Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche » Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”:

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017 Aziende, Comunicati Stampa, Pratiche

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni.

Dal quadro tracciato emergono, sul front e ambientale, numeri significativi per quanto riguarda la tutela del territorio e la condivisione con le comunità locali. Il valore ridistribuito dal Gruppo alla pubblica amministrazione italiana (per “concessioni minerarie” e altri oneri) è infatti cresciuto, nell’ultimo anno, del 42%, a 47 milioni di euro. 300.000 euro sono stati invece investiti in “tutela della risorsa idrica e programmi ambientali locali”, mentre 758.000 euro in “progetti integrati per lo sviluppo economico e la valorizzazione del territorio”.

Una ricerca commissionata a EMG conferma, del resto, che secondo gli italiani la principale sfida per le aziende del settore beverage è proprio la “protezione del territorio e dell’acqua”, tanto più in periodi di siccità come quello attuale, in cui l’attenzione dell’opinione pubblica sulle risorse idriche e la loro tutela dall’inquinamento o dall’eccessivo sfruttamento è massima.

Il Gruppo Sanpellegrino ha voluto declinare l’attenzione alla sostenibilità ambientale, a livello locale, secondo due direttrici: la riduzione progressiva dell’impatto ambientale degli stabilimenti produttivi e la protezione delle fonti e del territorio. A partire dal principio fondamentale dell’”impatto zero” sulla disponibilità locale di acqua.

Per quanto riguarda la “protezione delle fonti”, è bene ricordare che la legge italiana prevede una tutela non solo della “zona di captazione”, ma anche delle cosiddette “zone di protezione” e “zone di rispetto”, dove sono vietate attività come l’edilizia residenziale (con i relativi scarichi e opere di urbanizzazione), l’utilizzo di fertilizzanti, pesticidi o concimi chimici, la gestione di rifiuti ecc. Le “acque minerali naturali” si distinguono infatti dalle “acque potabili” per la purezza originaria e il tenore in minerali, oligoelementi e altri costituenti, che vanno tenuti al riparo dal rischio di inquinamento.  Per questo la legge prevede l’imbottigliamento alla fonte, che “sigilla” tutte le proprietà con cui l’acqua sgorga.

Ma Sanpellegrino ha l’ambizione di andare ben oltre il mero rispetto della normativa. Nel caso della tenuta in cui nasce Acqua Panna (già riserva di caccia della Famiglia dei Medici nel 1564), ad esempio, l’agricoltura praticata è unicamente quella biologica, controllata e certificata. Ed è stata istituita un’area faunistico venatoria per l’incremento della fauna selvatica. Al marchio Levissima è invece riconducibile la salvaguardia dei ghiacciai, con un progetto di ricerca scientifica avviato nel 2007 – insieme all’Università degli Studi di Milano e alle istituzioni della Valtellina – per contrastare la dispersione di acqua causata dalla fusione glaciale. Il glacialismo, infatti, è ormai considerato l’indicatore più affidabile delle trasformazioni climatiche in atto. I siti di studio, il Ghiacciaio Dosdé Orientale e il Ghiacciaio Dei Forni, sono stati attrezzati con strumenti di rilevazione e i dati raccolti, le immagini satellitari e le foto aeree vengono poi analizzate in laboratorio, dai ricercatori coinvolti nel progetto.

L’altro fondamentale tassello della strategia di sviluppo sostenibile del Gruppo Sanpellegrino riguarda la riduzione dell’impatto ambientale dei siti produttivi. Dal 2011 tutti gli stabilimenti utilizzano il 100% di energia elettrica acquistata da fonti rinnovabili certificata RECS e l’obiettivo zero rifiuti in discarica è già stato raggiunto. I prossimi passi saranno relativi alla logistica e al packaging. Già nel 2016 il 33% dell’acqua trasportata ha viaggiato su treno, mentre l’alleanza con l’azienda biotecnologica californiana Origin Materials ha portato a sviluppare una bottiglia di plastica PET con il 30% di materiale da biomassa vegetale (cartone usato e segatura), e l’obiettivo è di arrivare al 95% nel 2022.

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende