Home » Comunicati Stampa »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Impianti fotovoltaici e auto elettriche: l’ateneo bolognese in prima linea per la sostenibilità:

Impianti fotovoltaici e auto elettriche: l’ateneo bolognese in prima linea per la sostenibilità

Ogni mese vengono raccolte quasi dieci tonnellate di carta e cartone e quasi una tonnellata di imballaggi di plastica in 77 strutture universitarie ubicate nel centro storico. Per la raccolta delle pile invece nei primi mesi del 2013 si è passati da 11 a 31 sedi servite, mentre la raccolta dei toner è attiva in 52 dipartimenti. Sono alcuni dati della prima fase di sperimentazione (partita il 26 novembre scorso) che ha preceduto la firma di un protocollo tra l’Alma Mater, il Comune di Bologna ed Hera sulla raccolta differenziata per le strutture universitarie del centro storico di Bologna.

Il protocollo definisce i ruoli delle parti necessari all’attivazione e messa a regime del processo di smaltimento dei materiali recuperati. Nel dettaglio, sono stati attivati i servizi di recupero carta, plastica, toner e pile per tutte le strutture del centro storico di Bologna; sono stati distribuiti a tutte le strutture ecobox dedicati  e personalizzati per il recupero di carta e plastica e contenitori il recupero di toner e pile; sono state gettate le basi per il possibile recupero di altri materiali (ad esempio il progetto di compostaggio presso l’Orto botanico); sono state messe in cantiere alcune attività per coinvolgere e sensibilizzare docenti, personale tecnico-amministrativo e studenti.

Il maggior impegno nell’ambito della raccolta differenziata fa parte del nuovo Piano della sostenibilità ambientale dell’Università di Bologna (2013-2016) che è allo studio in questi mesi. Tra le azioni previste ci sono la creazione di prototipi di edifici energeticamente autosufficienti e l’estensione delle misure per l’impiego delle risorse rinnovabili. Particolare attenzione, tramite interventi mirati, sarà rivolta alla sensibilizzazione degli utenti universitari e al coinvolgimento attivo degli studenti sul campo della sostenibilità.

L’Università inoltre sta sottoscrivendo il Protocollo d’intesa con il Comune per il PAES (Piano d’azione per l’energia sostenibile) con l’intento di promuovere, in sinergia con i diversi stakeholder cittadini, la filiere del green ICT, definire la rete di coordinamento degli Energy management e le campagne comunicative. Il protocollo verrà firmato il 5 giugno.

L’impegno in campo della sostenibilità ambientale è iniziato già dal 2009, anno in cui l’ateneo ha predisposto il suo primo Piano dell’energia e della sostenibilità ambientale, con le finalità di creare una cornice omogenea ai diversi temi e iniziative. A partire dagli impianti fotovoltaici installati in diverse sedi: Lazzaretto, Morassutti (Fisica, INFN), il comparto di Medicina veterinaria ad Ozzano e il comparto di agraria a Cadriano, per una potenza di picco superiore ad 1Mw (1169 kWp). Gli impianti sono attivi dall’estate 2012 e oggi si stanno implementando con un sistema di supervisione che effettui il monitoraggio della produzione di energia.

Per quanto riguarda la flotta aziendale, da quasi 100 vetture l’ateneo passerà nel giro di un anno a circa 50, adottando vetture completamente elettriche, gestite in modalità car sharing. Un sistema software dedicato permetterà a tutto il personale universitario di prenotare le autovetture tramite le proprie credenziali e di sapere al momento della prenotazione stessa il livello di carica elettrica. Le prime autovetture sono già in dotazione (Renault Kangoo Z.E.) e si prevede di completare la dotazione dei mezzi entro l’estate 2013. L’ateneo bolognese sostiene anche l’utilizzo dei mezzi pubblici da parte dei propri dipendenti: negli anni si è riscontrato un significativo aumento dell’uso del trasporto pubblico negli spostamenti casa-lavoro, arrivando ad interessare oltre 2.000 unità di personale.

Al fine di avere una prospettiva affidabile, concreta e in tempo reale del consumo di energia, l’università ha avviato un progetto per l’adozione di un sistema informativo di supervisione impianti basato sull’impiego di modelli open source. Ad oggi, in via sperimentale, sono gestite alcune cabine elettriche e si prevede l’estensione a tutte le cabine elettriche e alle centrali termiche. La seconda fase del progetto permetterà l’evoluzione dalla semplice acquisizione dati al controllo degli impianti stessi, migliorando le performance degli stessi alla luce del contenimento dei consumi energetici. Sul fronte della certificazione energetica, sono stati analizzati e certificati diversi fabbricati, tra quelli con maggiori consumi: il complesso sportivo Record, la sede storica di Ingegneria, il Lazzaretto.

L’Alma Mater prevede anche di aggiudicare entro i primi mesi del 2014 un appalto innovativo di global service, dove tra gli interventi previsti viene dato forte spazio a quelli di riqualificazione tecnologica degli impianti esistenti e contenimento dei consumi energetici.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende