Home » Comunicati Stampa » IBC SOLAR e SGS TÜV sviluppano un nuovo standard di qualità per i moduli fotovoltaici:

IBC SOLAR e SGS TÜV sviluppano un nuovo standard di qualità per i moduli fotovoltaici

aprile 12, 2010 Comunicati Stampa

Courtesy of www.ibcsolar.itIBC SOLAR AG, azienda che opera nel settore fotovoltaico, definisce  nuovi standard di qualità per i propri moduli solari. Tramite audit esterni dei processi di produzione, la società garantisce non solo la qualità dei moduli realizzati, ma anche il funzionamento dell’intero processo di produzione. In collaborazione con l’Istituto di certificazione indipendente tedesco SGS-TÜV GmbH, IBC SOLAR ha infatti messo a punto i criteri per la definizione e l’audit di “Certified Supplier”, un test esterno che valuta i produttori di moduli fotovoltaici. L’analisi riguarda non solo la qualità in fase produttiva ma anche la gestione aziendale e tematiche quali la social responsibility.

“I processi gestionali, organizzativi e produttivi sono i principali elementi sui quali porre l’attenzione oggi. In passato, era sufficiente individuare le eventuali problematiche del prodotto ed eliminarle. Le aziende moderne, invece, mirano ad eliminare in anticipo tutte le possibili fonti di errore”, ha sottolineato Dirk Schmidt, Key Account Manager Systems & Services Certification di SGS-TÜV. “Disporre di processi e sistemi di organizzazione efficienti rappresenta la base essenziale per garantire la massima qualità possibile in qualsiasi settore e azienda, a prescindere dalle dimensioni. L’uniformità degli standard consente di paragonare a livello internazionale i servizi e i processi produttivi. Insieme a IBC SOLAR, abbiamo sviluppato un catalogo esaustivo di criteri di valutazione; i nostri professionisti possono pertanto garantire il rispetto di standard elevati nelle società produttrici certificate”.

Le valutazioni prendono in esame diverse aree, quali ad esempio l’impressione generale dell’azienda, il trasferimento dei dati e la sicurezza dell’infrastruttura IT, l’adeguatezza dei macchinari di produzione, la gestione della qualità, la completezza delle attrezzature di collaudo, i processi di verifica e il controllo produzione. I test considerano inoltre altre variabili flessibili, quali ad esempio il rapporto con i dipendenti, le loro qualifiche e le condizioni lavorative in cui si trovano. Per ottenere il riconoscimento di “Certified Supplier”, le aziende devono dare prova delle qualifiche corrispondenti durante una procedura di valutazione che dura diversi giorni.

“La sicurezza e la qualità dei nostri prodotti iniziano dal produttore. Tramite questa certificazione intendiamo definire degli standard uniformi e mantenerli nel lungo termine, assicurando ai clienti finali il massimo livello qualitativo possibile”, ha dichiarato Marco Siller, Product Management Director di IBC SOLAR. “Questa verifica ci permette inoltre di supportare i nostri fornitori nel rispetto dei criteri ambientali e sociali dei loro processi produttivi“.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende