Home » Aziende »Comunicati Stampa »Eventi »Pratiche » ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito:

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

Lights on sustainability è il nome dell’evento organizzato venerdì 14 luglio, a Roma, dal gruppo bancario ING Italia per celebrare i suoi dieci anni di impegno nel settore delle energie rinnovabili e per tracciare uno scenario dei principali trend della green economy e della sostenibilità, a livello globale e con un focus sull’Italia.

La divisione wholesale banking della banca, che dal 2007 opera con un team dedicato ai finanziamenti alle società produttrici di energie rinnovabili (eolica e solare), nell’arco di dieci anni ha infatti raggiunto una significativa esposizione verso il settore, per circa 600 milioni di euro.

Ma le prospettive sembrano incoraggianti anche per il futuro, nonostante il perdurare della crisi. Durante la serata romana la Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile ha fornito numeri e scenari presentando la “Relazione sullo stato della green economy 2016 – Outlook sull’Italia per il 2017”, uno studio che ha comparato le performance di green economy delle principali economie europee (Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito).

Dalla ricerca è emerso che a livello globale, da diversi anni, sono in corso trend positivi che coinvolgono, in particolare, il settore elettrico. Nel 2016 infatti – secondo i dati di Bloomberg New Energy Finance - la nuova potenza installata da fonti rinnovabili nel mondo ha superato quella da fonti fossili, con il 55% della nuova capacità globale, mentre appena dieci anni fa non raggiungeva neppure il 20%!

L’Italia, a sorpresa, ha mostrato nel complesso le migliori performance, posizionandosi al primo posto davanti a Germania e Regno Unito. In particolare, si sono distinti i settori delle rinnovabili, della gestione dei rifiuti/economia circolare e della produzione agroalimentare di qualità. L’Italia, tuttavia, registra una inadeguata “percezione green” a livello internazionale su esperti e decision makers, posizionandosi solo al 29° posto tra 80 Paesi, mentre in termini di performance effettive, guadagna la 15° posizione, secondo il Global Green Economy Index di Dual Citizen. In particolare, l’Italia sconta un deficit importante su alcuni aspetti specifici, tra cui la leadership e il cambiamento climatico, nonostante i risultati raggiunti siano buoni. Al contrario, Paesi come la Germania registrano livelli di percezione green migliori delle performance realmente raggiunte.

Tra l’altro, nonostante il rallentamento registrato nel settore dalle rinnovabili dal 2013, l’Italia è l’unica grande economia europea ad aver raggiunto con cinque anni di anticipo il target 2020. Secondo Eurostat, infatti, nel 2015 in Italia il 17,5% dei consumi di energia era già coperto da rinnovabili, un valore più alto di quelli registrati in Francia, Germania e Regno Unito. Anche sull’efficienza energetica l’Italia presenta prestazioni interessanti, con una intensità energetica del PIL seconda solo a quella del Regno Unito, anche grazie a condizioni climatiche e a una struttura economica certamente favorevoli.

Infine, continua a crescere il coinvolgimento nella green economy del settore creditizio e della finanza, un comparto dell’economia particolare, con una naturale propensione a valutare le proprie strategie andando oltre il breve e medio termine e quindi propenso a ridurre l’esposizione ai rischi legati al cambiamento climatico, inclusi quelli connessi ad investimenti su tecnologie altamente inquinanti.

In quest’ottica, anche ING – sia in Italia che a livello globale – si sta impegnando a finanziare un’economia più sostenibile, contribuendo allo sviluppo di progetti che accelerino la transizione dei clienti corporate verso una maggiore sostenibilità del proprio business e supportando quei soggetti che sviluppano soluzioni alle sfide poste dal contesto sociale e ambientale.

Nel settore solare fotovoltaico, per esempio, l’esposizione della divisione wholesale banking di ING Italia attraverso il dipartimento Structured Finance è decuplicata dal 2011, anno del primo deal, arrivando a sfiorare nel 2016 i 200 milioni di euro di commitment. ll consolidamento della leadership nel settore delle energie rinnovabili ha permesso a ING di esplorare nuovi territori in cui la sostenibilità è diventata negli anni una priorità come, ad esempio, il Real Estate Finance. Alla fine del 2016, l’esposizione complessiva dell’area Sustainable Real Estate Financing in Italia ammontava a 520 milioni di euro, corrispondente al 30% del portafoglio complessivo.

Numerosi deal conclusi dai dipartimenti Structured Finance e Real Estate Finance Italia sono entrati a far parte del portafoglio originale dell’ING Green Bond e l’esperienza italiana è stata esportata in numerosi paesi del network di ING dove sono state effettuate operazioni simili. I risultati di ING nel campo della sostenibilità a livello globale sono inoltre confermati dall’inserimento del gruppo ai primi posti delle classifiche di settore: nel 2016, ING ha guadagnato il primo posto, su 395 banche quotate considerate, nella classifica elaborata da Sustainalytics, leader nelle ricerche sulla sostenibilità, e ha ottenuto il punteggio di 90 su 100 nel Dow Jones Sustainability Index (DJSI), contro un punteggio medio del settore pari a 61.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende