Home » Comunicati Stampa »Eventi »Nazionali »Politiche » Il Decreto Rinnovabili salva le biomasse? Se ne discute a Tortona:

Il Decreto Rinnovabili salva le biomasse? Se ne discute a Tortona

Courtesy of architetturapercsotruire.lacasagiusta.itIl decreto che taglia gli incentivi alle rinnovabili sembra avere “salvato” il settore dell’energia ricavata da materie prime agricole, un comparto che vale circa 20 miliardi di euro. Le imprese del settore delle agroenergie e gli esperti fanno le prime stime sulle conseguenze del decreto. Le nuove norme hanno toccato in modo più pesante altri segmenti dell’energia “pulita”, ma hanno conseguenze indirette anche sui settori delle biomasse e delle altre agroenergie: l’incertezza normativa spaventa gli investitori, il mondo finanziario e quegli imprenditori che si erano impegnati sulla base delle regole precedenti varate pochissimi mesi fa, e ora di nuovo in cambiamento.

All’indomani dell’approvazione del decreto rinnovabili, il dibattito sulle agroenergie si concentra a Tortona. “Nel momento in cui il decreto cerca di incidere sui costi del sostegno alle rinnovabili, è il caso di chiedersi anche quali siano i benefici delle nuove energie, che nel caso delle agroenergie abbiamo stimato in cica 20 miliardi di euro al 2020″, ha detto Alessandro Marangoni, ceo di Althesys e capo del team di ricerca dell’Osservatorio Agroenergia presentato ieri a Tortona. ”Negli stessi obiettivi del Pan le biomasse sono quelle per le quali è prevista la crescita maggiore”.

Qualche dato dell’Osservatorio: il bilancio costi-benefici delle agroenergia parla di un vantaggio economico tra 14 e 20 miliardi di euro tra riduzione dell’import di greggio e metano, l’evitato smaltimento di “rifiuti” che invece sono materia prima energetica pregiata, la crescita del Pil e l’occupazione. Gli incentivi (a parte la nuova rimodulazione) si aggirano tra i 5,2 e i 6,6 miliardi, mentre i risparmi conseguiti dalla riduzione delle emissioni di anidride carbonica sono stimati tra i 10,9 e i 14,2 miliardi.

Ritengo corretto porre un freno allo sviluppo un po’ drogato del fotovoltaico italiano – ha detto il senatore Andrea Fluttero, segretario della Commissione Ambiente del Senato, durante i lavori di Mostra Convegno Agroenergia, il principale evento italiano sulle energie rinnovabili che coinvolgono l’agricoltura, in corso a Tortona fino al 5 marzo. – Il decreto rinnovabili licenziato ieri è un segnale politico molto chiaro. Personalmente ritengo che sia necessario spingere anche su altre fonti rinnovabili, soprattutto la biomassa a filiera corta che può generare energia termica, oltre che elettrica, e aiutare a prevenire il dissesto idrogeologico”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende