Home » Comunicati Stampa »Eventi » Il cibo del futuro proverrà dai rifiuti? La biotecnologia in scena a Bologna:

Il cibo del futuro proverrà dai rifiuti? La biotecnologia in scena a Bologna

aprile 10, 2012 Comunicati Stampa, Eventi

Per tre giorni Bologna diventa capitale delle biotecnologie ambientali. Uno strumento prezioso, ancora troppo poco conosciuto, per progettare un futuro sostenibile.

Dal 10 al 12 aprile, presso il dipartimento di Ingegneria dell’Università Alma Mater Studiorum, avrà luogo l’Environmental Microbiology & Biotechnology in the frame of Knowledge Based Bio and Green Economy (EMB 2012).

In parole più semplici, una rassegna delle ricerche più promettenti in fatto di tecnologie per lo sviluppo rispettoso dell’ambiente. All’EMB2012 parteciperanno 390 delegati da 52 paesi del mondo, più gli studenti magistrali e dottorandi. Gli obiettivi della manifestazione sono individuare le prospettive d’avanguardia del settore, ma anche promuovere la cooperazione tra pubblico e privato sollevando l’attenzione di istituzioni e governi sulle opportunità di innovazione legate alle biotecnologie.

La progettazione di una società eco efficiente passa anche attraverso il lavoro scientifico, che però, secondo il professor Fabio Fava, Chair della Environmental Section della Federazione Europea Biotecnologie e organizzatore della manifestazione  “incontra ancora una grande chiusura da parte del pubblico”.

Eppure c’è molto di entusiasmante in quanto viene presentato oggi a Bologna; si parla delle grandi sfide del nostro tempo, dalla mitigazione del rischio climatico, all’abbattimento biologico delle sostanze inquinanti, al problema dei rifiuti e degli approvvigionamenti alimentari. E si propongono soluzioni concrete.

E’ sorprendente scoprire come esigenze sociali, economiche e ambientali apparentemente inconciliabili possano avere soluzioni comuni. Un esempio è il progetto NAMASTE, che vede impegnate Italia e India nello sviluppo di sistemi per produrre cibo dai rifiuti agroalimentari. Tali scarti contengono composti naturali preziosi quali fibre, molecole antiossidanti e antimicrobiche, precursori di farmaci e prodotti per l’industria chimica. L’idea è sfruttare queste sostanze buone per ottenere bibite, snack, cereali per la colazione e farciture per prodotti da forno.

Vista nell’accezione contemporanea del concetto di sviluppo, questa ricerca riconosce e si fa carico della stretta relazione tra questioni sociali, diritti umani e sostenibilità ambientale. ”Bisogna comunicare al pubblico l’importanza delle biotecnologie ambientali per l’economia e l’ambiente – sostiene Fava – Ad esempio, le biomasse di origine non alimentare, come scarti vegetali o alghe, possono produrre energia sostituendosi al petrolio. La loro combustione produrrà CO2, ma le piante all’origine del processo ne hanno assorbita altrettanta. Il ciclo è a somma zero, cosa che non avviene ad esempio bruciando petrolio”.

All’EMB non si parlerà solo di energia e inquinamento, ma anche materiali ecologici di ultima generazione. Il progetto EcoBioCap FP7, che verrà presentato mercoledì 11, è pensato per offrire all’industria nuove soluzioni di packaging biodegradabili “con benefici immediati per l’ambiente e per la salute e sicurezza dei consumatori”. Il segreto? Per realizzare queste confezioni si useranno componenti derivati dall’industria alimentare casearia, dell’olio, dei cereali e della birra.

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende