Home » Comunicati Stampa »Eventi »Green Economy » Ecoturismo, ma non troppo! La questione dei “numeri” al 5° Workshop IMAGE:

Ecoturismo, ma non troppo! La questione dei “numeri” al 5° Workshop IMAGE

ecoturismo“Il turismo a livello planetario ha oggi un rilievo enorme: ogni anno sposta un miliardo di persone in tutto il mondo. Ovviamente un flusso simile ha un impatto gigantesco sull’ambiente; impatto che è necessario ridurre adottando una serie di buone pratiche in direzione della sostenibilità”. Così l’ex Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, oggi presidente della Fondazione UniVerde, ha sintetizzato la “questione turismo sostenibile”, affrontata nelle sue declinazioni durante il 5° Workshop Nazionale I.MA.G.E, venerdì 16 ottobre presso il Circolo dei Lettori di Torino, nel contesto del 3° Forum Mondiale delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Economico Locale.

La crescente onda verde dell’ecoturismo – in Italia come nel resto del mondo – potrebbe infatti avere un rovescio della medaglia. “Quando anche l’ecoturismo comincia a diventare di massa, bisogna interrogarsi seriamente su quale sia il limite della sostenibilità. Come nel caso, ad esempio, delle crociere che portano migliaia di turisti a visitare le bellezze naturali delle Cinque Terre”, ha osservato Michele Pagani, rappresentante della Regione Liguria.

Oggi l’ecoturismo non è più un settore di nicchia – ha spiegato Marco Moretti, giornalista di viaggi e fondatore del sito Ecoturismoreport – Ogni anno ci sono 350 milioni di visitatori nei parchi americani, 110 milioni di escursionisti sulle Alpi, 60 navi da crociera rompighiaccio all’Antartide. Lungo il percorso per il campo base dell’Everest si arriva, durante l’alta stagione, a 10mila escursionisti al mese. Certo, rispetto alla popolazione mondiale, quei 50-60 mila scalatori che vanno sull’Everest ogni anno sono una percentuale minima, ma sono comunque troppi per un ecosistema così delicato. L’accessibilità può diventare, in certi casi, un grosso problema”.

Per tutelare l’equilibrio degli ecosistemi e proteggerli dall’impatto che nemmeno l’ecoturista più consapevole riesce ad evitare, è necessario dunque promuovere e incentivare buone pratiche e idee innovative che aiutino la sostenibilità dal punto di vista di strutture e infrastrutture, dei prodotti, dei trasporti e anche dell’educazione degli stessi turisti. Cominciando ad esempio, come ha detto Edoardo Croci dello IEFE Bocconi, “da una vera e obiettiva valutazione di costi e ricavi delle attività turistiche, che comprenda non solo le ricadute economico-sociali, ma anche quelle (negative) sull’ambiente” e “facendo attenzione – come ha ricordato Fabrizio Bo di Legambiente – che sotto l’etichetta di ecoturismo vadano a finire imprese davvero sostenibili”.

Di buone pratiche e incentivi hanno parlato innanzitutto i rappresentanti delle Regioni, concentrandosi in particolare sulla realizzazione di infrastrutture per il trekking e il cicloturismo, ma segnalando anche alcune nuove iniziative: come il bando per start up di servizi lungo le piste ciclabili di VenTOannunciato da Paola Casagrande della Regione Piemonte – che offrirà fino a 10.000 euro a fondo perduto a ciascun richiedente; il treno transfrontaliero bike-friendly per viaggiare con bici al seguito, raccontato da Alice Venaruzzo dell’Agenzia per il Turismo di Friuli Venezia Giulia; o i percorsi a dorso d’asino che, come ha spiegato Francesco di Filippo, si cominciano a sperimentare per il turismo sull’Appennino abruzzese. Ma anche, sempre in Abruzzo, la premialità per chi ristruttura vecchi edifici con criteri documentabili di sostenibilità ambientale.

Dal pubblico al privato, le buone pratiche passano dall’operato di chi nel settore turismo lavora da decenni. Se cominciano ad affermarsi le certificazioni di sostenibilità – come l’Ecolabel rilasciata dall’Arpa o la certificazione LEED per l’edilizia, promossa in Italia dal Green Building Council – è però sulla mentalità dei tour operator che bisogna lavorare: è lì, come ha osservato Alberto Arossa di Slow Food, che “sarebbe necessario un profondo rinnovamento”.  Su questa strada si concentra ad esempio la rete di Eco World Hotel che, come ha spiegato il presidente Alessandro Bisceglia, partendo dalla constatazione che una struttura alberghiera inquina quattro volte di più di un edificio civile, cerca di portare gli albergatori italiani sulla strada della sostenibilità promuovendo buone pratiche e rilasciando attestati di garanzia.

Un grande aiuto nel raccogliere e connettere esperienze, prodotti, luoghi e persone che lavorano per un turismo sostenibile lo sta dando anche il web. Sono veri e propri network quelli che si stanno formando attorno a EcoBnB, fondato da Simone Riccardi come motore di ricerca per strutture turistiche ecosostenibili; a Route 220, che Franco Barbieri e Caterina Solcia hanno ideato pensando alle difficoltà di chi viaggia con auto elettriche per ricaricare la vettura; o a Foodraising, inventato da Simone Martino per la gioia dei buongustai che cercano prodotti regionali tipici, biologici e a km0.

Per un vero cambiamento di mentalità, sia dei tour operator che degli stessi turisti, sarà infine sempre più fondamentale – ha ricordato Stefano Picchi dell’Università di Bologna – il ruolo dell’informazione e dell’educazione. Perché concetti come sostenibilità, viaggio consapevole ed ecoturismo si diffondano capillarmente in tutta la società, c’è bisogno di una narrazione che li raccolga e li riproponga attraverso il filtro dell’emozione o dell’epica. A costruire la “narrazione dell’ecoturismo” contribuiscono esperienze come quella della record woman Paola Gianotti, la più veloce a fare il giro del mondo in bicicletta, o del Bike Pride di Torino, che riesce a portare in piazza 30mila bici; pionieri come la ecopsicologa Marcella Danon o la comunità che ha recuperato il borgo medievale di Torri Superiore, in Liguria, per trasformarlo in un ecovillaggio; associazioni come quella delle Guide Ambientali Escursionistiche (ben 2000 iscritti in Italia), che si adoperano per riavvicinare all’ambiente naturale i cittadini sempre più “denaturalizzati”, o il gruppo di artisti e scrittori fondatori della Scuola del Viaggio, un think-tank di corsi, idee e attività per imparare ad entrare davvero in contatto con un territorio, non solo ad attraversarlo da turisti distratti. Perché ecoturismo, come diceva Bob Brown, vuol dire soprattutto attenzione verso ciò che ci sta intorno per ritrovare sé stessi.

Giorgia Marino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende