Home » Comunicati Stampa » Km 011: l’arte “sostenibile” a Torino:

Km 011: l’arte “sostenibile” a Torino

febbraio 11, 2011 Comunicati Stampa
come “chilometro zero”? La risposta è si se la mostra nasce per dimostrare che è possibile dar vita
ad un’esposizione di alto livello con un budget ridotto e attingendo esclusivamente alle risorse
artistiche del proprio territorio di riferimento.
“KM011 è una scommessa già vinta in partenza per il risultato raggiunto: dimostrare che possiamo
realizzare iniziative di qualità con risorse razionalizzate. Ecco perché ho accettato e condiviso la
proposta di Luca Beatrice – afferma l’Assessore alla Cultura della Regione Piemonte, Michele
Coppola. “Una sfida – quella di coniugare contenuti e investimenti, senza compromettere la qualità
del risultato – che un ente pubblico deve avere il coraggio di affrontare. In prima persona.”
Spiega l’Assessore: “Il grande merito di km011 è quello di far conoscere valorizzare le tante (e
talvolta dimenticate) eccellenze artistiche di questo territorio e di rivolgersi a un pubblico più vasto
possibile”.
E’ così che nasce KM011, la mostra-evento che inaugurerà domani 11 febbraio a Torino presso il
Museo Regionale di Scienze Naturali di via Giolitti 36, un progetto ideato da Luca Beatrice,
realizzato dalla Regione Piemonte, con la collaborazione del Teatro Stabile di Torino e l’Istituto
Europeo di Design di Torino, con il patrocinio dell’O.A.T. – l’Ordine degli Architetti della Provincia
di Torino – e il sostegno di FIP – Film Investimenti Piemonte – che intende raccontare al pubblico le
straordinarie contaminazioni tra arti visive, architettura, cinema, letteratura, che hanno
accompagnato la trasformazione di Torino dal 1995 a oggi, da città della grande industria a
capitale della cultura contemporanea.
Questo percorso comincia negli anni ’90: in uno dei decenni più difficili della sua storia, ma allo
stesso tempo un momento particolarmente creativo e stimolante, Torino rafforza la propria identità
di città laboratorio, incubatrice delle sperimentazioni, nucleo di attrazione per la cosiddetta “nuova
classe creativa”.
“KM011 vuole essere una mostra “a chilometro zero” – dichiara Luca Beatrice – dopo anni di
prestigiose vetrine internazionali che non hanno lasciato molto sul territorio. Negli ultimi anni Torino
si è data un limite: creare una fitta rete sistemica e museale senza investire né valorizzare a
sufficienza le ricchezze della produzione locale. Questa mostra intende fare proprio l’opposto,
dando spazio agli artisti locali e allo stesso tempo creando un humus favorevole per i numerosi
operatori che costituiscono oggi la spina dorsale del sistema artistico torinese e regionale.”.
Realizzata con un budget complessivo di 60mila euro, KM011 testimonia la possibilità di dar
vita in ambito culturale a processi economicamente sostenibili, basati sulla qualità
all’interno di un’economia virtuosa. In tale cifra è compreso anche l’allestimento della
mostra che sarà curato dal Teatro Stabile di Torino ed un ricco catalogo illustrato, di oltre
200 pagine, edito da Umberto Allemandi & C.
KM011 si snoda in quattro filoni tematici, arti visive, architettura, cinema, letteratura, con l’aggiunta
di due eventi speciali dedicati alla musica e alla moda.
Arti visive
La mostra comprende opere di pittura, arte concettuale, video, fotografia e tutti gli altri linguaggi
contemporanei prodotti dal 1995 al 2011, in un percorso tra le tre ultime generazioni di artisti, oggi
tra i 50 e i 20 anni circa. Il primo capitolo è incentrato sulla “rivoluzione figurativa”, pittorica e
fotografica, che prese il via già alla fine degli anni ’80 per svilupparsi nel decennio successivo,
protagonisti tra gli altri Daniele Galliano, Monica Carocci, Enrico De Paris, Bartolomeo
Migliore e Sergio Cascavilla. Nei maturi anni ’90 si afferma invece la sovrapposizione degli stili e
dei linguaggi, le opere risentono dell’ambientazione metropolitana, dell’intimismo domestico, della
teoria dei non luoghi. Gli artisti di questa sezione sono: Paolo Leonardo, Francesco Sena, Paolo
Grassino, Giulia Caira, Maura Banfo, Enrico Iuliano, Nicola Bolla, Nicus Lucà, Elisa
Gallenca, Saverio Todaro, Laura Viale, Valerio Berruti, CONIGLIOVIOLA, Fabio Viale, Chiara
Pirito, Francesca Forcella, Irina Novarese. Ulteriore sguardo è dedicato alle emergenze
contemporanee, al materiale magmatico e “in fieri” che domina il presente, rivelando una
straordinaria vivacità del panorama torinese. Significativa anche la presenza di “Street Artists”.
Diego Scroppo, Alessandro Gioiello, Alfredo Aceto, Nadir Valente, Guglielmo Castelli, Maya
Quattropani, Michelangelo Castagnotto, Daniele Ratti, Gec Art, 999, BR1, Opiemme.
Architettura
La sezione della mostra dedicata all’architettura, curata da Barbara Brondi e Marco Rainò,
presenta una rassegna di professionisti torinesi attivi dagli anni ’90 all’interno dei confini dell’area
metropolitana, capaci di sviluppare progetti in altre città d’Italia e all’estero. Partendo dai progetti
realizzati, è messo in mostra quel processo creativo che porta alla costruzione di uno spazio
abitabile, in un inventario compreso tra la scala domestica e quella urbana. Lavori di: Archicura,
Bottega Studio, Camerana & Partners, carlorattiassociati – Walter Nicolino & Carlo Ratti, Cliostraat,
Elastico SPA, Frlan+Jansen Architetti, Raimondo Guidacci, maat architettura, MARC, Negozio Blu,
Luciano Pia, Picco Architetti, Studioata, Studio Granma, UdA, ventidieci architetti associati.
Cinema
La sezione cinema è rappresentata da un film inedito di Marco Ponti, Il cinema a Torino (è una
storia d’amore), montaggio di scene d’amore e passione dei film torinesi negli ultimi quindici anni.
Baci, abbracci, corpi che si amano, che corrono dall’amata, che piangono per amore, che ridono,
insomma, tutto ciò che è l’anima di una bella storia d’amore. Colonna sonora del film è Incantevole
dei Subsonica.
Letteratura
A completamento del progetto KM011 il Circolo dei Lettori di Torino, organizzerà tre serate a tema
coordinate da Enrico Remmert e incentrate sulla straordinaria vitalità del panorama letterario
torinese.
Il primo dei tre appuntamenti sempre al Museo Regionale di Scienze Naturali, dal titolo “Torino vista di lato”,
previsto per martedì 15 febbraio alle ore 21, offre alcuni punti di vista sulla città di scrittori non torinesi ma
“naturalizzati” torinesi e scrittori nati o cresciuti sotto la Mole ma che non vivono più in città. Tra gli ospiti:
Hamid Ziarati, Benedetta Cibrario, Younis Tawfik.
Il secondo incontro, martedì 1 marzo alle 21, intitolato “Torino, la città visibile”, pone al centro della
riflessione lo sguardo indispensabile che alcuni scrittori rivolgono alla loro città. Tra gli ospiti:
Giuseppe Culicchia, Luca Rastello, Dario Voltolini, Christian Frascella, Ernesto Aloia.
L’ultimo appuntamento, martedì 15 marzo, alle ore 21, è dedicato a “Torino controluce”, un incontro
con scrittori torinesi che usano la città solo come sfondo indistinto. Tra gli ospiti: Marco Lazzarotto,
Fabio Geda, Paolo Giordano, Andrea Bajani, Davide Longo.
Nel corso dell’esposizione KM011, in cartellone fino al 3 aprile 2011, sono previste inoltre
due serate speciali a tema, dedicate rispettivamente alla musica e alla moda, quest’ultima in
particolare sarà organizzata dall’Istituto Europeo di Design di Torino.

Km 011, Courtesy of Styefano FassoneE’ possibile utilizzare per una mostra d’arte il modello di consumo sostenibile a filiera corta noto come “chilometro zero”? La risposta è si se la mostra nasce per dimostrare che è possibile dar vita ad un’esposizione di alto livello con un budget ridotto e attingendo esclusivamente alle risorse artistiche del proprio territorio di riferimento.

“KM011 è una scommessa già vinta in partenza per il risultato raggiunto: dimostrare che possiamo realizzare iniziative di qualità con risorse razionalizzate. Ecco perché ho accettato e condiviso la proposta di Luca Beatriceafferma l’Assessore alla Cultura della Regione Piemonte, MicheleCoppola. “Una sfida - quella di coniugare contenuti e investimenti, senza compromettere la qualità del risultato - che un ente pubblico deve avere il coraggio di affrontare. In prima persona.” Spiega l’Assessore: “Il grande merito di km011 è quello di far conoscere valorizzare le tante (e talvolta dimenticate) eccellenze artistiche di questo territorio e di rivolgersi a un pubblico più vasto possibile”.

E’ così che nasce KM011, la mostra-evento che inaugura oggi 11 febbraio a Torino presso il Museo Regionale di Scienze Naturali di via Giolitti 36, un progetto ideato da Luca Beatrice, realizzato dalla Regione Piemonte, con la collaborazione del Teatro Stabile di Torino l’Istituto Europeo di Design di Torino, con il patrocinio dell’O.A.T. - l’Ordine degli Architetti della Provincia di Torino – e il sostegno di FIP - Film Investimenti Piemonte - che intende raccontare al pubblico le straordinarie contaminazioni tra arti visive, architettura, cinema, letteratura, che hanno accompagnato la trasformazione di Torino dal 1995 a oggi, da città della grande industria a capitale della cultura contemporanea.

Questo percorso comincia negli anni ’90: in uno dei decenni più difficili della sua storia, ma allo stesso tempo un momento particolarmente creativo e stimolante, Torino rafforza la propria identità di città laboratorio, incubatrice delle sperimentazioni, nucleo di attrazione per la cosiddetta “nuova classe creativa”.

KM011 vuole essere una mostra “a chilometro zero” – dichiara Luca Beatrice – dopo anni di prestigiose vetrine internazionali che non hanno lasciato molto sul territorio. Negli ultimi anni Torino si è data un limite: creare una fitta rete sistemica e museale senza investire né valorizzare a sufficienza le ricchezze della produzione locale. Questa mostra intende fare proprio l’opposto, dando spazio agli artisti locali e allo stesso tempo creando un humus favorevole per i numerosi operatori che costituiscono oggi la spina dorsale del sistema artistico torinese e regionale.”.

Realizzata con un budget complessivo di 60mila euro, KM011 testimonia la possibilità di dar vita in ambito culturale a processi economicamente sostenibili, basati sulla qualità all’interno di un’economia virtuosa. In tale cifra è compreso anche l’allestimento della mostra che sarà curato dal Teatro Stabile di Torino ed un ricco catalogo illustrato, di oltre 200 pagine, edito da Umberto Allemandi & C.

KM011 si snoda in quattro filoni tematici, arti visive, architettura, cinema, letteratura, con l’aggiunta di due eventi speciali dedicati alla musica e alla moda.

Arti visive

La mostra comprende opere di pittura, arte concettuale, video, fotografia e tutti gli altri linguaggi contemporanei prodotti dal 1995 al 2011, in un percorso tra le tre ultime generazioni di artisti, oggi tra i 50 e i 20 anni circa. Il primo capitolo è incentrato sulla “rivoluzione figurativa”, pittorica e fotografica, che prese il via già alla fine degli anni ’80 per svilupparsi nel decennio successivo, protagonisti tra gli altri Daniele Galliano, Monica Carocci, Enrico De Paris, Bartolomeo Migliore Sergio Cascavilla. Nei maturi anni ’90 si afferma invece la sovrapposizione degli stili e dei linguaggi, le opere risentono dell’ambientazione metropolitana, dell’intimismo domestico, della teoria dei non luoghi. Gli artisti di questa sezione sono: Paolo Leonardo, Francesco Sena, Paolo Grassino, Giulia Caira, Maura Banfo, Enrico Iuliano, Nicola Bolla, Nicus Lucà, Elisa Gallenca, Saverio Todaro, Laura Viale,Valerio Berruti, CONIGLIOVIOLA, Fabio Viale, Chiara Pirito, Francesca Forcella, Irina Novarese. Ulteriore sguardo è dedicato alle emergenze contemporanee, al materiale magmatico e “in fieri” che domina il presente, rivelando una straordinaria vivacità del panorama torinese. Significativa anche la presenza di “Street Artists”.

Diego Scroppo, Alessandro Gioiello, Alfredo Aceto, Nadir Valente, Guglielmo Castelli, Maya Quattropani, Michelangelo Castagnotto, Daniele RattiGec Art, 999, BR1, Opiemme.

Architettura

La sezione della mostra dedicata all’architettura, curata da Barbara Brondi Marco Rainò, presenta una rassegna di professionisti torinesi attivi dagli anni ’90 all’interno dei confini dell’area metropolitana, capaci di sviluppare progetti in altre città d’Italia e all’estero. Partendo dai progetti realizzati, è messo in mostra quel processo creativo che porta alla costruzione di uno spazio abitabile, in un inventario compreso tra la scala domestica e quella urbana. Lavori di: Archicura, Bottega Studio, Camerana & Partners, carlorattiassociati – Walter Nicolino & Carlo Ratti, Cliostraat, Elastico SPA, Frlan+Jansen Architetti, Raimondo Guidacci, maat architettura, MARC, Negozio Blu, Luciano Pia, Picco Architetti, Studioata, Studio Granma, UdA, ventidieci architetti associati.

Cinema

La sezione cinema è rappresentata da un film inedito di Marco Ponti, Il cinema a Torino (è una storia d’amore), montaggio di scene d’amore e passione dei film torinesi negli ultimi quindici anni. Baci, abbracci, corpi che si amano, che corrono dall’amata, che piangono per amore, che ridono, insomma, tutto ciò che è l’anima di una bella storia d’amore. Colonna sonora del film è Incantevole dei Subsonica.

Letteratura

A completamento del progetto KM011 il Circolo dei Lettori di Torino, organizzerà tre serate a tema coordinate da Enrico Remmert e incentrate sulla straordinaria vitalità del panorama letterario torinese.

Il primo dei tre appuntamenti sempre al Museo Regionale di Scienze Naturali, dal titolo “Torino vista di lato”, previsto per martedì 15 febbraio alle ore 21, offre alcuni punti di vista sulla città di scrittori non torinesi ma “naturalizzati” torinesi e scrittori nati o cresciuti sotto la Mole ma che non vivono più in città. Tra gli ospiti:

Hamid Ziarati, Benedetta Cibrario, Younis Tawfik. Il secondo incontro, martedì 1 marzo alle 21, intitolato “Torino, la città visibile”, pone al centro della riflessione lo sguardo indispensabile che alcuni scrittori rivolgono alla loro città. Tra gli ospiti: Giuseppe Culicchia, Luca Rastello, Dario Voltolini, Christian Frascella, Ernesto Aloia.

L’ultimo appuntamento, martedì 15 marzo, alle ore 21, è dedicato a “Torino controluce”, un incontro con scrittori torinesi che usano la città solo come sfondo indistinto. Tra gli ospiti: Marco Lazzarotto, Fabio Geda, Paolo Giordano, Andrea Bajani, Davide Longo.

Nel corso dell’esposizione KM011, in cartellone fino al 3 aprile 2011, sono previste inoltre due serate speciali a tema, dedicate rispettivamente alla musica e alla moda, quest’ultima in particolare sarà organizzata dall’Istituto Europeo di Design di Torino.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende