Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche » Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro:

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017 Aziende, Comunicati Stampa, Pratiche

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”.

L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il finanziamento di progetti dedicati alle energie rinnovabili e all’efficienza energetica. Intesa Sanpaolo redigerà un “Green Bond Report” annuale sui vari progetti che verranno finanziati e fino alla scadenza del titolo, tra cinque anni, verrà elaborata una speciale reportistica che traccerà i benefici ambientali di ogni progetto finanziato dal Green Bond.

Il collocamento si inserisce in un più ampio piano della Banca a favore dell’ambiente, che conta numerose iniziative di “finanza sostenibile“, lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi e il finanziamento di progetti in tema di energie rinnovabili ed efficienza energetica. Nel 2016 le erogazioni in questo ambito sono state infatti pari a circa 1,7 miliardi di euro – circa 3,9 miliardi di euro nell’ultimo triennio.

In sede di erogazione del credito la Banca effettua una adeguata considerazione dei rischi ambientali tramite lo screening degli Equator Principles e il processo di valutazione interna del credito. A supporto della rete com­merciale del Gruppo, offre inoltre una consulenza specializzata, tramite il “Desk Energy” di Mediocredito Italiano, con analisi dei progetti nel settore delle energie rinnovabili. Il programma Intesa Sanpaolo Start Up Initiative promuove infine iniziative imprenditoriali ad alto contenuto tecnologico, con una particolare attenzione ai settori delle clean tech e della circular economy.

Questi impegni hanno consentito a Intesa Sanpaolo di ricevere diversi riconoscimenti internazionali, tra cui l’inclusione in numerosi indici di sostenibilità (come il Dow Jones Sustainability e la “A List” del Carbon Disclosure Project) e nella classifica di Newsweek Green Rankings 2016. Secondo la classifica di Corporate Knights, Intesa Sanpaolo si è classificata al 20° posto tra le società più sostenibili al mondo, primo Gruppo italiano.  Alla Banca è stato inoltre assegnato il premio “Industry Carbon Leader 2016” da parte di ET Index Research.

Per gli impatti diretti sull’ambiente derivanti dall’operatività della Banca, la riduzione delle emissioni di CO2 riveste da tempo un ruolo importante nelle scelte adottate dall’azienda. A tale scopo è stato implementato un Sistema di Gestione Ambientale certificato con l’istituzione delle figure dell’Energy Manager e del Mobility Manager. Le spese per la gestione dell’ambiente negli anni hanno sempre rappresentato un trend in crescita, unite ad una serie di azioni preventive e di formazione professionale.

Gli interventi di tagli degli sprechi, grazie ad una attenta gestione degli impianti, e la ri­cerca di soluzioni impiantistiche di maggiore efficienza hanno portato a una riduzione delle emissioni di circa il 10% nel 2016 e di oltre il 55% da fine 2008, come documentato nel Rapporto di Sostenibilità 2016.

Circa il 97% dell’energia elet­trica utilizzata dalle strutture italiane di Intesa Sanpaolo proviene da fonti rinnovabili, certificate con Garanzia di Origine, e da impianti di autoproduzione da fotovoltaico (a Moncalieri, Settimo Torinese e Sarmeola di Rubano) per oltre 1.000 MWh.

La Banca ha inoltre ottenuto la certificazione ai sensi della normativa UNI EN ISO 14064 sulle emissioni di gas ad effetto serra di oltre 200 siti, quantificando e rendicontando annualmente le proprie emissioni derivanti da produzione e consumo di energia termica, consumo di energia elettrica, impianti di condizionamento, consumo di carta, combustibili utilizzati dalla flotta di autovetture aziendali e gestione dei rifiuti speciali. Sempre nel 2016 la Banca ungherese CIB Bank (parte del Gruppo) ha ottenuto la certificazione ISO 50001 per tutti i suoi 85 siti.

Nello stesso anno, grazie al programma di dematerializzazione, la Banca ha conseguito un risparmio di circa 2.700 tonnellate di carta, di cui l’89% acquistato è stata carta ecologica, con minori emissioni di CO2 per oltre 4.300 tonnellate.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende