Home » Comunicati Stampa » Il vento spinge la ripresa, previsti 5000 posti di lavoro l’anno:

Il vento spinge la ripresa, previsti 5000 posti di lavoro l’anno

settembre 16, 2011 Comunicati Stampa

Una crescita di 5.000 posti di lavoro l’anno da qui al 2020, per passare dagli attuali 29mila fino a circa 67mila. Sono questi i dati presentati da Anev (Associazione Nazionale Energia del Vento) e Uil (Unione Italiana del Lavoro) durante la sessione inaugurale della nona edizione di Eolica Expo Mediterranean, il salone internazionale per l’energia dal vento, in programma fino a venerdì 16 settembre alla Fiera di Roma.

“Le prospettive sono molto positive, ma per ottenere questi risultati è indispensabile una politica che favorisca gli investimenti”, ha dichiarato Simone Togni , presidente di Anev.

“Per le rinnovabili nel loro insieme tutti gli studi concordano su una crescita, nel nostro Paese, di almeno 250 mila occupati da qui al 2020″, ha spiegato Paolo Carcassi della Uil. “La tendenza positiva riguarda tutta l’Europa: basti pensare che in Germania, ad esempio, le persone occupate nelle rinnovabili hanno già superato quelle del comparto automobilistico“.

La forte crescita dell’eolico è stata confermata anche da Costantino Leto del Gse (Gestore Servizi Elettrici), che ha dichiarato: “Dal 2007 al 2010 l’eolico ha registrato una crescita del 140% per numero di installazioni e del 114% per potenza. Per proseguire in questa direzione sono però necessarie alcune condizioni: sviluppo dell’efficienza energetica, stabilità e sostenibilità degli incentivi, crescita delle filiere tecnologiche nazionali, sviluppo delle reti elettriche e semplificazione ed efficacia dei procedimenti autorizzativi“.

“Dal 2011 al 2020 investiremo 7,5 miliardi di euro per lo sviluppo della rete elettrica nazionale di trasmissione e favorire lo sviluppo delle energie rinnovabili – ha dichiarato Stefano Tosi di Terna - Prevediamo 140 nuove stazioni e oltre 5.000 chilometri di nuovi elettrodotti; ci auguriamo, però, che il Governo riveda le sue posizioni sulla Robin Tax, che rischia di deprimere anche i nostri investimenti”.

“Tutta l’Europa punta sulle rinnovabili e, in questo contesto, l’eolico svolge un ruolo molto importante – ha affermato Jacopo Moccia di Ewea (European Wind Energy Association) – In Danimarca già un quarto del fabbisogno energetico è soddisfatto dall’energia del vento, mentre in Italia l’eolico incide per il 3,2%. È Interessante rilevare come, analizzando i tassi di crescita negli ultimi anni, l’eolico esca ampiamente vincente dal raffronto con il nucleare, che si è sviluppato a ritmi molto più bassi“.

In occasione del convegno è stato letto anche un messaggio di Renata Polverini, presidente della Regione Lazio, secondo cui “Le forme pulite di energia sono in rapida crescita anche nel Lazio e la Regione punta molto, e con decisione, su queste fonti, sfruttando al meglio tutte le risorse. L’obiettivo prioritario è quello di conciliare lo sviluppo dell’energia pulita in armonia con l’ambiente naturale che la ospita, tutelando il territorio e promuovendo l’occupazione. Per noi è fondamentale operare per accrescere sempre più una corretta educazione ambientale, che non può essere disgiunta da una altrettanto efficace educazione alla sostenibilità. Da qui il ruolo centrale che abbiamo assegnato alle politiche di sostegno ai temi ambientali per una corretta gestione delle risorse naturali, consapevoli che solo difendendole potremo avere una buona qualità della vita per le attuali e future generazioni”.

Ieri mattina si è svolto anche il convegno “A mente fredda nel business dell’emission trading“, nel cui ambito è intervenuto Andrea Ferraretto dell’Ufficio Patto dei sindaci dell’amministrazione provinciale di Roma, che ha dichiarato: “Con il progetto Provincia Kyoto la giunta Zingaretti ha predisposto un piano di azione che punta all’innovazione del territorio e si propone degli obiettivi specifici in tema di sviluppo sostenibile”. Nel suo ruolo di struttura di supporto della Commissione Europea per il Patto dei Sindaci, la Provincia è impegnata attivamente nel rapporto con trenta comuni aderenti al patto e sta sostenendo le amministrazioni nella redazione dei loro bilanci CO2. “Il 4 ottobre - ha concluso Ferraretto – presenteremo i bilanci di quindici comuni”.

Per attivare interventi in grado di portare alla riduzione significativa delle emissioni di C02 e percorrere una via per una profitable clean economy, è infatti necessario agire sulla cultura del nostro Paese . “Occorre studiare misure – ha precisato Mannino Bordet del Ministero per lo Sviluppo Economico, Dipartimento per l’Energia – che facciano entrare la cultura C02 nella cultura generale. Come succede in altri Stati, si dovrebbero fissare regole alle quali dovrebbero attenersi almeno le maggiori catene di supermercati“.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende