Home » Comunicati Stampa » Italians drive green:

Italians drive green

aprile 8, 2011 Comunicati Stampa

In un’Italia che si posiziona ai primi posti in Europa per tasso di motorizzazione, con 61 auto ogni 100 abitanti, i dati statistici rilevano un crescente interesse per le auto ecologiche.  Non a caso, come risulta dallo studio condotto dalla società Deloitte, il 74% degli italiani si dichiara orientato, ora più che mai, all’acquisto di un veicolo “verde”, in ragione dei nuovi rincari dei carburanti, del recente disastro nucleare e della crisi libica che sta interessando anche la nostra penisola.

Il network internazionale di automobile.it, mobile.international, registra una sempre maggiore richiesta di auto ecologiche: nel resto d’Europa, infatti, la corsa alle green car ha già avuto inizio e la Germania si assesta in pole position con 80 milioni di incentivi statali e colonnine elettriche agli angoli delle strade di Berlino. L’auspicio di automobile.it è che l’illustre esempio tedesco possa fare sempre più proseliti anche tra gli italiani attenti all’impatto ambientale.

Il vero limite è che c’è ancora chi guarda con scetticismo alla mobilità sostenibile, tanto è vero che la percentuale di auto elettriche o alimentate con combustibili alternativi è ferma in Italia al 4%; dato, questo, attribuibile in buona parte alle carenti agevolazioni statali, alla scarsa capillarità del sistema di rifornimento ealla difficoltà di reperimento di concessionarie specializzate nel settore green.

automobile.it, piattaforma di annunci online per la compravendita di auto, moto, camper, nuovi e usati, presenta una vetrina di migliaia di auto Euro 4 ed Euro 5, elettriche, ibride, a idrogeno, a gas metano o Gpl, tra le quali segnala Tesla Roadster, Lexus CT 200h, FIAT 500 TwinAir, Toyota Prius, e, per gli amanti del lusso, la Mercedes S 400 HYBRID e la Porsche Panamera S Hybrid. E per chi volesse scegliere da sé, ecco alcune indicazioni da tenere a mente:

Un’”auto ecologica”:

  • reca nella parte posteriore la scritta “ecologica” e sul libretto l’indicazione “Euro 4” o “Euro 5”;
  • utilizza fonti di energia pulite invece dei combustibili fossili;
  • è silenziosa;
  • viene realizzata con materiali più leggeri;
  • quando elettrica, è dotata di batterie a ioni di litio ricaricabili comodamente a casa o presso apposite colonnine per strada.

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende