Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche » Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”:

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017 Aziende, Comunicati Stampa, Pratiche

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni.

Dal quadro tracciato emergono, sul front e ambientale, numeri significativi per quanto riguarda la tutela del territorio e la condivisione con le comunità locali. Il valore ridistribuito dal Gruppo alla pubblica amministrazione italiana (per “concessioni minerarie” e altri oneri) è infatti cresciuto, nell’ultimo anno, del 42%, a 47 milioni di euro. 300.000 euro sono stati invece investiti in “tutela della risorsa idrica e programmi ambientali locali”, mentre 758.000 euro in “progetti integrati per lo sviluppo economico e la valorizzazione del territorio”.

Una ricerca commissionata a EMG conferma, del resto, che secondo gli italiani la principale sfida per le aziende del settore beverage è proprio la “protezione del territorio e dell’acqua”, tanto più in periodi di siccità come quello attuale, in cui l’attenzione dell’opinione pubblica sulle risorse idriche e la loro tutela dall’inquinamento o dall’eccessivo sfruttamento è massima.

Il Gruppo Sanpellegrino ha voluto declinare l’attenzione alla sostenibilità ambientale, a livello locale, secondo due direttrici: la riduzione progressiva dell’impatto ambientale degli stabilimenti produttivi e la protezione delle fonti e del territorio. A partire dal principio fondamentale dell’”impatto zero” sulla disponibilità locale di acqua.

Per quanto riguarda la “protezione delle fonti”, è bene ricordare che la legge italiana prevede una tutela non solo della “zona di captazione”, ma anche delle cosiddette “zone di protezione” e “zone di rispetto”, dove sono vietate attività come l’edilizia residenziale (con i relativi scarichi e opere di urbanizzazione), l’utilizzo di fertilizzanti, pesticidi o concimi chimici, la gestione di rifiuti ecc. Le “acque minerali naturali” si distinguono infatti dalle “acque potabili” per la purezza originaria e il tenore in minerali, oligoelementi e altri costituenti, che vanno tenuti al riparo dal rischio di inquinamento.  Per questo la legge prevede l’imbottigliamento alla fonte, che “sigilla” tutte le proprietà con cui l’acqua sgorga.

Ma Sanpellegrino ha l’ambizione di andare ben oltre il mero rispetto della normativa. Nel caso della tenuta in cui nasce Acqua Panna (già riserva di caccia della Famiglia dei Medici nel 1564), ad esempio, l’agricoltura praticata è unicamente quella biologica, controllata e certificata. Ed è stata istituita un’area faunistico venatoria per l’incremento della fauna selvatica. Al marchio Levissima è invece riconducibile la salvaguardia dei ghiacciai, con un progetto di ricerca scientifica avviato nel 2007 – insieme all’Università degli Studi di Milano e alle istituzioni della Valtellina – per contrastare la dispersione di acqua causata dalla fusione glaciale. Il glacialismo, infatti, è ormai considerato l’indicatore più affidabile delle trasformazioni climatiche in atto. I siti di studio, il Ghiacciaio Dosdé Orientale e il Ghiacciaio Dei Forni, sono stati attrezzati con strumenti di rilevazione e i dati raccolti, le immagini satellitari e le foto aeree vengono poi analizzate in laboratorio, dai ricercatori coinvolti nel progetto.

L’altro fondamentale tassello della strategia di sviluppo sostenibile del Gruppo Sanpellegrino riguarda la riduzione dell’impatto ambientale dei siti produttivi. Dal 2011 tutti gli stabilimenti utilizzano il 100% di energia elettrica acquistata da fonti rinnovabili certificata RECS e l’obiettivo zero rifiuti in discarica è già stato raggiunto. I prossimi passi saranno relativi alla logistica e al packaging. Già nel 2016 il 33% dell’acqua trasportata ha viaggiato su treno, mentre l’alleanza con l’azienda biotecnologica californiana Origin Materials ha portato a sviluppare una bottiglia di plastica PET con il 30% di materiale da biomassa vegetale (cartone usato e segatura), e l’obiettivo è di arrivare al 95% nel 2022.

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende