Home » Comunicati Stampa » Il Festival Oriente Occidente ripensa l’eco-compatibilità:

Il Festival Oriente Occidente ripensa l’eco-compatibilità

agosto 23, 2010 Comunicati Stampa

Courtesy of Festival Oriente OccidenteLinguaggi si presenta ancora una volta non solo come luogo e spazio di confronto e dialogo su temi importanti ma anche come sezione del Festival Oriente Occidente che per un momento abbandona gli aspetti artistici per entrare nel vivo della realtà contemporanea toccandone alcuni nodi scoperti e aspetti che interessano la quotidianità di tutti. Infatti dal 2 al 6 settembre, alle ore 17, presso il Palazzo della Fondazione Cassa di Risparmio in piazza Rosmini a Rovereto si parla di “Ambiente, dal locale al globale. Come ripensare le eco-compatibilità”.

Il Festival invita alcuni dei maggiori esperti in materia a fare il punto della situazione sulle questioni ambientali più urgenti dei nostri giorni come la bioedilizia della casa e della città, le eventuali soluzioni per l’annosa questione dell’inquinamento metropolitano, il paventato ritorno dell’energia nucleare, le possibilità di investire sulle energie rinnovabili, senza dimenticare la Green Economy e l’analisi dei cambiamenti climatici del pianeta.

E a discuterne sono Ermete Realacci, Paolo Berdini, Angelo Bonelli, Gianni Silvestrini, Massimo De Maio.

Si comincia giovedì 2 settembre con l’incontro dal titolo Green Economy. Un’idea di futuro per affrontare la crisi che prende spunto dall’attuale crisi dell’economia mondiale per porre la domanda “e adesso cosa è possibile produrre?”.  A parlarne sarà Ermete Realacci.

Venerdì 3 settembre Gianni Silvestrini si occuperà di “Speranze e disincanto del post Copenaghen. In attesa del prossimo summit mondiale sul clima” . Al centro ovviamente il tema degli impegni assunti dai grandi produttori di anidride carbonica del pianeta lo scorso dicembre nel summit di Copenaghen.

Agli occhi di molti un fallimento per gli obiettivi ridotti dei Paesi ricchi a cui si è contrapposto un consolidamento del fronte dei Paesi in via di sviluppo che intendono proteggere la propria crescita economica. La domanda ora è: “Che cosa possiamo aspettarci dal prossimo vertice mondiale sul clima?”

L’incontro di sabato 4 settembre è affidato ad Angelo Bonelliche tratterà quest’anno di “Inquinamento e metropoli. Un binomio obbligato o un’incapacità di gestione?”, durante il quale lancerà uno sguardo all’aumento diffuso delle città con oltre un milione di abitanti e al concomitante peggioramento delle condizioni di vivibilità: dall’aria che si respira agli alimenti che si mangiano e alla fruibilità dei servizi.

Al centro di un dibattito aperto e, soprattutto ora, molto acceso anche nel nostro Paese c’è il confronto “Nucleare vs fonti rinnovabili“  di domenica 5 settembre. In una società che si confronta con una richiesta sempre maggiore di energia, senza però eliminare sprechi e uso irrazionale, cresce il fronte di chi vuole ricorrere all’energia dell’atomo. Ma è questa la strada? L’Europa richiede per il 2020 di ridurre di 1/5 i gas serra e produrre il 20% dell’energia da fonti rinnovabili così come ridurre della stessa percentuale i consumi. Proprio quest’ultima voce comporterebbe un risparmio di oltre 65 miliardi di euro al netto degli investimenti. In uno scenario energetico e climatico è conveniente investire in centrali nucleari di terza generazione? Il tema è affrontato da Massimo De Maio.

A chiudere la rassegna, lunedì 6 settembre, è Paolo Berdini che si occupa de “La rivoluzione della bioedilizia. Case, quartieri, città sotto il segno dell’eco-compatibilità”. Berdini non solo spiegherà cosa si intende per bioedilizia ma cercherà di esporne i vantaggi e l’obiettivo che si pone di migliorare benessere e qualità della vita, oltre a perseguire la riduzione dell’inquinamento e dei consumi. La bio-edilizia e la bio-architettura saranno inoltre l’occasione per ripensare il modello di sviluppo delle nostre città e dei nostri quartieri, troppo spesso vittime dell’abusivismo edilizio, del degrado urbano e dell’assenza di attenzione al tema del “buon vivere” dei cittadini.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende