Home » Comunicati Stampa »Pratiche » In Italia la prima scuola materna certificata LEED Platinum:

In Italia la prima scuola materna certificata LEED Platinum

maggio 20, 2013 Comunicati Stampa, Pratiche

La scuola materna Paolo Crosara di San Bonifacio (Verona) è il primo edificio di questo tipo a ottenere la certificazione LEED Platinum. La scuola ha conseguito il marchio secondo lo standard “LEED Italia Nuove Costruzioni e Ristrutturazioni 2009″, con un punteggio di 85 punti su 110. Si tratta di una ristrutturazione e riqualificazione di un centro polifunzionale già esistente, che è stato abbattuto e ricostruito.

L’aspetto è sostanzialmente rimasto inalterato ma l’aspetto esterno ha una “composizione” decisamente più innovativa. La struttura è completamente in legno e si sviluppa su due piani per 1.600 mq complessivi con 5 sezioni: salone, zona pranzo, dormitorio e cucina.
L’edificio è stato inserito tra i 10 migliori progetti dall’Ance ed è dotato dei più moderni sistemi impiantistici. E’ stato realizzato con l’obiettivo di ridurre al minimo l’impatto ambientale, massimizzando l’efficienza energetica e riducendo i consumi.

La certificazione è stata raggiunta con 85 punti su 110 raggiungibili. In particolare nell’area Sustainable Sites, che riguarda soluzioni progettuali e costruttive a minimo impatto ambientale, sono stati raggiunti 22 punti su 26, nell’area Water Efficiency (Gestione efficiente delle acque) 8 su 10, nell’area Energy and Atmosphere (energia e qualità dell’aria) 33 su 35, nell’area Materials and Resources (materiali e risorse) 4 su 14. Ancora, nell’area Indoor Environmental Quality (qualità degli ambienti interni) 9 su 15 e nell’area Innovation in Design (Innovazione nella progettazione) 5 su 6. Infine nell’area Regional Priority (priorità regionale) è stato raggiunto il massimo punteggio di 4 punti su 4.

Il risultato dei punteggi raggiunti nelle diverse categorie dimostra che l’edificio ha notevoli caratteristiche prestazionali in diversi campi e che le scelte progettuali e costruttive di elevato livello qualitativo, quali ad esempio il sistema di raccolta di acque meteoriche riutilizzate per l’irrigazione di aree verdi e per i WC, le elevate prestazioni energetiche (grazie all’impianto fotovoltaico, all’impianto di pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria, agli impianti di riscaldamento a pannelli radianti), la scelta di materiali e prodotti da costruzione estratti e prodotti localmente e le elevate prestazione acustiche e di qualità ambientale interna (macchine di trattamento aria ad alta efficienza e sistemi di regolazione automatica) hanno portato a realizzare un edificio non solo con punte di eccellenza, ma sostenibile sotto tutti i punti di vista.
L’impianto di illuminazione dei locali è dotato di fotocellule che impostano il livello di luminosità in funzione della luce naturale esterna abbinati a sensori che attivano l’impianto solo in presenza di persone.

Il costo di costruzione stimato dalla Committenza risulta pari a 1.600 euro/mq, l’introduzione della certificazione LEED ha lievemente aumentato il budget iniziale, ma in percentuale inferiore all’1% rispetto al costo totale. La qualità degli ambienti e dell’edificio è garantita e in ogni caso i costi relativi vengono ricompensati in pochi anni grazie alla riduzione del consumo di energia.

“Questo edificio rappresenta il primo caso di LEED Italia che raggiunge il massimo livello di certificazione (Platinum) – dichiara Mario Zoccatelli, presidente di GBC Italia – e dimostra come la qualità dell’edilizia scolastica possa essere raggiunta senza eccessivi costi e con riscontri oggettivi di sostenibilità ambientale riconosciuti a livello internazionale. L’amministrazione pubblica si è dimostrata lungimirante poiché ha favorito un’operazione di qualità per l’ambiente, per la comunità, ma anche per le imprese”.

Attualmente in Italia vi sono 37 progetti che hanno già conseguito la certificazione LEED mentre sono 151 i progetti ancora in fase di certificazione. Tra il totale dei progetti si contano 26 progetti (3 già certificati e 23 ancora in fase di certificazione) LEED Italia, il protocollo più autorevole nel mondo trasposto al contesto italiano. Dal 14 aprile 2010, data di presentazione del protocollo, tutte le nuove costruzioni e le grandi ristrutturazioni che intendono certificare con LEED possono, attraverso LEED Italia, usufruire di molteplici benefici tra cui il manuale e la modulistica in italiano con riferimenti normativi al contesto italiano ed europeo. Questo è un altro importante risultato che si annovera tra quelli già ottenuti in precedenza e che verrà presto seguito da altre certificazioni poiché il numero di progetti LEED in Italia continua a crescere.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende