Home » Comunicati Stampa »Eventi »Nazionali »Politiche » Il 4 maggio a Milano la sfida per una #mobilitanuova:

Il 4 maggio a Milano la sfida per una #mobilitanuova

La grande ubriacatura delle gigantesche opere pubbliche in Italia ha lasciato sul campo una Legge Obiettivo che, a dodici anni dalla sua approvazione, risulta attuata solo per il 9%, pur essendo stati dilapidati 1,5 miliardi solo per studi e progettazioni preliminari. Ma è nei suoi fondamentali che l’approccio alle opere strategiche era e resta sbagliato e dannoso, non solo per l’ambiente, che subisce gli effetti di eterne cantierizzazioni, ma anche per l’economia dei trasporti: non c’è niente di più sbagliato che investire risorse strategiche in settori in cui la domanda è latitante, lasciando invece sguarniti i grandi agglomerati urbani, in cui vivono 25 milioni di italiani e in cui si concentra l’80% della domanda di spostamento delle persone.

Città congestionate, aria inquinata, tassi di motorizzazione e di incidentalità stradale molto più alti della media europea: non c’è dubbio che in Italia ad essere mancate sono state le politiche della mobilità. E’ a partire da questa realtà, che è sotto gli occhi di tutti, che nasce la rete “Mobilità Nuova”, una rete di 150 sigle tra associazioni e comitati, che si propone di mettere al centro le esigenze di mobilità di persone e merci per immaginare e rivendicare una Italia in cui la mobilità urbana e il trasporto regionale tornino ad essere governate, si facciano infrastrutture utili, si investa nel trasporto ferroviario delle merci, le città si dotino di servizi competitivi e realmente capaci di togliere traffico dalle strade per far muovere meglio le persone e, con loro, l’economia che dipende anche da un sistema di mobilità fluido, efficace, governato.

Lo slogan della manifestazione parte da quelli che sono i protagonisti dimenticati della mobilità urbana: pedoni, pedali e pendolari: “Partiamo dalla constatazione che la sfida di una mobilità efficiente deve essere impostata a partire dai bisogni reali degli utenti, che oggi in Italia sono largamente insoddisfatti e per i quali il ricorso all’automobile costituisce un ripiego e non una scelta – dichiara Simone Dini, portavoce della Rete Mobilità Nuovaè nelle aree urbane che si concentra l’80% della domanda di spostamento delle persone, ed invece le risorse in infrastrutture strategiche viaggiano su tutt’altre direttrici, che si tratti di nuovi e improbabili raccordi autostradali o di linee ad alta velocità che costano il triplo di quanto costerebbero se realizzate in qualsiasi altro Paese europeo”.

C’è chi non è più disposto ad accettare questo squilibrio: è il popolo di chi per spostarsi usa il treno o le proprie gambe. La loro richiesta è chiara: non vogliono più essere considerati cittadini di serie B rispetto agli automobilisti o agli utenti business dell’Alta Velocità, ma chiedono che in Italia si apra una stagione di rinnovamento che faccia i conti anche con le diverse disponibilità di risorse economiche delle famiglie, che sempre più numerose – per necessità più che per scelta – stanno ridimensionando il consumo di chilometri in auto. Così pedoni, pedalatori e pendolari si sono dati appuntamento il prossimo 4 maggio, nel piazzale della stazione Centrale, per far partire la ‘mobilità nuova’ con una manifestazione nazionale che si snoderà nelle vie di Milano, il centro della più grande area metropolitana italiana.

All’appello per la manifestazione hanno già confermato la loro presenza oltre 150 sigle diverse tra associazioni nazionali, sindacati, circoli e comitati locali, sotto il segno della trasversalità. Da Libera a Slow Food, da Cittadinazattiva a Touring Club, da Legambiente a Coldiretti, da Fiab a Euromobility, dai comitati pendolari a quelli che si battono contro la realizzazione di alcune grandi infrastrutture stradali e ferroviarie: quella che si è data il nome di Mobilità Nuova è una coalizione variegata che testimonia che il tema degli spostamenti non è solo smog e congestione, ma anche qualità dell’ambiente urbano e del territorioefficienza del trasporto pendolare e di quello pubblico urbanokm0 in agricoltura, consumo di suolo zero e qualità ambientale, valorizzazione turistica delle città e del paesaggiodiritti dei consumatori ed equità nell’accesso ai servizi di mobilità. Ma è anche legalità, opposizione alla realizzazione di grandi e inutili opere autostradali o ferroviarie e sviluppo degli spostamenti non motorizzati. E ancora sicurezza stradaleriduzione delle emissioni di gas serra, dipendenza petrolifera, costi economici, sociali, sanitari e ambientali.

“Il settore del trasporto pubblico è dilaniato da tagli di risorse, inefficienze e chiusure monopolistiche – dichiara Dario Balotta, portavoce di Legambiente – nel Paese che si appresta a far viaggiare treni a 400 km/ora tra Milano e Roma, la velocità commerciale dei treni pendolari è tra le più basse d’Europa, 35,5 km/h contro i 51,4 della Spagna e i 48,1 della Germania. Eppure l’utenza pendolare, che ogni giorno riempie uffici, fabbriche e scuole, non è certo meno strategica di quella business. E che dire del trasporto ferroviario delle merci, che in soli 6 anni si è dimezzato, facendo crollare la sua incidenza a meno del 6% della movimentazione merci, contro una media europea del 15%? a cosa serviranno i nuovi grandi tunnel di valico, se quando saranno pronti il trasporto merci in Italia sarà completamente desertificato?”

I perché della manifestazione sono stati spiegati questa mattina in una conferenza stampa a Milano, che ha scelto simbolicamente come luogo per la conferenza il Punto Expo del mezzanino del passante ferroviario a Porta Garibaldi. “La metropoli che accoglierà Expo 2015 continua a soffrire di patologie da traffico e smog e ad essere vistosamente sottodotata di infrastrutture e servizi di mobilità collettiva, in particolare per quanto riguarda i collegamenti con i comuni di cintura, eppure stiamo devastando le nostre campagne per realizzare opere autostradali di cui nessuno, neanche i finanziatori, sentono un reale bisogno – dichiara Luigi Visigalli, portavoce dei comitati No TEM – la Lombardia si è indebitata per raddoppiare la sua rete autostradale proprio nel momento in cui la domanda di trasporto automobilistico è arrivata all’apice e sta ormai declinando, lasciando intravedere enormi buchi per i project financing inventati per giustificare l’inesistente sostenibilità finanziaria di queste opere.”

La #MobilitàNuova si propone di avviare una trasformazione e una rigenerazione della società che va molto al di là della semplice trasformazione degli stili di mobilità individuale e punta a un deciso ridimensionamento del binomio auto+alta velocità. Una scelta che va contro quello che fino ad oggi è stato il pensiero unico dei grandi investimenti infrastrutturali, che ha generato voragini di spesa pubblica inefficiente, e che ha prodotto inquinamento, incidentalità stradale, danni sanitari, congestione, consumo di suolo, aggressione al patrimonio storico delle città, iniquità sociale, alienazione e inaridimento delle relazioni sociali. Al contrario una mobilità nuova che ruota attorno a tre perni – l’uso delle gambe con o senza pedali; l’uso del trasporto pubblico locale e della rete ferroviaria; l’uso virtuoso e il più possibile condiviso dell’automobile – modifica lo spazio pubblico e la sua destinazione d’uso, rafforza i legami comunitari tra le persone e tra le persone e il luogo dove vivono, studiano e lavorano, stimola le economie di prossimità, crea lavoro stabile, contribuisce a far crescere la percezione di sicurezza attraverso strade e piazze più vissute e frequentate. In altre parole rende le città e il territorio più bello e migliora la qualità della vita.

“Così – concludono i rappresentanti delle associazioni promotrici della #mobilitanuova – sabato 4 maggio a Milano manifestiamo per imporre ai decisori politici una rivoluzione della mobilità che parta proprio da un riequilibrio delle scelte politiche e delle risorse destinate al settore dei trasporti, dando insieme visibilità e sostegno alle vertenze nazionali e locali contro quelle opere pubbliche stradali, autostradali e ferroviarie inutili e dannose per il Paese. Dal giorno dopo la manifestazione di Milano lanceremo insieme una raccolta di firme per una legge d’iniziativa popolare (obiettivo un milione di adesioni) che vincoli almeno i tre quarti delle risorse statali e locali disponibili per il settore trasporti a opere pubbliche che favoriscono lo sviluppo del trasporto collettivo e di quello individuale non motorizzato. La nostra proposta prevedrà inoltre l’introduzione di target nazionali vincolanti per le amministrazioni locali che definiscano (sul modello della raccolta differenziata) obiettivi percentuali per l’insieme degli spostamenti effettuati con mezzi diversi dall’auto privata all’interno dei centri urbani”. Il compito di elaborare, e condividere con le altre associazioni, il testo della proposta di legge sarà affidato a un Comitato di Garanzia formato da Simone Dini, Alberto Fiorillo, Valeria Pulieri, Marta De Lorenzo.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende