Home » Comunicati Stampa » Il teatro a cielo aperto di Mario Mariani:

Il teatro a cielo aperto di Mario Mariani

agosto 25, 2011 Comunicati Stampa

Come può un pianoforte farsi ponte fra i linguaggi diversi dell’arte, e un musicista traghettare un teatro e il suo pubblico nel bosco? L’impresa potrebbe apparire quasi folle. Eppure Mario Mariani c’è riuscito: la sua nuova avventura, il Teatro Libero del Monte Nerone è diventata in poche settimane un evento per chi si aggira nei dintorni marchigiani.

Dal 31 luglio al 4 settembre il celebre pianista e compositore marchigiano ha infatti alzato il sipario su un palcoscenico alquanto inconsueto, il Teatro Libero del Monte Nerone: una serie di concerti, performance, letture, workshop, percorsi sensoriali ed altre sorprese con personaggi ed artisti che accompagneranno il pianista all’insegna della spontanea partecipazione e dell’improvvisazione creativa.

Il musicista ha eletto a propria residenza artistica una radura nella pineta di Fosto (Cagli), sull’Appennino marchigiano, in provincia di Pesaro e Urbino: è qui che ha stabilito la sua piccola dimora, rigorosamente a “impatto zero”, realizzata in legno e dotata di pannelli solari. Ed è qui che, con il suo pianoforte a coda, ogni sera accoglierà gli ospiti sopraggiunti, per trasformare il bosco in un palco a cielo aperto.

Ogni sera la pineta accoglie nella sua cornice verde spettatori e semplici visitatori curiosi, invitandoli a prender posto – liberamente seduti sull’erba – e magari a condividere con i presenti una cena frugale, in uno spirito di spontanea convivialità. La curiosità e non convenzionalità del progetto si esprime in un teatro a tutti gli effetti libero, che invita sul palco anche chi, fra il pubblico, desidererà condividere le performance musicali degli artisti con il proprio strumento.

L’esperienza sarà racchiusa, alla sua conclusione, in uno speciale cd che uscirà a settembre, con le composizioni realizzate nelle principali serate. Componendo in tempo reale dal suo pianoforte a mezza-coda, Mario Mariani è infatti accompagnato dall’improvvisazione dei numerosi artisti che si avvicendano ogni giorno, tra cui talenti internazionali come Giuliano del Sorbo (11 agosto) e Massimo Ottoni (14 agosto), il violinista Roberto Manes da Londra (19 agosto), e l’attore comico Niba, già noto per il suo successo a Zelig (1 settembre), oltre a nomi emergenti come gli autori pesaresi Loris Ferri e Stefano Sanchioni, che presenteranno il loro recente poema dialogico “Corrispondenze ai margini dell’occidente” (16 agosto), la cantante Anna Münster da Berlino (2 settembre), la scrittrice anconetana Chiara Giacobelli (9 agosto), autrice del fortunato volume “101 cose da fare nelle Marche almeno una volta nella vita”, ed ancora giornalisti, intellettuali ed esperti in scienze naturali e discipline meditative.

Seguendo i ritmi naturali del cielo, il pianista esegue un concerto in occasione di ogni quarto di luna (7-13-21-29 agosto), con due esibizioni speciali: una già realizzata in occasione di Ferragosto e l’altra attesa per la serata di chiusura il 4 settembre.

Dopo l’esperienza ‘estrema’ della “Grotta dei Prosciutti” (che nell’estate 2010 lo ha visto vivere per un mese intero con il suo pianoforte a coda nel cuore stesso della montagna) Mario Mariani celebra così il successo di un nuovo progetto artistico e culturale, confermando il percorso inaugurato lo scorso anno: offrire una proposta alternativa di fruizione dell’arte, liberata dai vincoli commerciali ed aperta alla spontanea partecipazione del pubblico, oltre che intessuta di molteplici linguaggi espressivi.

L’iniziativa culturale di Mariani si carica inoltre di un messaggio sociale: da sempre sensibile al legame tra uomo e natura, nelle sue performance il pianista dialoga con un ambiente-paesaggio, concepito non solo come luogo creativo privilegiato, ma soprattutto come interlocutore da rispettare. Così, attraverso scelte di comportamento ecosostenibili ed esibizioni “a impatto zero”, Mario Mariani tenta di fornire una sua visione ma soprattutto una proposta per nuovi responsabili stili di vita.

“Nel Teatro Libero del Monte Nerone il rispetto che il pubblico riserva all’artista e alla sua opera si traduce in rispetto per la natura del bosco – sottolinea Mario Mariani - oltre che in un approfondimento diretto dei segreti che uno specifico paesaggio può rivelare, grazie alla partecipazione di esperti e studiosi ambientalisti”.

“Non nascondo un certo stupore per le continue e quasi inaspettate manifestazioni di entusiasmo che il mio pubblico esprime durante ogni appuntamento” – confida il musicista, mentre la folla di spettatori diventa una vera platea che cresce di giorno in giorno-“E’ una vera soddisfazione scoprire come l’arte riesca a diventare un catalizzatore di persone, idee ed emozioni, quando soprattutto è condivisa in modo spontaneo e libero dai condizionamenti e dalle barriere del mercato culturale”.

“In un momento non certo facile, come questo che il settore culturale sta attraversando, dove teatri e altri spazi d’arte sono costretti a chiudere, io invece ne apro uno – prosegue Mariani ma in un luogo totalmente sciolto dai canoni della consuetudine culturale e dai vincoli burocratici ed economici che normalmente essa comporta.

La mia speranza è di portare l’arte e in questo caso la musica direttamente alla gente, che già altre volte ha dimostrato di apprezzare il genere d’iniziativa, saltando il passaggio intermedio del mercato. Faccio spesso un paragone tra la mia musica ed il cibo a chilometro zero, prodotto e consumato sul luogo.

Si tratta di una provocazione ma soprattutto di una proposta di rinnovamento delle logiche “commerciali” a cui l’arte non può assuefarsi”.

L’iniziativa è realizzata con il patrocinio di Regione Marche, Provincia di Pesaro e Urbino, dei Comuni di Cagli e Piobbico, e con il supporto della Comunità Montana Catria e Nerone, oltre che del media partner ufficiale Radio Pereira, web radio indipendente pesarese che seguirà l’evento giorno per giorno dal suo blog radiopereira.it.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende