Home » Comunicati Stampa »Prodotti »Servizi » ITAS propone “Habitas green”, la polizza assicurativa per edifici in bioedilizia e ad alta efficienza energetica:

ITAS propone “Habitas green”, la polizza assicurativa per edifici in bioedilizia e ad alta efficienza energetica

Negli ultimi anni le famiglie italiane hanno investito quasi 28 miliardi di euro per ridurre gli sprechi e rendere più efficienti le proprie case (+12% nel 2016), realizzando 2,5 milioni di interventi di riqualificazione energetica in meno di dieci anni, tra il 2007 e il 2015. È quanto emerge dall’ultimo Rapporto sull’Efficienza Energetica (RAEE) dell’ENEA, l’agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

Avere una casa energeticamente più efficiente e a minor impatto ambientale oggi significa però affrontare un investimento importante, che dovrebbe essere tutelato attraverso strumenti su misura. Per questo, per promuovere e tutelare la cultura dell’efficienza energetica anche nel mercato assicurativo, ITAS, la Compagnia Mutua Assicuratrice più antica d’Italia, a seguito della partnership con CasaClima, l’agenzia per l’energia dell’Alto Adige, ha ideato Habitas Green, la polizza pensata per proteggere in maniera specifica gli edifici certificati CasaClima e quelli realizzati con forme di edilizia sostenibile.

“Se è vero che ogni casa ha le sue peculiari caratteristiche strutturali, costruttive e impiantistiche, questo vale ancora di più le case green energeticamente efficienti poiché sono costruite con materiali particolari e tecnologie costruttive all’avanguardia che meritano di essere tutelate con garanzie specifiche e dedicate”, commenta Ermanno Grassi, Direttore Generale del Gruppo ITAS. “Sulla base di queste peculiarità, ITAS ha sviluppato una risposta assicurativa coerente alle moderne esigenze di costruttori e proprietari”.

Una casa costruita, ad esempio, secondo i criteri di bioedilizia è un’abitazione realizzata utilizzando materiali naturali, con bassissimo impatto ambientale, in grado di assicurare salubrità dello spazio abitativo, un’alta efficienza energetica, un abbattimento dei consumi e una conseguente riduzione dei costi per coprire i principali fabbisogni energetici (riscaldamento, climatizzazione, illuminazione).

Dopo un periodo di forte penalizzazione per chi adottava tecniche costruttive ecologiche, molte compagnie assicurative hanno immesso sul mercato polizze adattabili anche alle costruzioni in legno e alle quelle in bioedilizia, ma spesso senza fare una vera distinzione o valutazioni ad hoc sui reali rischi che ogni specifica tecnologia edilizia comportava. Tuttavia, la sostenibilità conta poco senza la sicurezza, per questo si rivela necessario, secondo ITAS, considerare la “casa sostenibile” come una categoria a parte, degna di più attenzione rispetto all’edilizia convenzionale.

La nascita di Habitas Green è stata preceduta da uno studio del Master “CasaClima” della Libera Università di Bolzano, promosso da ITAS in stretta collaborazione con l’Agenzia CasaClima. L’analisi effettuata si è occupata di indagare le caratteristiche dei materiali comunemente utilizzati nella costruzione di edifici in bioedilizia ad alta efficienza energetica (come pannelli termo-fonoisolanti in materiali sintetici e naturali come fibra di legno o sughero, rotoli di lana di pecora o fibra tessile riciclata), identificando così le principali cause di sinistro ad essi collegati. Le informazioni acquisite si sono basate su statistiche nazionali, colloqui con i Vigili del Fuoco di Trento e Bolzano e dati diretti forniti dalla Compagnia. Una volta messe insieme tutte queste informazioni, è emerso che il numero maggiore dei sinistri era connesso a danni all’impianto idrico (40%), seguiti da danni elettrici (28%) e da quelli atmosferici e relativi agli incendi.

Gli edifici ad elevata efficienza energetica e quelli in bioedilizia, in sostanza, non sono meno sicuri di quelli tradizionali, ma necessitano semplicemente di una maggiore attenzione nella progettazione e di una conoscenza più approfondita circa le tecniche costruttive utilizzate. A seguito dello studio dei materiali, per ogni edificio viene quindi studiata una polizza assicurativa ad hoc, elaborata dettagliatamente in collaborazione con esperti in tecnologia di materiali e tecnici ITAS. Grazie a questo approccio “tailor made”, la casa non è più concepita come un prodotto finito e preconfezionato, ma come un contenitore mutabile capace di adattarsi alle esigenze e ai cambiamenti di chi la abita.

La polizza proposta da ITAS si compone di quattro sezioni principali: Incendio, Furto, Responsabilità civile terzi e Tutela legale. Grazie alla formula “all risks” riportata nella sezione Incendio, si ha tutela assicurativa anche per tutti i danni che non sono stati espressamente esclusi per contratto. Infine, è prevista una copertura assicurativa per tutti quei danni non prevedibili, né quantificabili, legati alle caratteristiche costruttive dell’edificio che si vuole assicurare.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende