Home » Comunicati Stampa » Gse, a fine 2010 il fotovoltaico potrebbe aver raggiunto 7.000 MW:

Gse, a fine 2010 il fotovoltaico potrebbe aver raggiunto 7.000 MW

gennaio 27, 2011 Comunicati Stampa
FOTOVOLTAICO, A FINE 2010 LA POTENZA INSTALLATA
COMPLESSIVA POTREBBE AVER RAGGIUNTO  7.000 MW
Lo ha reso noto il GSE durante un’audizione in Senato
Roma, 25 gennaio 2011 –  A fine 2010, la potenza complessiva degli impianti
fotovoltaici in esercizio, che a oggi hanno fatto domanda di ammissione agli incentivi
al GSE, è pari a 2.800 MW su oltre 140.000 impianti.
Lo ha reso noto il GSE durante un’audizione informale davanti alla X Commissione
Senato nell’ambito dell’acquisizione dei pareri relativi allo schema di Decreto
Legislativo, approvato lo scorso 30 novembre dal Consiglio dei Ministri, che
recepisce la Direttiva 28/2009 CE.
Considerando, inoltre, le domande relative all’anno scorso che continueranno ad
arrivare al GSE entro fine febbraio, si stima che la potenza complessiva a fine 2010
potrebbe aver raggiunto il valore di 3.000 MW su 150.000 impianti.
Nel solo anno 2010, quindi, la nuova potenza fotovoltaica installata sarebbe pari a
1.850 MW, con un incremento del 160% rispetto alla potenza entrata in esercizio
nell’anno precedente (711 MW).
Sono inoltre pervenute al GSE comunicazioni per circa 55.000 ulteriori impianti per
una potenza di 4.000 MW, in aggiunta agli impianti in esercizio sopra citati, a seguito
della  legge 129/2010 che prevede di riconoscere le tariffe 2010 agli impianti
fotovoltaici che entreranno in esercizio entro giugno 2011 purché abbiano
comunicato la fine dei lavori entro il 31 dicembre 2010.
Valutando queste ultime richieste si deduce che:
-  la potenza complessiva degli impianti installati, se pure non ancora tutti
collegati alla rete elettrica, potrebbe essere pari, a fine 2010, a 7.000 MW su
200.000 impianti contro i 1.142 MW di fine 2009;
- nel corso del 2011 potrebbe essere già raggiunto il target di 8.000 MW che il
Piano di Azione Nazionale sulle fonti rinnovabili ha previsto per l’anno 2020 per
gli impianti fotovoltaici.

Fotovoltaico, Courtesy of IM2 energia solar, Flickr.com

A fine 2010, la potenza complessiva degli impianti  fotovoltaici in esercizio, che a oggi hanno fatto domanda di ammissione agli incentivi  al GSE, è pari a 2.800 MW su oltre 140.000 impianti. Lo ha reso noto il GSE durante un’audizione informale davanti alla X Commissione  Senato nell’ambito dell’acquisizione dei pareri relativi allo schema di Decreto  Legislativo, approvato lo scorso 30 novembre dal Consiglio dei Ministri, che  recepisce la Direttiva 28/2009 CE.

Considerando, inoltre, le domande relative all’anno scorso che continueranno ad  arrivare al GSE entro fine febbraio, si stima che la potenza complessiva a fine 2010  potrebbe aver raggiunto il valore di 3.000 MW su 150.000 impianti.  Nel solo anno 2010, quindi, la nuova potenza fotovoltaica installata sarebbe pari a 1.850 MW, con un incremento del 160% rispetto alla potenza entrata in esercizio  nell’anno precedente (711 MW).

Sono inoltre pervenute al GSE comunicazioni per circa 55.000 ulteriori impianti per  una potenza di 4.000 MW, in aggiunta agli impianti in esercizio sopra citati, a seguito  della  legge 129/2010 che prevede di riconoscere le tariffe 2010 agli impianti  fotovoltaici che entreranno in esercizio entro giugno 2011 purché abbiano  comunicato la fine dei lavori entro il 31 dicembre 2010.

Valutando queste ultime richieste si deduce che:

-  la potenza complessiva degli impianti installati, se pure non ancora tutti  collegati alla rete elettrica, potrebbe essere pari, a fine 2010, a 7.000 MW su  200.000 impianti contro i 1.142 MW di fine 2009;

nel corso del 2011 potrebbe essere già raggiunto il target di 8.000 MW che il  Piano di Azione Nazionale sulle fonti rinnovabili ha previsto per l’anno 2020 per  gli impianti fotovoltaici.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende