Home » Comunicati Stampa »Rassegna Stampa » Costruire con LEED: investire il 2% per guadagnare il 27%:

Costruire con LEED: investire il 2% per guadagnare il 27%

Costruire “verde” costa mediamente il 2% in più, ma permette fin da subito di risparmiare in media fra il 30 e il 40% di energia nella gestione degli edifici.

E’ uno dei dati presentati da Habitech – Distretto Tecnologico Trentino, intervenuto anche quest’anno ad EIRE 2011 - Expo Italian Real Estate, la principale manifestazione immobiliare italiana che si è svolta a Milano dal 7 al 9 giugno.

La proposta di Habitech ad EIRE si è strutturata attorno a tre temi intrecciati fra loro: la gestione sostenibile del patrimonio esistente; la riqualificazione e lo sviluppo di aree e quartieri sostenibili; i costi e benefici di LEED.

Il consorzio, che è stato promotore del GBC Italia, continua infatti ad essere fortemente impegnato nella diffusione dello standard LEED, che ad oggi è, a livello internazionale, il metro di misura della sostenibilità degli edifici maggiormente diffuso.

L’analisi di quasi 150 casi di nuove costruzioni eseguite nel mondo rispettando i requisiti LEED ha mostrato come in media vi sia un aumento dei costi di edificazione del 2%. Questa statistica è stata rispettata anche in Italia, dove un’indagine Habitech ha mostrato che l’aumento dei costi su 35 progetti LEED si è attestato solamente fra l’1 e il 2%.

L’aumento reale dei costi è significativamente inferiore rispetto a ciò che ci si attende. In media, infatti, si crede erroneamente che questi debbano crescere del 17-18%.

I vantaggi economici sono invece immediati, e non si traducono solamente in un risparmio significativo nella gestione degli edifici, ma anche in un aumento importante del loro valore. I valori di vendita al metro quadrato delle unità immobiliari crescono infatti mediamente del 27%, mentre quelli delle locazioni dell’11%.

La certificazione LEED non valuta solamente l’aspetto energetico della gestione dell’edificio, ma anche quello del suo impatto complessivo dal punto di vista ambientale e sociale a partire dalla vivibilità, e questo spiega la propensione dell’utenza a corrispondere canoni di affitto più elevati.

Gli incrementi di costo nella progettazione LEED tendono invece ad essere più elevati quando gli interventi avvengono in corso d’opera, ed è per questo che i tecnici di Habitech sottolineano l’importanza di applicare fin dall’inizio del progetto le specifiche LEED e la metodologia della progettazione integrata.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende