Home » Comunicati Stampa »Rassegna Stampa » L’indice dei paesi più “rinnovabili” secondo Ernst & Young:

L’indice dei paesi più “rinnovabili” secondo Ernst & Young

dicembre 17, 2010 Comunicati Stampa, Rassegna Stampa

Ernst & youngLa Cina ha ormai consolidato a livello mondiale la posizione di leader nelle energie rinnovabili e nuovi paesi entrano come principali attori sul mercato. Un nuovo ordine mondiale sembra dunque emergere nel settore delle energie pulite, secondo la nuova edizione del report Renewable Energy Country Attractiveness Indices di Ernst & Young, che analizza 30 paesi.

La spesa record della Cina per l’eolico nel terzo trimestre 2010 ha rappresentato quasi la metà di tutti gli investimenti in quest’energia a livello mondiale. I dati del secondo trimestre parlavano già di una cifra intorno ai 10 miliardi di dollari, su un totale mondiale di 20,5. La conseguenza è che quest’anno praticamente una turbina su due tra quelle realizzate nel mondo è entrata in funzione in Cina.

Gli Stati Uniti, leader dell’indice da novembre 2006 a maggio 2010, sono ora distanziati di cinque punti. Le continue ripercussioni della crisi finanziaria, i bassi prezzi del gas e l’incertezza del contesto politico di medio-lungo termine hanno causato la perdita di un punto in questo trimestre per gli Stati Uniti, mentre la Cina è cresciuta di due.

L’Italia perde una posizione scendendo al sesto posto, scavalcata dal Regno Unito che avanza di un punto a seguito della revisione governativa della spesa pubblica e in particolare la pubblicazione del National Infrastructure Plan, entrambi segnali del forte supporto alle rinnovabili e a specifici investimenti nell’eolico offshore.

Spiega Andrea Paliani, EMEIA Leader di Ernst & Young per i servizi di consulenza nel settore Power & Utilities: “Da quando in settembre ha raggiunto la prima posizione del nostro indice, la Cina ha creato un gap “salutare” dagli altri mercati. Le tecnologie pulite (cleantech), di cui le rinnovabili fanno parte, rappresentano una parte significativa nei piani di crescita economica del paese”.

Continua Paliani: “Il livello di produzione eolica che sta raggiungendo la Cina mostra quali risultati si possono ottenere tramite un’accurata politica industriale ed energetica, che elevi le tecnologie pulite al livello più alto nelle strategie nazionali. Anche l’industria cinese del solare sta guadagnando rapidamente importanza nel mercato mondiale”.

Quest’edizione degli indici include quattro nuovi protagonisti: Corea del Sud, Romania, Egitto e Messico. La Corea del Sud guida il gruppo in 18° posizione, sulla scorta di obiettivi ambiziosi, forti incentivi e una solida supply chain. Romania ed Egitto sono entrambe al 22° posto, soprattutto grazie all’eolico. Completa il quadro il Messico, 25simo grazie ad obiettivi importanti e a risorse notevoli nel solare e nell’eolico.

Commenta Paliani: “La Corea del Sud, uno dei maggiori consumatori di energia al mondo, ha portato l’attenzione sulle energie pulite ai massimi livelli nella strategia nazionale tramite il piano quinquennale “National Strategy for Green Growth” annunciato nel 2009. L’implementazione del piano consentirà al paese di dirigersi verso un’economia a bassa emissione e maggior efficienza, potenziando inoltre la propria piattaforma per l’innovazione”.

Il Giappone guadagna tre punti nell’indice, guidato dal potenziale nel mercato delle cellule solari, per il quale è prevista entro il 2020 una crescita di quattro volte dai livelli del 2009, fino a raggiungere quota 487,1 miliardi di Yen (4,3 miliardi di euro), grazie a politiche governative sul clima come la “solar installation subsidy FITs” introdotta nel 2009.

Tra gli altri paesi, anche l’India cresce di un punto a seguito della finalizzazione, da parte di sette stati federali, delle normative per il commercio dei certificati energetici e delle bozze preparate da altri nove.

La Repubblica Ceca è l’unico paese ad essere uscito dalla top 30, soprattutto a causa dei piani parlamentari di rimozione o riduzione significativa delle sovvenzioni per il solare.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

febbraio 13, 2017

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

Motivata da una forte coscienza sociale, predisposta a esperienze di possesso on demand, e con una grande apertura alla condivisione di beni e servizi propria della sharing economy, la generazione dei Millennials (i nati tra il 1980 e il 2000) sta cambiando il modo con cui le aziende – tra cui i costruttori di automobili [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende