Home » Aziende »Comunicati Stampa »Pratiche » Ismea: ad aprile meno 6% sui prezzi agricoli:

Ismea: ad aprile meno 6% sui prezzi agricoli

maggio 16, 2013 Aziende, Comunicati Stampa, Pratiche

Indietro tutta ad aprile per i prezzi agricoli, che cedono il 6,2% su base mensile. Le coltivazioni perdono rispetto a marzo l’11,6%, mentre limitano i ribassi a un meno 1,2% le produzioni zootecniche. Lo rileva l’Ismea sulla base dell’indice dei prezzi all’origine dei prodotti agricoli, che si è attestato il mese scorso a 135, da 143,9 di marzo (base 2000=100). Un livello che resta comunque superiore del 7,8% al dato di aprile 2012.

Tra le coltivazioni arretrano tutti i comparti produttivi, ad eccezione dei cereali, che spuntano un più 1,3% in un mese, e delle sementi e colture industriali, stazionarie rispetto a marzo. Particolarmente rilevante il calo degli ortaggi (-32,3%) a seguito dei ribassi delle ortive in serra,  penalizzate dall’aumento delle disponibilità e dalla caduta dei listini delle varietà invernali, giunte ormai a fine ciclo produttivo e divenute meno attrattive per i consumatori.

Per la frutta Ismea rileva ad aprile un calo dei prezzi all’origine del 7,8%, riconducibile soprattutto al comparto agrumicolo e al cambio stagionale del paniere monitorato dall’Istituto. Modeste flessioni, per il secondo mese consecutivo, interessano gli oli di oliva ( -0,7%), dopo un avvio di 2013 decisamente favorevole. Anche il vino segna il passo ad aprile, con un meno 0,8% giunto dopo una serie ininterrotta di rialzi dall’inizio della campagna 2011/2012.

Nonostante i ribassi mensili, per le colture vegetali il confronto annuo conferma un andamento positivo (+12,5%), con rincari particolarmente evidenti per oli di oliva (+37,6%), vini (+25,4%) e frutta (+24,3%). Prezzi più alti rispetto ad aprile 2012 anche per cereali (+7,2%), sementi e colture industriali (+9,1%) e ortaggi in generale (+0,7%).

Passando al comparto zootecnico, Ismea rileva incrementi mensili solo per i lattiero-caseari (+0,4%) e gli avicoli (+2,3%).  Flettono del 7,7% sia le quotazioni degli ovicaprini sia quelle dei suini, con questi ultimi influenzati dai ribassi dei capi da macello imputabili a un rallentamento della domanda. Cali più contenuti interessano uova (-3,8%), bovini (-0,4%) e conigli (-0,5%). La dinamica tendenziale rivela una variazione positiva del 2,5% per l’intero aggregato zootecnico, con rincari per avicoli (+17%), latte e derivati (+1,7%), bovini (+4,2%) e conigli (+11%). Negativo su base annua l’andamento dei prezzi per suini (-1,4%), ovi caprini (-11,4%) e uova (-6,5%).

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende