Home » Comunicati Stampa »Eventi »Green Economy » Ecoturismo, ma non troppo! La questione dei “numeri” al 5° Workshop IMAGE:

Ecoturismo, ma non troppo! La questione dei “numeri” al 5° Workshop IMAGE

ecoturismo“Il turismo a livello planetario ha oggi un rilievo enorme: ogni anno sposta un miliardo di persone in tutto il mondo. Ovviamente un flusso simile ha un impatto gigantesco sull’ambiente; impatto che è necessario ridurre adottando una serie di buone pratiche in direzione della sostenibilità”. Così l’ex Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, oggi presidente della Fondazione UniVerde, ha sintetizzato la “questione turismo sostenibile”, affrontata nelle sue declinazioni durante il 5° Workshop Nazionale I.MA.G.E, venerdì 16 ottobre presso il Circolo dei Lettori di Torino, nel contesto del 3° Forum Mondiale delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Economico Locale.

La crescente onda verde dell’ecoturismo – in Italia come nel resto del mondo – potrebbe infatti avere un rovescio della medaglia. “Quando anche l’ecoturismo comincia a diventare di massa, bisogna interrogarsi seriamente su quale sia il limite della sostenibilità. Come nel caso, ad esempio, delle crociere che portano migliaia di turisti a visitare le bellezze naturali delle Cinque Terre”, ha osservato Michele Pagani, rappresentante della Regione Liguria.

Oggi l’ecoturismo non è più un settore di nicchia – ha spiegato Marco Moretti, giornalista di viaggi e fondatore del sito Ecoturismoreport – Ogni anno ci sono 350 milioni di visitatori nei parchi americani, 110 milioni di escursionisti sulle Alpi, 60 navi da crociera rompighiaccio all’Antartide. Lungo il percorso per il campo base dell’Everest si arriva, durante l’alta stagione, a 10mila escursionisti al mese. Certo, rispetto alla popolazione mondiale, quei 50-60 mila scalatori che vanno sull’Everest ogni anno sono una percentuale minima, ma sono comunque troppi per un ecosistema così delicato. L’accessibilità può diventare, in certi casi, un grosso problema”.

Per tutelare l’equilibrio degli ecosistemi e proteggerli dall’impatto che nemmeno l’ecoturista più consapevole riesce ad evitare, è necessario dunque promuovere e incentivare buone pratiche e idee innovative che aiutino la sostenibilità dal punto di vista di strutture e infrastrutture, dei prodotti, dei trasporti e anche dell’educazione degli stessi turisti. Cominciando ad esempio, come ha detto Edoardo Croci dello IEFE Bocconi, “da una vera e obiettiva valutazione di costi e ricavi delle attività turistiche, che comprenda non solo le ricadute economico-sociali, ma anche quelle (negative) sull’ambiente” e “facendo attenzione – come ha ricordato Fabrizio Bo di Legambiente – che sotto l’etichetta di ecoturismo vadano a finire imprese davvero sostenibili”.

Di buone pratiche e incentivi hanno parlato innanzitutto i rappresentanti delle Regioni, concentrandosi in particolare sulla realizzazione di infrastrutture per il trekking e il cicloturismo, ma segnalando anche alcune nuove iniziative: come il bando per start up di servizi lungo le piste ciclabili di VenTOannunciato da Paola Casagrande della Regione Piemonte – che offrirà fino a 10.000 euro a fondo perduto a ciascun richiedente; il treno transfrontaliero bike-friendly per viaggiare con bici al seguito, raccontato da Alice Venaruzzo dell’Agenzia per il Turismo di Friuli Venezia Giulia; o i percorsi a dorso d’asino che, come ha spiegato Francesco di Filippo, si cominciano a sperimentare per il turismo sull’Appennino abruzzese. Ma anche, sempre in Abruzzo, la premialità per chi ristruttura vecchi edifici con criteri documentabili di sostenibilità ambientale.

Dal pubblico al privato, le buone pratiche passano dall’operato di chi nel settore turismo lavora da decenni. Se cominciano ad affermarsi le certificazioni di sostenibilità – come l’Ecolabel rilasciata dall’Arpa o la certificazione LEED per l’edilizia, promossa in Italia dal Green Building Council – è però sulla mentalità dei tour operator che bisogna lavorare: è lì, come ha osservato Alberto Arossa di Slow Food, che “sarebbe necessario un profondo rinnovamento”.  Su questa strada si concentra ad esempio la rete di Eco World Hotel che, come ha spiegato il presidente Alessandro Bisceglia, partendo dalla constatazione che una struttura alberghiera inquina quattro volte di più di un edificio civile, cerca di portare gli albergatori italiani sulla strada della sostenibilità promuovendo buone pratiche e rilasciando attestati di garanzia.

Un grande aiuto nel raccogliere e connettere esperienze, prodotti, luoghi e persone che lavorano per un turismo sostenibile lo sta dando anche il web. Sono veri e propri network quelli che si stanno formando attorno a EcoBnB, fondato da Simone Riccardi come motore di ricerca per strutture turistiche ecosostenibili; a Route 220, che Franco Barbieri e Caterina Solcia hanno ideato pensando alle difficoltà di chi viaggia con auto elettriche per ricaricare la vettura; o a Foodraising, inventato da Simone Martino per la gioia dei buongustai che cercano prodotti regionali tipici, biologici e a km0.

Per un vero cambiamento di mentalità, sia dei tour operator che degli stessi turisti, sarà infine sempre più fondamentale – ha ricordato Stefano Picchi dell’Università di Bologna – il ruolo dell’informazione e dell’educazione. Perché concetti come sostenibilità, viaggio consapevole ed ecoturismo si diffondano capillarmente in tutta la società, c’è bisogno di una narrazione che li raccolga e li riproponga attraverso il filtro dell’emozione o dell’epica. A costruire la “narrazione dell’ecoturismo” contribuiscono esperienze come quella della record woman Paola Gianotti, la più veloce a fare il giro del mondo in bicicletta, o del Bike Pride di Torino, che riesce a portare in piazza 30mila bici; pionieri come la ecopsicologa Marcella Danon o la comunità che ha recuperato il borgo medievale di Torri Superiore, in Liguria, per trasformarlo in un ecovillaggio; associazioni come quella delle Guide Ambientali Escursionistiche (ben 2000 iscritti in Italia), che si adoperano per riavvicinare all’ambiente naturale i cittadini sempre più “denaturalizzati”, o il gruppo di artisti e scrittori fondatori della Scuola del Viaggio, un think-tank di corsi, idee e attività per imparare ad entrare davvero in contatto con un territorio, non solo ad attraversarlo da turisti distratti. Perché ecoturismo, come diceva Bob Brown, vuol dire soprattutto attenzione verso ciò che ci sta intorno per ritrovare sé stessi.

Giorgia Marino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende