Home » Comunicati Stampa »Progetti »Smart City » Il progetto Qcumber arriva su Microsoft e sogna le grandi smart city:

Il progetto Qcumber arriva su Microsoft e sogna le grandi smart city

In occasione di IAIA 2015, l’evento dell’Associazione Internazionale per la valutazione dell’Impatto Ambientale, che da 35 anni riunisce gli esperti sul campo per promuovere la diffusione di best practice e che per la prima volta si è tenuta a Firenze nei giorni scorsi, l’italiana Qcumber ha annunciato una partnership con Microsoft e Altea, grazie a cui potrà offrire i propri servizi di monitoraggio e valutazione ambientale su scala globale.

Inoltre, facendo leva sulla partnership strategica tra STMicroelectronics Italia e Microsoft Italia, con la piattaforma di cloud computing Microsoft Azure e la sensoristica ST e grazie a un progetto d’integrazione avviato con il supporto di Altea, la startup italiana sarà in grado di amplificare la portata del proprio geo-social forum e di realizzare progetti non solo su piccoli comuni a livello locale, ma anche su grandi realtà metropolitane a livello mondiale. Puntando sulle nuove tecnologie, Qcumber intende quindi farsi strada nel mondo offrendo alle pubbliche amministrazioni nazionali e internazionali una soluzione per restare sempre aggiornati sulla situazione ambientale che interessa i propri confini, sia attraverso le segnalazioni proattive dei cittadini, sia attraverso i dati provenienti da fonti autorevoli come l’Organizzazione Mondiale per la Sanità e l’International Association for Impact Assessment.

La piattaforma social consente infatti di visionare lo stato ambientale dei luoghi segnalando anomalie ed eventi critici di cui le autorità dovrebbero essere a conoscenza per risolvere tempestivamente problematiche ambientali. Inoltre Qcumber offre consulenza alle amministrazioni locali per la pianificazione urbana e alle aziende per le valutazioni d’impatto ambientale utili ai fini del bilancio sociale. Per poter offrire con continuità un servizio affidabile su scala mondiale, Qcumber ha quindi scelto di migrare sulla piattaforma cloud di Microsoft in virtù delle garanzie di scalabilità e sicurezza e della potenza computazionale per elaborare dati a livello globale.

Grazie a Microsoft Azure e in particolare a Azure IoT Suite è infatti possibile connettere device in tutto il mondo, catturare dati eterogenei e voluminosi e orchestrare il flusso di dati per trasformarli in informazioni strategiche. Grazie alla collaborazione con STMicroelectronics, Qcumber si arricchisce inoltre di un’importante sorgente nella raccolta dei dati: i sensori ST supporteranno le rilevazioni condotte da comuni ed enti pubblici per consentire di analizzare in tempo reale la situazione ambientale del territorio e intervenire in caso di criticità. Grazie al progetto di integrazione delle tecnologie di Microsoft ed ST realizzato con la consulenza strategica di Altea, Qcumber ha quindi intrapreso un processo d’innovazione che renderà la piattaforma maggiormente scalabile e replicabile ovunque a livello internazionale.

“Siamo entusiasti di annunciare in occasione di IAIA i nostri piani di crescita grazie alla collaborazione con Partner strategici quali Microsoft ed Altea. Puntando sul valore dei dati raccolti dai sensori ST e sulla scalabilità e potenza di calcolo della piattaforma cloud Azure, possiamo arricchire i nostri algoritmi di analisi e offrire un servizio continuativo su scala globale per il monitoraggio e il calcolo dell’impatto ambientale. Facendo leva sulle nuove tecnologie per ridefinire il rapporto con il Pianeta, siamo sicuri di poter contribuire alla diffusione delle Smart City e di una maggiore attenzione alla sostenibilità ambientale”, spiega Giuseppe Magro, fondatore di Qcumber. “Il consiglio mondiale della IAIA ha del resto selezionato il nostro Paese, per la prima volta in 35 anni, proprio grazie ai risultati ottenuti da Qcumber in ambito di interazione tra ambiente e social media e siamo entusiasti di aver partecipato attivamente all’organizzazione di questa edizione”.

“Siamo orgogliosi di contribuire con la nostra tecnologia all’evoluzione del progetto Qcumber e siamo convinti che questa eccellenza italiana saprà farsi strada nel mondo. Un esempio significativo di come il Cloud Computing possa supportare un percorso di crescita flessibile e di come l’Internet of Things rappresenti una prospettiva concreta, ma anche un’interessante dimostrazione di quanto l’innovazione tecnologica non sia fine a se stessa ma produca progetti d’impatto reale a vantaggio dell’intera collettività”, ha commentato Fabio Santini, direttore della Divisione Developer Experience & Evangelism di Microsoft Italia. “ Il Politecnico di Milano stima che l’adozione pervasiva di tecnologie IoT applicate alla gestione del territorio potrebbe generare un risparmio di più di 4 miliardi di euro, oltre a una riduzione dell’impatto ambientale e a una maggiore vivibilità”.

“Altea accoglie con entusiasmo la partecipazione a IAIA 2015 per esprimere il valore di Qcumber e delle iniziative progettuali che sono nate da questa piattaforma. La collaborazione attivata con importanti soggetti del panorama ICT ci ha permesso di creare una soluzione di organizzazione e gestione che favorisce azioni di corporate social responsibility, il tutto immerso in un contesto sempre più dominato dalla digital transformation”, ha aggiunto Andrea Ruscica, Presidente di Altea S.p.A. “Partendo proprio da Qcumber, Altea proporrà un servizio dedicato alle aziende chiamato Enkoi – Enterprise Knowledge Opportunities for Innovation – che permetterà di  elaborare i dati provenienti da sensori di rilevazione e impianti produttivi rispettando tutte le normative vigenti”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende