Home » Comunicati Stampa » I vincitori della prima edizione di CRAZY PACK:

I vincitori della prima edizione di CRAZY PACK

settembre 13, 2010 Comunicati Stampa

Crazy pack, Courtesy of crazypack.itGrande successo di partecipazione e di creatività per la prima edizione del concorso CRAZY PACK. Dai sfogo alla tua creatività progettando imballaggi innovativi e mai visti!. Questo è lo slogan che ha portato oltre 60 designer di tutta Italia a cimentarsi in una competizione dove i premi finali consistevano in prodotti sostenibili  dal punto di vista ambientale e realizzati con materiale riciclato.

Una confezione per il trasporto delle bottiglie di vino che si trasforma magicamente in un porta bottiglie domestico, una gruccia che all’occorrenza diventa busta per il trasporto dei capi di abbigliamento, una penna che utilizza dentifricio e non l’inchiostro, un ampolla da tavola dove l’olio è sotto aceto. Queste sono solo alcune delle soluzioni di ecodesign proposte dai CRAZY designer che hanno partecipato al concorso conclusosi lo scorso luglio.

La giuria del concorso si è riunita per decretare i progetti vincitori che riceveranno in premio una bicicletta in alluminio riciclato, una libreria in cartone riciclato, un telefono cordless realizzato con bio-plastiche, una busta porta computer realizzata in ristoffa e altri prodotti ancora, tutti rigorosamente sostenibili dal punto di vista ambientale e realizzati con materiali riciclati.

Di seguito la classifica dei vincitori:

1° classificato assoluto Giovanni Fabbri

Firenze

XBACCO

XBACCO è il packaging che nasce come un imballaggio per il trasporto di bottiglie e si trasforma in una cantinetta componibile. Questo imballaggio è realizzato in alluminio (anima della struttura) e Mater-Bi (“chiave di volta” e pratico poggiabottiglia). Il suo motto è “waste less, taste more”.

2° classificato assoluto pari merito Francesca Macrì

Torino

BaGruccia

BAGruccia è contemporaneamente gruccia e packaging. Economica e monomaterica, può essere realizzata con una fustella da un foglio di cartone o MaterBi®.

2° classificato assoluto pari merito Antonella Montagner

Villa Guardia (CO)

cucno

Aver voglia di mangiare uno yogurt in vasetto appena comprato e ovunque ci si trovi; cucno risponde a questa esigenza. Integrato nella confezione del coperchio dello yogurt, cucno è un cucchiaino pieghevole in MaterBi® che si costruisce tramite pieghe ispirate alla tecnica degli origami.

2° classificato assoluto pari merito Ilaria Niccoli

Milano

Tooth-Pen

La sua forma permette la mimetizzazione pur mantenendone intatta l’esteticità. La clip spinge il dentifricio fin in fondo, con notevole risparmio dello stesso. Realizzato in MaterBi®, il sistema elimina la scatola di cartone e risparmia spazio in fase di trasporto, grazie al kit di ricariche.

2° classificato assoluto pari merito Marco Bietresato

Padova

Sparklin’bottle

È un recipiente ecologico ed innovativo di cui si può ridurre progressivamente il volume con un semplice gesto. In questo modo si evita che il prodotto al suo interno rimanga a contatto con l’aria, deteriorandosi. Può essere realizzato come bottiglia o vasetto in diversi materiali ecocompatibili.

1° classificato sezione carta Saverio Paolucci

Recanati (MC)

Ostricartoon

Ostricartoon si fonda sulla semplicità: sia nel materiale, il cartone, sia nel funzionamento, si monta in soli cinque gesti. È un packaging per indumenti ma può essere riusato per altri scopi. È leggero, facile da usare, riciclabile, personalizzabile con lo stampaggio di loghi o texture.

1° classificato sezione alluminio Davide Frangella

Roma

Radiator Leecher

Radiator Leecher è un contenitore per bevande in alluminio riciclato che si applica tramite magnete o tramite gancio ai caloriferi. Ciò permette di riscaldare le bevande senza impiego di ulteriori fonti energetiche.

1° classificato sezione Mater-Bi® Valeria Ringegni

Roma

Bio Bowl

Packaging per cibo per cani realizzato in bioplastica. Rimuovendo il film protettivo (coprente per i cibi umidi, parzialmente trasparente per i cibi secchi) anch’esso in bioplastica, il pasto è pronto al consumo direttamente nell’imballaggio, riutilizzabile come ciotola.

1° classificato sezione vetro Alessandro Cambi

Roma

egg dressing

Contenitore per olio e aceto in vetro riciclato. La forma a uovo, enfatizzata dal colore giallo dell’olio nel tuorlo e dal trasparente dell’aceto che ne simula l’albume, conferisce al contenitore ergonomicità e facilità di utilizzo. Dopo l’uso l’uovo viene riposto nel suo nido in bioplastica.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende