Home » Comunicati Stampa »Progetti » PEF: in Emilia Romagna le prime produzioni ad impatto ambientale calcolato e certificato:

PEF: in Emilia Romagna le prime produzioni ad impatto ambientale calcolato e certificato

settembre 15, 2014 Comunicati Stampa, Progetti

Cos’hanno in comune la passata, la polpa e il concentrato ricavati dal pomodoro e le scarpe da donna decolleté? Saranno le prime produzioni delle quali, in Emilia Romagna, verrà calcolato l’impatto ambientale applicando la PEF (Product Environmental Footprint), la nuova metodologia europea per il calcolo dell’impronta ambientale di prodotti e servizi.  Due importanti distretti produttivi dell’Emilia, quello del pomodoro del Nord Italia e quello calzaturiero di San Mauro Pascoli (FC) sono infatti coinvolti nel progetto LIFE PREFER “PRoduct Environmental Footprint Enhanced by Regions”, nel cui ambito ERVET – la società “in house” della Regione Emilia-Romagna che opera come agenzia di sviluppo territoriale a supporto della Regione – promuove l’applicazione della PEF.

Le sperimentazioni prevedono l’analisi del ciclo di vita dei prodotti caratterizzanti i distretti e la creazione di metodi semplificati per l’adozione della PEF nelle imprese. L’obiettivo è la diffusione di strumenti di qualificazione ambientale che consentano di coniugare il miglioramento delle prestazioni ambientali dei prodotti e la competitività dei territori e delle aziende. La PEF permette di comunicare le caratteristiche di prodotti e servizi in termini, ad esempio, di impatti su consumi idrici, energetici ed emissioni serra.

L’Emilia-Romagna, del resto, è già oggi leader in Italia per le certificazioni ambientali di prodotto. A luglio 2014 i prodotti/servizi con marchio EPD erano 70, su un totale nazionale di 176, prima regione italiana. In Emilia- Romagna le 70 EPD sono relative ai seguenti settori produttivi: 61 nel settore Alimentare e bevande (pasta, biscotti, salsa, pasti preparati, acqua minerale, latte); 4 nel settore della Gomma, plastica, vetro e chimica (finestre, tegole in calcestruzzo e cemento, fertilizzanti); 3 EPD ai Servizi (rispettivamente 1 per la gestione dei rifiuti speciali e 1 per i servizi di pulizia e 1 per i servizi di pasti alimentari preparati); 2 nel settore del Legno e carta.

L’Emilia-Romagna è inltre la terza regione italiana per numero di licenze Ecolabel: 25 su 307. Le licenze riguardano: Coperture dure per pavimenti (12), Servizi di ricettività turistica (5), Detergenti multiuso (3), Detersivi per piatti (2), Campeggi (1), Saponi, shampoo, balsami (1) e Prodotti vernicianti per interni/esterni (1).

Il progetto PREFER ha un valore di circa 1,5 milioni di euro e una durata fino a dicembre 2016. Oltre ad ERVET, la partnership di progetto è composta da Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa (capofila), CENTROCOT di Busto Arsizio, Consorzio per la tutela dell’Asti, Distretto Industriale Agroalimentare Nocera Gragnano e Regione Lombardia.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende