Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche » Il piano di sostenibilità Unilever compie 1 anno:

Il piano di sostenibilità Unilever compie 1 anno

Si è svolto ieri a Roma, presso l’Auditorium Parco della Musica, il convegno Unilever Sustainable Living Plan. La sfida della crescita sostenibile”, organizzato da Unilever Italia in collaborazione con Gruppo 24 Ore e preceduto da una conferenza stampa. Unilever ha invitato i rappresentanti del panorama distributivo, produttivo, associativo, istituzionale, accademico e mediatico, key opinion former specializzati sul tema della sostenibilità e delle problematiche ambientali, per presentare gli importanti risultati di sostenibilità raggiunti a un anno dal lancio del suo Unilever Sustainable Living Plan, e per discutere le aree di intervento in cui le sfide restano ancora difficili da vincere.

L’Unilever Sustainable Living Plan, lanciato nel 2010, si prefigge di raggiungere entro il 2020 tre obiettivi principali: aiutare un miliardo di persone a migliorare la propria salute e benessere, dimezzare l’impatto ambientale lungo tutto il ciclo di vita dei propri prodotti, approvvigionarsi al 100% di materie prime sostenibili.

Tre macro obiettivi che comprendono a loro volta circa 60 target minori legati alle performance sociali, economiche ed ambientali di Unilever lungo l’intera catena del valore, anche nelle fasi in cui ad essere coinvolti più direttamente sono, per esempio, i consumatori con i loro comportamenti prima ancora dell’azienda: un’assunzione di responsabilità globale che è ciò che distingue Unilever per unicità nel panorama mondiale dei progetti di crescita sostenibile.

Il convegno e la conferenza stampa sono stati aperti da James Hill, Executive Vice President di Unilever Italia, che ha sottolineato la grande soddisfazione dell’azienda per gli ottimi risultati raggiunti in un solo anno dalla pubblicazione del Piano, ma anche l’assoluta necessità di coinvolgere tutti gli attori, del mercato e istituzionali, per riuscire a raggiungere i traguardi che coinvolgono l’intera catena del valore. Soltanto con la collaborazione di tutte le parti, infatti, sarà possibile conciliare crescita e sostenibilità.

Il convegno ha quindi presentato i principali risultati raggiunti nel 2011, con gli interventi dedicati ai diversi obiettivi del Piano. Patrizia Silvi, Quality Assurance Manager Unilever Italia, ha illustrato i miglioramenti nell’area Salute e Benessere a livello globale e nazionale. Ben 135 milioni di persone nel mondo sono già state raggiunte dai programmi educativi promossi da Unilever fino al 2011, di cui 48 milioni dal programma Lifebuoy che educa al lavaggio delle mani. Per quanto riguarda l’ambito della nutrizione, il 61% del portafoglio food globale, e il 67% dei prodotti commercializzati in Italia, rispettano oggi la soglia di consumo giornaliero di sale pari a 5 grammi al giorno, raccomandata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Giuseppe Infantino, Vice President Supply Chain Unilever Italia, ha citato altri sostanziali dati inerenti all’obiettivo di dimezzare l’impatto ambientale di Unilever. Nel 2011 è stata ridotta l’emissione di CO2 derivante dal consumo di energia di oltre 600.000 tonnellate rispetto al 2008; il 20% dell’approvvigionamento di energia di Unilever nel mondo proviene da fonti rinnovabili, e il 100% dell’energia elettrica utilizzata in Europa deriva da fonti rinnovabili. Nel 2011 la plastica nelle confezioni è stata ridotta a livello globale del 4%. In Italia, sempre nel 2011, gli stabilimenti Unilever hanno inviato 1.000 tonnellate di rifiuti in meno a discarica rispetto al 2010, raggiungendo una riduzione di oltre il 50% dei kg di rifiuti per tonnellata di prodotto finito. Ad oggi un terzo delle fabbriche di Unilever nel mondo non manda più rifiuti a discarica, risultato che riguarda la totalità dei siti in Italia, dove da marzo 2012 nessuno stabilimento invierà più rifiuti a discarica, grazie all’implementazione del progetto “Zero Waste to Landfill”.

Intervento finale quello di Ugo De Giovanni, Category and Brand Building Director Home Care Unilever Italia, che ha presentato il terzo obiettivo legato all’approvvigionamento sostenibile delle materie prime. Anche qui i dati presentati sono stati importanti e numerosi. Primo su tutti, il risultato che riguarda l’olio di palma: entro il 2012 Unilever raggiungerà l’obiettivo di approvvigionarsi al 100% di olio di palma sostenibile, con tre anni di anticipo rispetto al target. In Italia questo traguardo è stato già raggiunto: dal 2011, infatti, tutto l’olio di palma utilizzato per la produzione dei prodotti Unilever venduti in Italia proviene da fonti certificate. Unilever ha quindi stabilito un nuovo traguardo da raggiungere entro il 2020: acquistare tutto l’olio di palma da fonti certificate segregate, facendo sì che tutto l’olio acquistato sia tracciabile sin dalla piantagione in cui è stato coltivato. Già nel 2011 Unilever ha acquistato ben il 50% di tutto l’olio di palma certificato sostenibile prodotto nel mondo.

Esistono, però, aree d’intervento nelle quali fare progressi risulta più difficile, come quella legata alle abitudini dei consumatori e dove, per ottenere un cambiamento radicale, è indispensabile, come ricordava James Hill, la collaborazione di tutti.

Secondo la visione di Paul Polman, CEO mondiale di Unilever: “Dobbiamo considerarci parte in causa nella risoluzione di questi problemi. Noi crediamo che il nostro successo dipenderà dalla capacità di separare la crescita dall’impatto ambientale, incrementando al tempo stesso la nostra positiva influenza sociale. Molti dei risultati che abbiamo raggiunto sono stati ottenuti grazie alla collaborazione con altri. In Unilever siamo convinti che in futuro la collaborazione sarà l’unico modo di fare business.”

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Nasce il Circular Economy Network: Italia al secondo posto in Europa per riciclo

maggio 4, 2018

Nasce il Circular Economy Network: Italia al secondo posto in Europa per riciclo

A giugno verrà approvato in via definitiva il pacchetto europeo sull’economia circolare e già oggi nasce il Circular Economy Network, l’osservatorio della circolarità in Italia creato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e da un gruppo di 13 aziende e associazioni di impresa che vanno dai consorzi di riciclo alle industrie di bioplastiche, dalle acque [...]

Bike Pride e Brompton sfilano per Torino a favore del ciclismo urbano

maggio 4, 2018

Bike Pride e Brompton sfilano per Torino a favore del ciclismo urbano

Domenica 6 maggio 2018, al Parco del Valentino di Torino torna protagonista la bicicletta con due importanti eventi dedicati al mondo del ciclismo urbano: la IX edizione del “Bike Pride”, la tradizionale parata annuale di biciclette organizzata dall’Associazione Bike Pride Fiab Torino, e la V edizione del Brompton World Championship, un evento dedicato agli appassionati [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende