Home » Comunicati Stampa »Progetti » In Norvegia data center alimentati a energia idroelettrica:

In Norvegia data center alimentati a energia idroelettrica

ottobre 23, 2014 Comunicati Stampa, Progetti

Schneider Electric, gruppo specializzato a livello globale nella gestione dell’energia, ha lavorato con Green Mountain As per costruire quello che oggi è considerato il Data Center più “green” del mondo. Utilizza per il condizionamento in free-cooling l’acqua del fiordo su cui si affaccia e si alimenta al 100% con energia idroelettrica, rinnovabile e a basso costo. Schneider Electric si è occupata di tutta l’infrastruttura IT per il progetto. Il Green Mountain Data Center è un data center Tier III+, carrier neutral ad elevata sicurezza, che si trova a Rennesøy, nei pressi della città di Stavenger, la “capitale del petrolio” situata sulla costa occidentale della Norvegia. Un secondo data center è stato costruito anche a Rjukan, una storica città industriale nell’entroterra norvegese, nota anche come “la città in cui d’inverno il sole non splende mai”.

Una superficie di 21.000 metri quadrati, incastonata nel profondo di una montagna all’interno di un deposito munizioni NATO ad alta sicurezza attualmente in disuso, è il luogo in cui si trova il data center di Rennesøy. Il fiordo adiacente offre l’opportunità di realizzare un sistema di condizionamento efficiente e naturale – rendendo la struttura unica al mondo. Il sito è composto da sei sale, che si raggiungono attraversando dei tunnel di 100 metri scavati all’interno della montagna. L’elevata sicurezza del luogo è garantita, ed il data center è stato costruito rispettando standard di alto livello e in conformità con i requisiti Uptime Tier III – e per molti aspetti anche in conformità ai requisiti di livello Tier IV. La struttura è attualmente in corso di certificazione (Uptime Certification). L’energia elettrica è generata da vari impianti idroelettrici – sfruttando una risorsa naturale e rinnovabile che per i norvegesi è di ovvio uso, mentre nel resto del mondo è considerata “un lusso”.  Inoltre, Schneider Electric e Green Mountain AS hanno progettato un sistema di condizionamento che usa la forza di gravità per portare l’acqua fredda del fiordo all’impianto di condizionamento del data center senza alcun utilizzo di energia.

La quantità di dati utilizzata nel mondo si raddoppia ogni due anni, e l’attività dei data center attualmente è responsabile del 2% delle emissioni globali di anidride carbonica. Siamo felici e orgogliosi di aver contribuito a questo progetto innovativo, che promuove la sostenibilità”, spiega Arild Bjørkedal, Vice President End User/ITB & Energy, Schneider Electric.

Green Mountain Rjukan Schneider Electric e Green Mountain AS hanno recentemente progettato e costruito un secondo data center, che rispecchia le caratteristiche del sito di Rennesøy. Il nuovo data center di Rjukan, una famosa e storica zona industriale della regione del Telemark, nel centro della Norvegia, è stato terminato in anticipo sui tempi di consegna. Iniziato a dicembre 2013, è già in funzione. Rjukan è conosciuta come “la città in cui d’inverno il sole non splende mai” ed è famosa per la sua eredità storica industriale.Come il data center Green Mountain di Rennesøy, la struttura è alimentata interamente con energia idroelettrica. Due delle stazioni idroelettriche si trovano a poche centinaia di metri di distanza, il che rende ancora più affidabile la continuità di alimentazione. “Il sito di Rjukan è stato scelto soprattutto per la disponibilità di fonti energetiche sostenibili e per la possibilità di utilizzare il free cooling. Siamo entusiasti di aver contribuito a rinnovare la storica tradizione industriale di questa zona con il nostro lavoro”, ha commentato Knut Molaug, CEO of Green Mountain AS.

La Norvegia ha tutte le caratteristiche per ospitare i data center più sostenibili del mondo. Il 98,5% dell’energia elettrica è energia idroelettrica, e la sostenibilità è un valore fondamentale nel paese. E’ il più grande produttore di energia idroelettrica in Europa ed è nota per la sua stabilità politica, efficienza amministrativa, qualità normativa e legislativa, controllo della corruzione e stabilità finanziaria. “Vogliamo essere un operatore data center importante e all’avanguardia sul mercato Europeo e lo stiamo facendo anche grazie all’aiuto di Schneider Electric” ha dichiarato Molaug.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende