Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche » Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”:

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017 Aziende, Comunicati Stampa, Pratiche

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni.

Dal quadro tracciato emergono, sul front e ambientale, numeri significativi per quanto riguarda la tutela del territorio e la condivisione con le comunità locali. Il valore ridistribuito dal Gruppo alla pubblica amministrazione italiana (per “concessioni minerarie” e altri oneri) è infatti cresciuto, nell’ultimo anno, del 42%, a 47 milioni di euro. 300.000 euro sono stati invece investiti in “tutela della risorsa idrica e programmi ambientali locali”, mentre 758.000 euro in “progetti integrati per lo sviluppo economico e la valorizzazione del territorio”.

Una ricerca commissionata a EMG conferma, del resto, che secondo gli italiani la principale sfida per le aziende del settore beverage è proprio la “protezione del territorio e dell’acqua”, tanto più in periodi di siccità come quello attuale, in cui l’attenzione dell’opinione pubblica sulle risorse idriche e la loro tutela dall’inquinamento o dall’eccessivo sfruttamento è massima.

Il Gruppo Sanpellegrino ha voluto declinare l’attenzione alla sostenibilità ambientale, a livello locale, secondo due direttrici: la riduzione progressiva dell’impatto ambientale degli stabilimenti produttivi e la protezione delle fonti e del territorio. A partire dal principio fondamentale dell’”impatto zero” sulla disponibilità locale di acqua.

Per quanto riguarda la “protezione delle fonti”, è bene ricordare che la legge italiana prevede una tutela non solo della “zona di captazione”, ma anche delle cosiddette “zone di protezione” e “zone di rispetto”, dove sono vietate attività come l’edilizia residenziale (con i relativi scarichi e opere di urbanizzazione), l’utilizzo di fertilizzanti, pesticidi o concimi chimici, la gestione di rifiuti ecc. Le “acque minerali naturali” si distinguono infatti dalle “acque potabili” per la purezza originaria e il tenore in minerali, oligoelementi e altri costituenti, che vanno tenuti al riparo dal rischio di inquinamento.  Per questo la legge prevede l’imbottigliamento alla fonte, che “sigilla” tutte le proprietà con cui l’acqua sgorga.

Ma Sanpellegrino ha l’ambizione di andare ben oltre il mero rispetto della normativa. Nel caso della tenuta in cui nasce Acqua Panna (già riserva di caccia della Famiglia dei Medici nel 1564), ad esempio, l’agricoltura praticata è unicamente quella biologica, controllata e certificata. Ed è stata istituita un’area faunistico venatoria per l’incremento della fauna selvatica. Al marchio Levissima è invece riconducibile la salvaguardia dei ghiacciai, con un progetto di ricerca scientifica avviato nel 2007 – insieme all’Università degli Studi di Milano e alle istituzioni della Valtellina – per contrastare la dispersione di acqua causata dalla fusione glaciale. Il glacialismo, infatti, è ormai considerato l’indicatore più affidabile delle trasformazioni climatiche in atto. I siti di studio, il Ghiacciaio Dosdé Orientale e il Ghiacciaio Dei Forni, sono stati attrezzati con strumenti di rilevazione e i dati raccolti, le immagini satellitari e le foto aeree vengono poi analizzate in laboratorio, dai ricercatori coinvolti nel progetto.

L’altro fondamentale tassello della strategia di sviluppo sostenibile del Gruppo Sanpellegrino riguarda la riduzione dell’impatto ambientale dei siti produttivi. Dal 2011 tutti gli stabilimenti utilizzano il 100% di energia elettrica acquistata da fonti rinnovabili certificata RECS e l’obiettivo zero rifiuti in discarica è già stato raggiunto. I prossimi passi saranno relativi alla logistica e al packaging. Già nel 2016 il 33% dell’acqua trasportata ha viaggiato su treno, mentre l’alleanza con l’azienda biotecnologica californiana Origin Materials ha portato a sviluppare una bottiglia di plastica PET con il 30% di materiale da biomassa vegetale (cartone usato e segatura), e l’obiettivo è di arrivare al 95% nel 2022.

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende