Home » Comunicati Stampa »Internazionali »Nazionali »Politiche » I dati sulle rinnovabili nel nuovo Report del MIP. 290 miliardi di investimento nel mondo:

I dati sulle rinnovabili nel nuovo Report del MIP. 290 miliardi di investimento nel mondo

Come vanno le energie rinnovabili in Italia? Se n’è parlato oggi al Politecnico di Milano, Campus Bovisa, durante il convegno di presentazione del secondo “Renewable Energy Report” redatto dall’Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano, incentrato sulle incertezze dei meccanismi di incentivazione e le nuove installazioni, le dinamiche di prezzo dei servizi O&M e la sfida della tariffa elettrica. Un osservatorio privilegiato, diretto dal professor Vittorio Chiesa, che si propone di comprendere e divulgare le dinamiche della filiera delle energie rinnovabili, non solo in Italia.

Il mercato globale delle rinnovabili infatti è in forte crescita con investimenti (oltre 290 miliardi di euro nel mondo) che hanno raggiunto livelli mai visti prima, nemmeno negli anni del boom (2010-2011).

Quali opportunità dunque ci sono concretamente per gli operatori italiani di sfruttare questa crescita? Quale modello di internazionalizzazione stanno adottando Paesi come Spagna e Germania, anch’essi alle prese con la contrazione del mercato interno?

A queste e ad altre domande si è cercato di dare risposta questa mattina nel serrato confronto con gli operatori del settore e le aziende partner della ricerca. I dati italiani sono interessanti: nel 2015 la nuova potenza installata è stata di 893 MW nell’intero comparto delle rinnovabili (fotovoltaico, eolico, idroelettrico, biomasse… ). Le rinnovabili hanno contribuito al 40,5% della produzione e alla copertura del 35% della domanda elettrica nazionale. Complessivamente la potenza installata è pari a 50,3 GW, in crescita dell’1,8% rispetto al 2014 con un parco impianti che è composto per un terzo della sua potenza da impianti idroelettrici (95% dei quali attivi però ben prima dell’anno 2008), un terzo da fotovoltaico e la rimanente parte da eolico, biomasse e geotermico.

L’eolico, con potenza installata pari a 9.080 MW a fine 2015, ha fatto registrare nuove installazioni pari a circa 423 MW, che comparato con il valore raggiunto l’anno precedente risulta essere ben 4 volte più grande grazie al  Decreto Rinnovabili. Il valore delle nuove installazioni è stato pari nel 2015 a circa 670 milioni di euro. La  maggioranza è rappresentata da impianti di taglia superiore a 5 MW, con un controvalore di oltre 431 milioni di euro (oltre il 60% del totale). La Basilicata da sola conta per il 67% del totale.

Il fotovoltaico (con 18.610 MW complessivi a fine 2015), ha nuove installazioni per circa 290 MW, in contrazione di circa il 25% rispetto all’anno precedente, a livelli inferiori a quelli del 2008. Il valore delle nuove installazioni è stato pari nel 2015 a circa 558 milioni di euro, con il mercato residenziale che ha pesato per oltre 284 milioni di euro (circa il 51% del totale), mentre gli impianti di taglia pari o superiore a 1 MW hanno ricevuto nel 2015 investimenti per 15 milioni di euro (nel 2011 questi hanno contato su oltre 2,8 milioni di euro.

L’idroelettrico (18.448 MW a fine 2015) ha visto crescere la sua potenza installata di circa 110 MW, con un incremento, rispetto al 2014, di 40 MW su base annua. Il valore del mercato delle nuove installazioni è stato pari nel 2015 a circa 500 milioni di euro, in larga parte appunto attribuibile agli impianti di piccola taglia che hanno pesato per l’85% del totale. Gli impianti tra 1 e 10 MW sono cresciuti del 9% in numero rispetto al 2011, a fronte di una crescita del 18% degli impianti sotto il MW (+1% e +4% rispettivamente prendendo a paragone il 2014) La potenza cumulata, sommando le quattro diverse tipologie di biomassa (biogas, biomasse agroforestali, RSU, bioliquidi) utilizzate per la produzione elettrica, ha raggiunto, al termine del 2015, i 4,2 GW, con una crescita di 70 MW, contro i 450 MW del 2013 ed i 764 MW del 2012.

E’ ragionevole ipotizzare installazioni complessive pari a 4.000 MW nel periodo 2016-2020 con l’eolico a guidare la classifica delle rinnovabili. La percentuale di crescita complessiva attesa nel 2016-2020 rispetto all’installato alla fine del 2015 è del 7%. Nel periodo 2010-2015 era del 43%. E’ evidente il rallentamento.

L’avvio del nuovo sistema di incentivazione sembra essere condizione fondamentale per mantenere in vita il comparto delle rinnovabili in Italia. Purtroppo nel nostro Paese non ci sono infatti operatori finanziari con portafogli di investimento paragonabili a quelli di Germania, Francia e Spagna nel settore delle rinnovabili. Non vi sono leader tecnologici riconosciuti a livello globale sulle tecnologie chiave delle rinnovabili. Si stanno muovendo le grandi utilities, con successo in termini di posizionamento, ma con scarsa capacità di generare indotto.

Nel 2015 sono stati investiti per la realizzazione di nuovi impianti da fonti rinnovabili oltre 290 miliardi di euro a livello globale, in crescita del 21% rispetto al 2014. Appare ormai evidente come il trend negativo degli anni 2012 e 2013 sia definitivamente superato. Il 2015 fa segnare il «record» assoluto degli investimenti anche oltre il picco raggiunto nel 2011.

E’ cambiata però la geografia del mercato: l’Europa ha perso la leadership, passando dal 40% degli investimenti complessivi nel 2008 al 21% nel 2015 e superata dall’America. Regno Unito, Germania e Francia, rispettivamente con 13, 11 e 5 miliardi di euro di investimenti nel 2015 (oltre il 45% del totale) continuano a avere piani di sviluppo delle rinnovabili. L’Italia gioca ormai un ruolo marginale, dopo il 2° posto nel 2011.

L’Asia è prima nella classifica degli investimenti in rinnovabili nel 2015 (con il 55% del totale contro il 23% del 2008) e con una crescita in valore assoluto di circa 110 miliardi di euro in 6 anni. L’Africa, quasi irrilevante nel 2008, ha moltiplicato per 20 il suo livello di investimenti, contando al termine del 2015 circa un terzo dell’Europa, contro un rapporto che era 1 a 45 nel 2008.

Incentivi in Egitto, Marocco e Algeria hanno permesso di raggiungere in questi 3 Paesi quota 14 miliardi di euro di investimenti per la realizzazione di nuovi impianti da fonti rinnovabili.

Il fotovoltaico, con oltre 120 miliardi di euro, è la principale fonte rinnovabile per quota di investimenti e pesa il 41% del totale, seguita dall’eolico che si ferma a circa 92 miliardi di euro (31% del totale) e dall’idroelettrico con il 22%. Tutte le rinnovabili, includendo anche waste-to-energy (35 GW di potenza globalmente installata), geotermia (13 GW) e solare termodinamico – CSP (5 GW), crescono dunque a livello globale.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende