Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche » Il piano di sostenibilità Unilever compie 1 anno:

Il piano di sostenibilità Unilever compie 1 anno

Si è svolto ieri a Roma, presso l’Auditorium Parco della Musica, il convegno Unilever Sustainable Living Plan. La sfida della crescita sostenibile”, organizzato da Unilever Italia in collaborazione con Gruppo 24 Ore e preceduto da una conferenza stampa. Unilever ha invitato i rappresentanti del panorama distributivo, produttivo, associativo, istituzionale, accademico e mediatico, key opinion former specializzati sul tema della sostenibilità e delle problematiche ambientali, per presentare gli importanti risultati di sostenibilità raggiunti a un anno dal lancio del suo Unilever Sustainable Living Plan, e per discutere le aree di intervento in cui le sfide restano ancora difficili da vincere.

L’Unilever Sustainable Living Plan, lanciato nel 2010, si prefigge di raggiungere entro il 2020 tre obiettivi principali: aiutare un miliardo di persone a migliorare la propria salute e benessere, dimezzare l’impatto ambientale lungo tutto il ciclo di vita dei propri prodotti, approvvigionarsi al 100% di materie prime sostenibili.

Tre macro obiettivi che comprendono a loro volta circa 60 target minori legati alle performance sociali, economiche ed ambientali di Unilever lungo l’intera catena del valore, anche nelle fasi in cui ad essere coinvolti più direttamente sono, per esempio, i consumatori con i loro comportamenti prima ancora dell’azienda: un’assunzione di responsabilità globale che è ciò che distingue Unilever per unicità nel panorama mondiale dei progetti di crescita sostenibile.

Il convegno e la conferenza stampa sono stati aperti da James Hill, Executive Vice President di Unilever Italia, che ha sottolineato la grande soddisfazione dell’azienda per gli ottimi risultati raggiunti in un solo anno dalla pubblicazione del Piano, ma anche l’assoluta necessità di coinvolgere tutti gli attori, del mercato e istituzionali, per riuscire a raggiungere i traguardi che coinvolgono l’intera catena del valore. Soltanto con la collaborazione di tutte le parti, infatti, sarà possibile conciliare crescita e sostenibilità.

Il convegno ha quindi presentato i principali risultati raggiunti nel 2011, con gli interventi dedicati ai diversi obiettivi del Piano. Patrizia Silvi, Quality Assurance Manager Unilever Italia, ha illustrato i miglioramenti nell’area Salute e Benessere a livello globale e nazionale. Ben 135 milioni di persone nel mondo sono già state raggiunte dai programmi educativi promossi da Unilever fino al 2011, di cui 48 milioni dal programma Lifebuoy che educa al lavaggio delle mani. Per quanto riguarda l’ambito della nutrizione, il 61% del portafoglio food globale, e il 67% dei prodotti commercializzati in Italia, rispettano oggi la soglia di consumo giornaliero di sale pari a 5 grammi al giorno, raccomandata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Giuseppe Infantino, Vice President Supply Chain Unilever Italia, ha citato altri sostanziali dati inerenti all’obiettivo di dimezzare l’impatto ambientale di Unilever. Nel 2011 è stata ridotta l’emissione di CO2 derivante dal consumo di energia di oltre 600.000 tonnellate rispetto al 2008; il 20% dell’approvvigionamento di energia di Unilever nel mondo proviene da fonti rinnovabili, e il 100% dell’energia elettrica utilizzata in Europa deriva da fonti rinnovabili. Nel 2011 la plastica nelle confezioni è stata ridotta a livello globale del 4%. In Italia, sempre nel 2011, gli stabilimenti Unilever hanno inviato 1.000 tonnellate di rifiuti in meno a discarica rispetto al 2010, raggiungendo una riduzione di oltre il 50% dei kg di rifiuti per tonnellata di prodotto finito. Ad oggi un terzo delle fabbriche di Unilever nel mondo non manda più rifiuti a discarica, risultato che riguarda la totalità dei siti in Italia, dove da marzo 2012 nessuno stabilimento invierà più rifiuti a discarica, grazie all’implementazione del progetto “Zero Waste to Landfill”.

Intervento finale quello di Ugo De Giovanni, Category and Brand Building Director Home Care Unilever Italia, che ha presentato il terzo obiettivo legato all’approvvigionamento sostenibile delle materie prime. Anche qui i dati presentati sono stati importanti e numerosi. Primo su tutti, il risultato che riguarda l’olio di palma: entro il 2012 Unilever raggiungerà l’obiettivo di approvvigionarsi al 100% di olio di palma sostenibile, con tre anni di anticipo rispetto al target. In Italia questo traguardo è stato già raggiunto: dal 2011, infatti, tutto l’olio di palma utilizzato per la produzione dei prodotti Unilever venduti in Italia proviene da fonti certificate. Unilever ha quindi stabilito un nuovo traguardo da raggiungere entro il 2020: acquistare tutto l’olio di palma da fonti certificate segregate, facendo sì che tutto l’olio acquistato sia tracciabile sin dalla piantagione in cui è stato coltivato. Già nel 2011 Unilever ha acquistato ben il 50% di tutto l’olio di palma certificato sostenibile prodotto nel mondo.

Esistono, però, aree d’intervento nelle quali fare progressi risulta più difficile, come quella legata alle abitudini dei consumatori e dove, per ottenere un cambiamento radicale, è indispensabile, come ricordava James Hill, la collaborazione di tutti.

Secondo la visione di Paul Polman, CEO mondiale di Unilever: “Dobbiamo considerarci parte in causa nella risoluzione di questi problemi. Noi crediamo che il nostro successo dipenderà dalla capacità di separare la crescita dall’impatto ambientale, incrementando al tempo stesso la nostra positiva influenza sociale. Molti dei risultati che abbiamo raggiunto sono stati ottenuti grazie alla collaborazione con altri. In Unilever siamo convinti che in futuro la collaborazione sarà l’unico modo di fare business.”

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende