Home » Comunicati Stampa »Eventi »Smart City » Investire nell’innovazione urbana: a Napoli si apre Smart City MED:

Investire nell’innovazione urbana: a Napoli si apre Smart City MED

Dalla nuova programmazione europea affluiranno alle città italiane circa 5 miliardi di euro. Una grande opportunità da cogliere, una sfida che non si può perdere. Da qui nasce l’idea di realizzare Smart City MED, la manifestazione organizzata a Napoli dal 27 al 29 marzo da FORUM PA, forte dell’esperienza internazionale di Smart City Exhibition e del percorso avviato con l’Osservatorio Nazionale Smart City dell’ANCI.

Un’occasione importante per le città del Mezzogiorno che – come dimostra la ricerca I-city rate 2013 – hanno enormi potenzialità di crescita. “Come l’anno scorso – spiega Gianni Dominici Direttore di FORUM PA – la prima città del Sud in classifica è Cagliari, che si posiziona al 47esimo posto fra i capoluoghi di provincia Italiani. Seguono Lecce (52esima) e Bari (59esima>). Fanalino di coda della classifica generale sono, ancora una volta, Siracusa, Crotone, Enna e Caltanissetta. C’è quindi ancora molta strada da fare e il cammino verso la Smart City per i nostri territori è ancora pieno di ostacoli”.

Per parlare di innovazione, però, occorre andare sul territorio. E’ lì che si riesce a creare il giusto mix tra modello strutturato emergente, asset territoriali e bisogni della comunità necessario a produrre innovazione efficace. La tre giorni di Napoli, che si svolgerà in contemporanea con la VII edizione di Energy Med sarà proprio questo: la declinazione della Smart City nel contesto del nostro Mezzogiorno. Tanti gli appuntamenti in programma dal monitoraggio dei progetti finanziati dal primo bando Smart City and Commuities, al nuovo ciclo di programmazione europea 2014-2020; dal progetto di riqualificazione dei Siti di Interesse Nazionale (Taranto, Napoli Orientale, Napoli Bagnoli, Crotone, Gela, Priolo, Milazzo) su cui sono stati appena stanziati 90 milioni di euro, alle nuove forme di finanziamento pubblico/privato; fino alla valorizzazione del turismo sostenibile e della cultura come punti di forza su cui puntare insieme all’agenda digitale.

In particolare il pomeriggio di giovedì 27 marzo vedrà riunite le città che fanno parte dell’Osservatorio Nazionale Smart City in un seminario in cui sarà presentata in anteprima la call di assistenza tecnica del Progetto EPAS, del Dipartimento per gli Affari Regionali attuato da Studiare Sviluppo. Un vero e proprio bando dedicato ai comuni delle Regioni dell’Obiettivo Convergenza (Sicilia, Campania, Calabria e Puglia). I comuni o le associazioni di comuni vincitori verranno seguite nel percorso di pianificazione finanziaria della città.

Ampia rilevanza all’evento è stata data dalla politica, sia nazionale – con l’intervento del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti al convegno inaugurale e del Vice Presidente della Camera Luigi Di Maio nella giornata conclusiva – sia locale. Oltre al Sindaco di Napoli Luigi de Magistris e al presidente della Regione Campania Stefano Caldoro sono decine, infatti, gli interventi di rappresentanti delle città del Sud, previsti nell’arco dei tre giorni.

“L’innovazione nelle città – afferma Tommaso Sodano, vicesindaco di Napoli con la delega alla Smart City – può far uscire dalla crisi un Paese più forte e competitivo e può promuovere una ripresa economica che offra buon lavoro ai giovani e a quanti sono stati estromessi dal mondo produttivo. Il Comune di Napoli, co-promotore dell’evento, si pone come centro di raccordo rispetto agli attori significativi e alle “eccellenze” delle città, ospitando Smart City MED, che sarà una utile occasione di lavoro, di aggiornamento, di formazione”.

Con la programmazione europea 2014-2020 – ha sottolineato nel corso della conferenza stampa di presentazione il Presidente di FORUM PA Carlo Mochi Sismondiarriveranno sulle nostre aree urbane meridionali una montagna di soldi: sempre se sapremo immaginare e progettare innovazioni possibili. L’esperienza della passata programmazione non è certo brillante, nonostante le accelerazioni di questi ultimi due anni, possiamo e dobbiamo far meglio. Ma possiamo riuscirci solo se amministrazioni, aziende, mondo della ricerca, terzo settore e cittadinanza attiva sapranno lavorare assieme. Smart City MED si propone proprio questo obiettivo”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende