenze del settore, il modello urbano di “città verde”, in termini di urbanistica, trasporti, e ambiente.”

Alcuni Focus della ricerca condotta dall’Istituto Ispo del Prof. Renato Mannheimer su un campione rappresentativo della popolazione italiana.

Green economy e formazione: il 92% degli intervistati ritiene necessario integrare economia con ambiente, soprattutto investendo nelle tecnologie, elemento che ci aiuterà a uscire dalla crisi. La formazione di nuove figure professionali è indicata come decisiva dall’84% degli intervistati. I giovani e i laureati sono i più consapevoli del ruolo/funzione della formazione. Tra le figure più accreditate: l’ecomanager, evoluzione moderna di ciò che sono stati gli Energy manager (negli anni ‘80/’90) e i mobility manager sviluppati nell’ultimo decennio.

Inquinamento e traffico: gli scarichi industriali sono riconosciuti come la causa principale dell’inquinamento urbano, seguiti da traffico e dall’uso privato delle automobili. Basta con provvedimenti di restrizione, per gli intervistati occorre puntare a investimenti su trasporto pubblico e infrastrutture metropolitane.

In casa tutti ambientalisti. dentro le mura domestiche l’86% del campione intervistato afferma di utilizzare prodotti ecologici (tipo lampade a basso consumo) e adottare comportamenti “sostenibili” (spegnere le luci, riscaldamento non eccessivo). La percentuale dei virtuosi scende al 50% quando si tratta di spostamenti urbani a corto raggio, dove l’auto resta preferita, anche se il 60% cerca anche di guidare ecologico. Ok agli acquisti verdi, non più solo nelle aziende: anche quando si tratta di effettuare acquisti, la sensibilità ambientale diventa fattore di scelta. Oltre il 50% degli intervistati dichiara di voler conoscere le modalità di produzione dei beni e di preferire prodotti ecologici, soprattutto nel settore dell’automobile, dove l’86% afferma di voler tenere in considerazione gli aspetti legati all’ambiente.

Green value è un gruppo imprenditoriale nato da realtà consolidate della consulenza, nei settori della mobilità e dell’ambiente. Con la partnership di Euromobility e Clickutility, lavora con Istituzioni, Enti e imprese per favorire il cambiamento culturale e generare valore per uno sviluppo economico che tuteli l’ambiente.

Per informazioni: Ufficio stampa Mobilitytech. Claudia Ceroni +393453275496 ufficiostampa@mobilitytech.it

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende