Home » Comunicati Stampa »Prodotti » Piano piano: la lentezza della natura nei gelati di Grom:

Piano piano: la lentezza della natura nei gelati di Grom

maggio 3, 2010 Comunicati Stampa, Prodotti

Courtesy of buttalapasta.itIntervallato da giornate di pioggia e rinfrescate notturne sembra che il caldo stia arrivando e, insieme, la voglia di svestirsi un po’ di più e di cambiare alimentazione, prediligendo cibi freschi e leggeri.

Oggetto del desiderio incontrastato dei prossimi mesi sarà dunque il gelato, alimento sano, completo e veloce da consumare che da qualche anno è ritornato in auge, diventando, qualche volta, il sostituto del pranzo.

Ma quali costi ha per l’ambiente questo (apparentemente innocuo) peccato di gola?

Risorse, provenienza delle materie prime impiegate, milioni di contenitori, cucchiaini e coppette…

Qualcuno se lo è chiesto e si è posto il problema. Tra questi, qualcuno che in soli 5 anni è passato dall’anonimato ad aprire negozi nel centro della Grande Mela, di Parigi, e di Tokyo. Qualcuno che credendo profondamente in un progetto vi ha investito con entusiasmo dando origine a una delle più innovative e interessanti realtà nel campo del gelato made in Italy. Stiamo parlando di Grom.

L’idea dei due giovanissimi imprenditori Guido Martinetti e Federico Grom, nel 2003, è stata quella di applicare, alla produzione del gelato artigianale, un principio comune a tutti i migliori ristoranti del mondo: l’acquisto di materie prime di qualità assoluta. A partire da questo assunto “la ricerca del meglio che il mondo dell’agricoltura può offrire” non si è mai arrestata. Dalle Langhe fino alla Sicilia, al centro America si sono seguiti principi rigorosi: solo frutta fresca e di stagione, proveniente dai migliori consorzi d’Italia e del mondo, nessun utilizzo di coloranti o additivi chimici, acqua di montagna di Lurisia come base per i sorbetti e latte fresco intero di alta qualità per le creme, uova biologiche e selezioni dei migliori cacao e caffè dal centro America.

Ma i due giovani torinesi non si sono fermati qui. In silenzio e “Mura Mura” (che nella lingua del Madagascar significa “piano piano”) nel 2007, su otto ettari di collina, hanno messo a dimora speciali frutteti: in prevalenza pesche, albicocche, pere, fichi, meloni e fragole. Un’azienda agricola battezzata con un nome che rimanda alla lentezza dei tempi della natura e che suggerisce immediatamente l’importanza di una coltivazione biologica per avere frutta genuina di alta qualità per la produzione di gelati.

Come ci ha spiegato Guido Martinetti: “Abbiamo scelto i migliori terreni del Piemonte, quelli solitamente dedicati alla coltura dei vigneti e li coltiviamo seguendo le strette regole dell’agricoltura biologica e biodinamica, senza l’utilizzo di serre e di materiali che non siano completamente biodegradabili, nel rispetto della natura e delle sue regole. Ciò che ci interessa non è fare una frutta bella e appetibile agli occhi, a noi interessa soltanto che sia buona, anzi buonissima, per garantire l’eccellenza del gelato”.

L’impegno tuttavia non si ferma qui, anzi coinvolge la catena di gelaterie Grom dal primo anello della filiera all’ultimo, dal produttore al consumatore. Con il progetto “Grom loves the world”, infatti, nessun particolare viene tralasciato: “abbiamo deciso di eliminare completamente la plastica dai nostri negozi sostituendola con il mater-bi, un materiale riciclabile, compostabile e biodegradabile, che ci permette di diminuire le emissioni di gas serra, ridurre il consumo di energia e risorse non rinnovabili innescando un circolo virtuoso. Cucchiaini e shoppers sono dunque totalmente recuperabili, mentre tovagliolini, coppette, brochure e imballaggi sono in carta certificata da Forest Stewardship Council e per finire nei nostri negozi saranno presenti bidoni per la raccolta differenziata, da un lato coni e cucchiaini destinati al compostaggio, dall’altro coppette e tovagliolini inviati anch’essi alla frazione organica” continua Guido Martinetti.

“Il nostro è un progetto a tutto tondo che vuole realizzare in concreto lo slogan con cui ci promuoviamo: siamo responsabili, adoriamo questo mondo, rispettiamo la natura”.

 Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

febbraio 13, 2017

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

Motivata da una forte coscienza sociale, predisposta a esperienze di possesso on demand, e con una grande apertura alla condivisione di beni e servizi propria della sharing economy, la generazione dei Millennials (i nati tra il 1980 e il 2000) sta cambiando il modo con cui le aziende – tra cui i costruttori di automobili [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende