Home » Comunicati Stampa »Progetti » Il Finalese cerca un’altra via per il turismo sostenibile:

Il Finalese cerca un’altra via per il turismo sostenibile

luglio 12, 2016 Comunicati Stampa, Progetti

Unione fra costa ed entroterra, prevenzione del rischio incendio e idrogeologico,
occupazione giovanile, sviluppo di un turismo compatibile con l’ambiente sono i pilastri della strategia del “L’Alt®a Via del Finalese”.

Sono diverse le considerazioni e le esigenze che hanno portato Fondazione CIMA ed i comuni di Bardineto, Boissano, Calizzano, Calice Ligure, Finale Ligure, Giustenice, Orco Feglino, Osiglia, Rialto, Toirano, Vezzi Portio e alcuni privati  (tra i quali la Polisportiva Finale Outdoor Resort e l’Associazione “Costa Balenae – Le Tre Terre”) rappresentativi delle peculiarità del territorio, a costruire una innovativa strategia di sviluppo.

Prima fra tutte la necessità di salvaguardare un’area come quella del Finalese e del suo entroterra, unica per i suoi aspetti naturalistici e paesaggistici, ma che come tutte le zone  rurali e montane ha subito un graduale abbandono, che ne ha determinato un’intrinseca fragilità.

Gli attori protagonisti hanno capito quanto sia importante  avviare un modello di sviluppo, capace di coniugare occupazione giovanile e qualità della vita, con gli aspetti di prevenzione attiva degli incendi boschivi e dei dissesti idrogeologici, sempre più frequenti, prima di arrivare a un collasso territoriale. E che per fare questo non si può prescindere dall’iniziativa privata, che insieme agli enti pubblici, decida di occuparsi di tutta questa zona.

Una delle idee alla base della strategia è la volontà di guardare l’intero territorio dando  “le spalle al mare”, ovvero non considerando più la realtà costiera slegata dall’entroterra del finalese, ma piuttosto partendo dal presupposto che il “successo” turistico delle aree costiere e la loro sopravvivenza dipende ed è strettamente legato alla straordinaria varietà del suo entroterra, che ha portato il finalese ad essere una delle quattro mete più importanti a livello mondiale per le discipline outdoor.

La sfida de “L’Alt®a Via del Finalese” è proprio questa: permettere alle valli interne di attingere risorse da un mercato già sviluppato, che può dare le basi per la sostenibilità dell’intera strategia, offrendo nuovi servizi, fra cui prodotti agroalimentari di qualità ed ospitalità qualificata e diffusa.

Sono  differenti i percorsi che hanno portato gli enti pubblici, Fondazione CIMA ed i privati alla decisione di costituire questa strategia, ma l’obbiettivo di individuare un percorso di sviluppo a lungo termine e compatibile con l’ambiente è univoco.

Fondazione Cima, da anni impegnata nel campo della prevenzione dei rischi naturali e presente dal 2012 sul territorio del Finalese, grazie alla gestione del Vivaio Forestale di Pian dei Corsi, ha sentito l’esigenza di mettere a disposizione il patrimonio di sapere accumulato in anni di ricerca, diventando uno dei soggetti promotori de “L’Alt®a Via del Finalese”, anche partendo dall’esperienza maturata nel 2015, grazie al progetto transfrontaliero BEST OF – ALCOTRA. Questo progetto, tagliato sui comuni di Calice Ligure e Rialto, ha consentito a FONDAZIONE CIMA di individuare, attraverso un approccio partecipato e dal basso, i punti di forza e di debolezza dell’area e di trovare una soluzione ad essi nella convergenza fra componente turistica ed agricola, nella collaborazione fra i diversi portatori di interessi locali in un’ottica di riduzione del rischio e di presidio del territorio, visualizzato come un tutt’uno dal mare ai monti.

Nel frattempo il comune di Finale Ligure e tutti i comuni del primo entroterra ed uno dei partner privati del GAL, la Polisportiva Finale Outdoor Resort, hanno firmato un protocollo di intesa, nel 2015, che prevede la necessità di “gestire” il turismo outdoor in modo condiviso e sostenibile.

La condivisione degli obiettivi quindi è nata in modo quasi spontaneo ed è diventata la struttura filosofica del progetto strategico “L’Alt®a Via del Finalese”. I comportamenti degli abitanti e la manutenzione del territorio non possono più essere visti come elementi separati, ma devono evolversi insieme; contestualmente le conoscenze scientifiche devono fondersi con il “sapere profano”, tipico di chi vive li da sempre, per salvaguardare un bene comune a tutti e che per tutti svolge servizi indispensabili.

Contestualmente a questo ciò che si vuole creare e produrre è un cambio della mentalità, un maggior spirito di collaborazione e una maggiore consapevolezza della ricchezza del territorio che si abita, tasselli indispensabili per far sì che l’entroterra “non solo sopravviva, ma rispenda di luce propria”.

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Un caffè? No, un abbonamento, grazie”. L’iniziativa di Bicincittà per M’illumino di Meno 2017

febbraio 23, 2017

“Un caffè? No, un abbonamento, grazie”. L’iniziativa di Bicincittà per M’illumino di Meno 2017

Bicincittà, il più esteso network di bike sharing italiano (con oltre 110 comuni serviti) aderisce anche quest’anno alla campagna M’Illumino di Meno di Caterpillar-RAI Radio 2, in programma per venerdì 24 febbraio. BicinCittà, per questa edizione, ha  pensato  ad  un’originale  iniziativa  collaterale per sostenere in maniera più efficace la campagna: l’abbonamento sospeso. Così come a Napoli è [...]

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

febbraio 21, 2017

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

Obiettivo Alluminio giunge alla sua decima edizione e anche quest’anno si appresta a coinvolgere migliaia di studenti in oltre 5.000 scuole superiori italiane. Il progetto didattico organizzato dal CIAL (Consorzio Nazionale per la raccolta, il recupero e il riciclo dell’Alluminio), in collaborazione con il Giffoni Film Festival e il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela [...]

Biogas Italy: la nuova rivoluzione agricola parte dal “biogasfattobene”

febbraio 21, 2017

Biogas Italy: la nuova rivoluzione agricola parte dal “biogasfattobene”

L’«alba di una nuova rivoluzione agricola»  è  lo slogan scelto dalla terza edizione di Biogas Italy, l’evento annuale del CIB, Consorzio Italiano Biogas, che si terrà a Roma il prossimo 24 febbraio allo Spazio Nazionale Eventi del Rome Life Hotel. L’evento, promosso in collaborazione con Ecomondo Key Energy, ospiterà gli “Stati Generali del Biogas e [...]

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende