Home » Comunicati Stampa » Endesa: un think tank a Barcellona per l’efficienza energetica:

Endesa: un think tank a Barcellona per l’efficienza energetica

gennaio 12, 2012 Comunicati Stampa

La produzione elettrica da fonte solare è in continua crescita e i paesi dell’Europa meridionale e del Nord Africa sono in condizioni ottimali per sviluppare questa risorsa e sfruttare il vero “petrolio” del Mediterraneo. L’uscita dalla crisi richiede infatti tanto misure a breve termine di stabilizzazione finanziaria quanto una strategia di crescita: lo sviluppo delle fonti rinnovabili consentirebbe di ridurre il deficit commerciale dei paesi produttori, promuovere un settore in grado di creare migliaia di posti di lavoro e ridurre la dipendenza cronica di energia da fonti fossili.

A Barcellona, la controllata di Enel Endesa ha inaugurato il nuovo padiglione che ospiterà il Centro di Controllo del Progetto Smart City Barcelona, con investimenti per 100 milioni di euro, candidandosi ad essere un think tank per l’efficienza energetica. La costruzione, coerentemente con la destinazione d’uso, è modulare e composta da una tettoia trasparente, leggera e rimovibile. Ha una superficie di 154 m2 con moduli formati da strutture multistrato e copertura composta da pannelli fotovoltaici. Il consumo medio giornaliero della struttura è di 20 kWh, ma la produzione di energia prevista di 100 kWh. L’80 percento dell’elettricità che verrà prodotta in eccedenza potrà dunque essere immesso nella rete.

Sempre in Spagna, Endesa realizzerà un progetto di ricerca per dimostrare la validità tecnica ed economica della generazione solare con “dischi Stirling”, un ciclo termodinamico simile a quello del motore di un veicolo a benzina. Nell’ambito del progetto Solardis, con investimenti per 1,7 milioni di euro, verrà costruito un impianto dimostrativo vicino alla centrale Endesa di Guillena, in Spagna, per convalidare a livello commerciale questa tecnologia, che potrebbe poi essere esportata anche in Italia.

L’area mediterranea sta diventandoinfatti  sempre più cruciale per l’approvvigionamento di energia dell’Europa, e anche la Commissione Europea, nel documento The EU Energy Policy: Engaging with Partners beyond Our Borders, raccomanda di impegnarsi in investimenti infrastrutturali che favoriscano la cooperazione energetica tra i Paesi nord-africani e quelli europei. Una scelta che assume un peso strategico ancora maggiore dopo la decisione di paesi come la Germania, che hanno scelto di abbandonare il proprio programma nucleare dopo l’incidente di Fukushima.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende