Home » Comunicati Stampa »Internazionali »Politiche » IEA pubblica il nuovo World Energy Outlook 2012:

IEA pubblica il nuovo World Energy Outlook 2012

I due terzi di tutte le riserve di combustibili fossili accertate devono rimanere nel sottosuolo, se il mondo è seriamente intenzionato ad evitare i cambiamenti climatici catastrofici, secondo  quanto sostiene l’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) nel suo rapporto World Energy Outlook 2012, pubblicato nei giorni scorsi.

“La conclusione della IEA riflette solide basi scientifiche. Le emissioni di CO2 derivate dalla combustione di combustibili fossili stanno destabilizzando il nostro clima. Non possiamo consumare combustibili come il carbone e il petrolio a tempo indeterminato senza pagarne il prezzo sotto forma di instabilità climatica, siccità, ondate di calore e forti tempeste. L’IEA ha fatto l’unica cosa responsabile dandone rilievo nella sua relazione”, afferma Samantha Smith, Leader WWF Global Climate & Energy Initiative.

“Questa valutazione scientifica deve essere sentita chiaramente da tutti i Paesi, dagli investitori e dall’industria dei combustibili fossili stessa. Non si tratta solo di fermare tutte le nuove esplorazioni per l’estrazione di combustibili fossili su larga scala, come quelle nell’Artico, ma anche di dismettere  le infrastrutture  energetiche esistenti: è il prezzo da pagare per evitare il disastro climatico globale. Abbiamo bisogno di cambiare velocemente il paradigma energetico,  se vogliamo evitare una catastrofe climatica. Questa necessità si riverbera a livello nazionale: è miope dare avvio a trivellazioni su larga scala, come invece dichiara la bozza della Strategia Energetica Nazionale, quando oggi e domani le priorità devono essere risparmio ed efficienza energetica e fonti rinnovabili”, sottolinea Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del WWF Italia.

Tre anni fa, i governi del mondo erano impegnati a rimanere ben al di sotto dei 2 gradi di riscaldamento globale (rispetto ai livelli di temperatura dell’epoca pre-industriale) al fine di limitare i gravi effetti dei cambiamenti climatici sulla biodiversità, sulla sicurezza alimentare e sulle comunità povere e vulnerabili. Già oggi, con il riscaldamento globale ancora al di sotto di 1 grado Celsius, eventi meteorologici anomali come la super-tempesta Sandy stanno causando distruzione tra le comunità costiere. La siccità record di quest’anno ha colpito in particolar modo il raccolto delle colture alimentari di prima necessità e rischia di portare alla crisi alimentare; l’assottigliamento e la fusione dei ghiacciai artici ha raggiunto livelli record, nel quadro di un trend purtroppo costante.

Per il WWF,  i governi, gli investitori e le imprese devono seguire l’avvertimento dell’IEA. “L’IEA afferma chiaramente che non è ancora troppo tardi per fare qualcosa per il clima e il messaggio forte rivolto a tutti noi è che abbiamo bisogno di agire a partire da ora”. Il WWF chied quindie nuovi grandi investimenti globali nelle energie rinnovabili pulite e, nel contempo, un piano di dismissione delle infrastrutture per i combustibili fossili.

“Sosteniamo pienamente l’IEA secondo cui gli investimenti in fonti rinnovabili pulite e l’efficienza energetica devono moltiplicarsi in quei Paesi che hanno già avviato la transizione energetica, e deve iniziare immediatamente nei Paesi in ritardo”, dice Smith. Il WWF osserva che alcuni paesi industrializzati, come la Germania e la Danimarca, stanno già facendo la loro parte. Altri hanno bisogno sia di aumentare radicalmente i loro investimenti interni che di investire in una transizione equa per le energie rinnovabili in paesi a basso reddito.

“Occorre tagliare i sussidi ai combustibili fossili e reindirizzare il denaro verso le energie rinnovabili pulite, l’accesso all’energia pulita e al risparmio energetico è assolutamente essenziale – sottolinea Midulla – Questo in Italia vuol dire creare un sistema imperniato sulle rinnovabili e sulla riduzione drastica (almeno 40% entro il 2050) dei consumi energetici, nel quale i vari settori (energetico, industriale e dei trasporti) non siano orientati dall’esistente, ma dall’obiettivo di decarbonizzazione, con una RoadMap che tragga gli step immediati e di breve periodo dagli obiettivi finali che ci si pone. Per questo il WWF ha commissionato lo studio ‘Obiettivo 2050 – Per una roadmap energetica al 2050: rinnovabili, efficienza, decarbonizzazione, individuando passi e politiche da mettere in atto, facendo in modo che le strategie siano informate sul dove si vuole andare, e non sull’esistente”.

Il WWF condivide inoltre la preoccupazione fondamentale della IEA sull’impegno a ridurre i sussidi ai combustibili fossili, un impegno rimasto solo parole da parte del G20, il club delle nazioni potenti del mondo. Nel 2011, i sussidi ai combustibili fossili sono infatti cresciuti del 30% rispetto al 2010 ed ora ammontano a più di mezzo trilione di dollari, ovvero l’equivalente di più di due volte il PIL dell’Indonesia, dice Midulla.

“Se tali sussidi fossero  reindirizzati verso programmi a favore dei poveri o dell’accesso alle energie rinnovabili, i governi del mondo potrebbero rimanere ancora al di sotto dei 2 gradi di aumento medio della temperatura globale e fornire accesso alle energie sostenibili e pulite per tre miliardi di persone in tutto il mondo che non hanno energia o hanno solo energia sporca”. sostiene Midulla.

In questo quadro, appare ancor più in controtendenza il cosiddetto ‘capacity payment’ introdotto in Italia dal Decreto Sviluppo di agosto, la cui attuazione è delegata all’Autorità per l’Energia. “In pratica – denuncia Midulla – invece di dismettere le centrali fossili, con un piano che parta da quelle più inquinanti (a carbone e olio combustibile), si è trovato il modo di compensarle tutte, persino quelle a olio combustibile petrolio,  per il fatto stesso di esistere, in modo da controbilanciare il fatto che le centrali sono troppe e lavorano a scartamento ridotto (sovracapacità).  Questo, in assenza di una riforma europea del mercato elettrico che riconosca il ruolo trainante delle rinnovabili, si configura come un vero e proprio sussidio ai combustibili fossili, in barba anche agli impegni internazionali dell’Italia”.

Il WWF sottolinea anche l’avvertimento dell’IEA sul pericolo di utilizzare l’acqua dolce per la produzione energetica in un mondo in cui molti paesi stanno già sperimentando la siccità e la scarsità d’acqua. L’IEA osserva che l’uso di acqua dolce per la produzione di energia può probabilmente raddoppiare nei prossimi 20 anni, a meno che l’estrazione e l’uso dei combustibili fossili, in particolare lo sviluppo di gas di scisto e i  biocarburanti non sostenibili, non vengano sostanzialmente frenati.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende