Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche » “In buone acque”. Hera presenta il report sulla qualità dell’acqua del rubinetto:

“In buone acque”. Hera presenta il report sulla qualità dell’acqua del rubinetto

settembre 20, 2013 Aziende, Comunicati Stampa, Pratiche

Hera presenta la quinta edizione del report “In buone acque”, in anteprima al Bologna Water Design, la kermesse ‘fuori-fiera’ del CERSAIE dedicata al design dell’acqua, che si terrà dal 23 al 28 settembre. Attraverso un percorso espositivo realizzato all’interno del chiostro del palazzo ex Ospedale Bastardini di Via D’Azeglio (dove si terranno tutte le conferenze dell’evento) la multiutility racconterà i contenuti della pubblicazione che ogni anno rendiconta la qualità dell’acqua di rubinetto e i controlli messi in campo per garantirla. Nel 2012 le analisi effettuate su tutta la filiera di produzione dell’acqua potabile, che va dalle fonti alla distribuzione, sono state 620.521, pari a 1.700 al giorno. Il 99,6% dei controlli effettuati da Hera e Ausl attraverso i laboratori Arpa è risultato conforme alla legge. I laboratori del Gruppo sono operativi 7 giorni su 7 ed effettuano più di 900 analisi al giorno sulle acque potabili, avvalendosi di 80 tecnici specializzati.

L’Italia con i 188 litri di acqua in bottiglia bevuti procapite nel 2011 detiene il primato europeo quale nazione con il più alto consumo di acqua in bottiglia (l’80% delle quali sono di plastica con evidenti impatti in termini di rifiuti prodotti). L’obiettivo del report che sarà distribuito in tutti i 227 comuni in cui Hera gestisce il servizio idrico, per un bacino complessivo di oltre 3 milioni di utenti, è quello di far conoscere tutte le attività svolte da Hera per garantire la qualità dell’acqua distribuita e promuovere un consumo più consapevole e sostenibile.

Il report ‘In buone acque’ è disponibile on line, sul canale del sito Hera dedicato all’acqua. Può essere consultato nei principali sportelli clienti del Gruppo Hera e viene distribuito nelle scuole che collaborano con la multiutility nei progetti di educazione ambientale. Sempre sul sito di Hera è ancora possibile leggere il Dossier sull’Acqua, un approfondimento a 360 gradi che parla anche di investimenti, tariffe e modelli di gestione.

Per far conoscere ai cittadini la qualità e salubrità dell’acqua erogata dai 31.340 chilometri di rete acquedottistica, Hera ha stilato una ‘carta d’identitàche, grazie a 328.168 analisi effettuate nel 2012 dai laboratori del Gruppo, è in grado di indicare al consumatore finale le caratteristiche dell’acqua distribuita. L’etichetta dell’acqua di rubinetto distribuita in ciascun comune è pubblicata sia sulle bollette spedite a casa degli utenti, sia sul sito internet aziendale. Hera appone quindi alla sua acqua un’etichetta a garanzia dell’affidabilità di ciò che si beve ogni giorno. Nel report “In buone acque” sono pubblicati anche i risultati dei controlli effettuati dalle Aziende Usl che confermano l’ottima qualità dell’acqua di rubinetto. Per le sue qualità, l’acqua erogata da Hera può essere classificata come oligominerale e a basso tenore di sodio.

Dal 2011 Hera sostiene le azioni di sensibilizzazione sul consumo di acqua del rubinetto, cofinanziando l’installazione di 9 ‘Sorgenti Urbane’ e 25 ‘Case dell’acqua’ in diversi Comuni serviti dal sistema idrico aziendale. Nel 2012 sono state attivate 6 sorgenti urbane e 7 case dell’acqua. Nel 2012 questi impianti hanno distribuito 6,2 milioni di litri di acqua corrispondenti a 4,4 milioni di bottiglie di plastica da 1,5 litri l’una. L’acqua erogata dalle sorgenti pubbliche proviene direttamente dalla rete acquedottistica e può essere refrigerata o gasata. Le fonti, inoltre, costituiscono un luogo di aggregazione pubblica utile a favorire la socializzazione ed il diffondersi delle buone pratiche civili.

I dipendenti Hera, già dal 2008, hanno contribuito al risparmio di plastica e alla tutela dell’ambiente: il progetto Hera2O, infatti, promuove l’uso dell’acqua di rubinetto attraverso erogatori installati nelle mense e negli uffici. Nel 2012 negli uffici aziendali sono state bevute 450.000 tonnellate di acqua di rubinetto, evitando la produzione di 650.000 bottiglie in PET, l’equivalente del risparmio energetico di circa 44 tonnellate di petrolio, 122 tonnellate di CO2 non immessa in ambiente e 430 cassonetti in meno da gestire. Questa buona pratica se applicata a livello nazionale consentirebbe di risparmiare circa 6 miliardi di bottiglie in plastica all’anno necessarie a contenere gli 11,3 miliardi di litri di acqua minerale consumati in Italia nel solo 2011.

Dal 2005 al 2012 la percentuale di cittadini che beve l’acqua del rubinetto (esclusivamente oppure assieme alla minerale) è cresciuta sensibilmente passando dal 47% al 54%. Secondo una ricerca svolta dall’azienda nel 2012 il 33% degli utenti intervistati beveva solo acqua del rubinetto mentre il 21% la accompagnava alla minerale. Preferire l’acqua di rubinetto genera vantaggi economici e ambientali. Nel 2012 il costo di 1.000 litri d’acqua del rubinetto era di 1,62 euro, mentre l’equivalente quantitativo d’acqua in bottiglia costava 300 euro.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

agosto 20, 2018

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

Cresce il numero di imprenditori agricoli che vogliono aderire al progetto promosso dalle aziende Garbini, Loccioni e Fileni con l’obiettivo di preservare la fertilità e la bellezza delle valli marchigiane recuperando antichi saperi, da unire a nuove tecnologie, per creare filiere sostenibili e un’economia circolare a vantaggio delle aziende, delle comunità locali e dei consumatori. La [...]

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende