Home » Comunicati Stampa » GreenValue: “I cittadini e la green economy”:

GreenValue: “I cittadini e la green economy”

ottobre 6, 2009 Comunicati Stampa

Courtesy of Darwin Bell (Flikr)Il mercato è pronto per la green economy. Gli italiani si dichiarano virtuosi nei comportamenti ecologici, soprattutto in casa, ma non si tocchi l’automobile, destinata a essere sempre più “verde”. Tre proposte per la politica. Presentata oggi nel corso del Forum Mobilitytech a Milano, la ricerca “i cittadini e la green economy” promossa da GreenValue, condotta da Ispo e illustrata dal Prof. Renato Mannheimer.

Cittadini modello dentro le mura di casa. In ambito domestico oltre l’80% dichiara di usare tecnologie verdi e mettere in pratica comportamenti ecologici; la gente oggi è culturalmente pronta a contribuire individualmente alla sfida ambientale. Purtroppo questo ottimismo non vale in tutti casi. Fuori dalle mura domestiche, quando si tratta di trasporti, l’auto resta fondamentale, anche se in città, negli spostamenti brevi, fino al 50% degli intervistati afferma di utilizzare altri mezzi. Diciamo che lo dichiara, nella realtà i dati statistici Istat sulle scelte modali dei trasporti evidenziano mediamente un uso di mezzi pubblici e biciclette che non va oltre il 30-35% (a seconda della città). In generale quindi, oggi il mercato attende con entusiasmo prodotti e servizi “green”, a costi possibilmente non superiori a quelli attuali. Questo vale sia sui prodotti quali elettrodomestici e beni di largo consumo, sia ancor più nel settore dei trasporti, dove oltre il 90% degli italiani afferma di tenere in considerazione il valore ecologico di un veicolo nella scelta d’acquisto.

“La ricerca sulla “green economy – afferma Carlo Iacovini, Presidente di GreenValue, ha confermato quella sensazione ormai diffusa che vede l’ecologia come un valore proprio del vissuto comune. Non siamo più di fronte a baluardi politici o demagogici, ma piuttosto alla consapevolezza che l’attenzione all’ambiente si concretizza in comportamenti individuali, sviluppo economico e scelte politiche. Tre le azioni da intraprendere:

  • Sostenere le abitudini virtuose degli individui attraverso campagne di “sustainable behaviour management” (già attuate da governi locali in paesi anglosassoni e in ambito trasporti),
  • Diffondere le competenze di ecomanagement nel mondo delle imprese e della politica (con programmi formativi di alta specializzazione promossi dalle Università)
  • Promuovere un “think tank” tematico sul concetto di “green city” per definire, con il contributo delle massime competenze del settore, il modello urbano di “città verde”, in termini di urbanistica, trasporti, e ambiente.”

Alcuni Focus della ricerca condotta dall’Istituto Ispo del Prof. Renato Mannheimer su un campione rappresentativo della popolazione italiana.

Green economy e formazione: il 92% degli intervistati ritiene necessario integrare economia con ambiente, soprattutto investendo nelle tecnologie, elemento che ci aiuterà a uscire dalla crisi. La formazione di nuove figure professionali è indicata come decisiva dall’84% degli intervistati. I giovani e i laureati sono i più consapevoli del ruolo/funzione della formazione. Tra le figure più accreditate: l’ecomanager, evoluzione moderna di ciò che sono stati gli Energy manager (negli anni ‘80/’90) e i mobility manager sviluppati nell’ultimo decennio.

Inquinamento e traffico: gli scarichi industriali sono riconosciuti come la causa principale dell’inquinamento urbano, seguiti da traffico e dall’uso privato delle automobili. Basta con provvedimenti di restrizione, per gli intervistati occorre puntare a investimenti su trasporto pubblico e infrastrutture metropolitane.

In casa tutti ambientalisti. dentro le mura domestiche l’86% del campione intervistato afferma di utilizzare prodotti ecologici (tipo lampade a basso consumo) e adottare comportamenti “sostenibili” (spegnere le luci, riscaldamento non eccessivo). La percentuale dei virtuosi scende al 50% quando si tratta di spostamenti urbani a corto raggio, dove l’auto resta preferita, anche se il 60% cerca anche di guidare ecologico. Ok agli acquisti verdi, non più solo nelle aziende: anche quando si tratta di effettuare acquisti, la sensibilità ambientale diventa fattore di scelta. Oltre il 50% degli intervistati dichiara di voler conoscere le modalità di produzione dei beni e di preferire prodotti ecologici, soprattutto nel settore dell’automobile, dove l’86% afferma di voler tenere in considerazione gli aspetti legati all’ambiente.

Green value è un gruppo imprenditoriale nato da realtà consolidate della consulenza, nei settori della mobilità e dell’ambiente. Con la partnership di Euromobility e Clickutility, lavora con Istituzioni, Enti e imprese per favorire il cambiamento culturale e generare valore per uno sviluppo economico che tuteli l’ambiente.

Per informazioni: Ufficio stampa Mobilitytech. Claudia Ceroni +393453275496 ufficiostampa@mobilitytech.it

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

novembre 24, 2016

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ieri mattina ha accolto la richiesta di Greenpeace e del Pesticide Action Network (PAN) Europe stabilendo che i test di sicurezza condotti dalle aziende chimiche per valutare i pericoli dei pesticidi devono essere resi pubblici. Per la Corte di Giustizia questi studi rientrano infatti nell’ambito delle “informazioni sulle emissioni nell’ambiente“, [...]

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

novembre 24, 2016

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

Guido Barilla, Presidente della Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition, ha incontrato ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per presentare il 7° Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione dal titolo “Mangiare Meglio, Mangiare Meno, Mangiare Tutti” che si terrà il 1° dicembre 2016, all’Università Bocconi di Milano. Un grande evento interdisciplinare per creare un [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende