Home » Comunicati Stampa »Internazionali »Politiche » L’appello di Slow Food alla COP22: “serve cambio di paradigma del sistema alimentare”:

L’appello di Slow Food alla COP22: “serve cambio di paradigma del sistema alimentare”

A Marrakech proseguirà fino al 18 novembre 2016 la XXII Conferenza delle Parti (COP 22) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici. A differenza della COP 21, che ha ignorato completamente il tema dell’agricoltura, la COP22 prenderà in considerazione l’argomento, ma in modo marginale. L’assemblea discuterà infatti gli effetti del cambiamento climatico sull’agricoltura, senza tuttavia valutare adeguatamente l’enorme responsabilità che l’agricoltura industriale ha su di esso.

Per questo l’associazione Slow Food ha lanciato l’appello “Non mangiamoci il clima” e ha reso noto, già nei giorni scorsi, in apertura del summit internazionale, che rimarrà su posizioni critiche, qualora i rappresentanti dei Paesi e delle istituzioni internazionali riuniti a Marrakech non decidano di tenere in seria considerazione il ruolo decisivo del sistema alimentare, per via delle sue profonde connessioni con il clima, senza relegarlo ai margini della discussione.

Il primo elemento su cui Slow Food ritiene si debba lavorare riguarda la produzione industriale e il consumo di carne, responsabili del 14,5% delle emissioni di gas serra. È necessario, secondo l’associazione, un intervento radicale e congiunto che miri a educare i consumatori affinché modifichino la propria dieta, diminuendone fortemente la componente carnea, a premiare gli allevamenti virtuosi di piccola e media scala e a ridurre gli allevamenti intensivi (Slow Food lavora in questo senso attraverso la campagna Slow Meat).

Un altro ambito riguarda la fertilità del suolo. Un suolo sano, vivo, ricco di sostanze organiche garantisce la sicurezza alimentare e la conservazione della biodiversità e serve a proteggerci dai disastri ambientali, dai cambiamenti climatici, dalle emergenze alimentari. Tutelarlo è indispensabile per garantire un futuro agli uomini, alle piante e agli animali. Slow Food ritiene dunque che sia indispensabile riconoscere il suolo come patrimonio comune e tutelarlo dall’eccessiva cementificazione, dalla contaminazione, dall’erosione, dalla perdita di materia organica e dalla perdita di biodiversità. Per questo è tra i promotori dell’iniziativa europea People4Soil.

Secondo Carlo Petrini, presidente di Slow Food: «Intervenire sulle questioni della produzione e consumo di carne nonché della fertilità dei suoli significa modificare il modello agroalimentare industriale della crescita infinita e del liberismo economico. L’impatto di questo sistema si sta rivelando sempre più devastante. Per affrontare il problema del riscaldamento climatico, è essenziale che i governi rinnovino e rafforzino il loro impegno per limitare le emissioni, ma non è sufficiente: è necessario cambiare paradigma – economico, sociale e culturale – e promuovere, anche con le politiche internazionali in discussione alla COP22, politiche internazionali in grado di trasformare radicalmente il sistema alimentare attuale».

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende